Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
articoliChe Cultura

Biblioteca Estense non è un Museo. E' luogo di vita, oltre il silenzio

La Pressa
Logo LaPressa.it

Rammento l’animazione che si percepiva nelle sale, le macchine fotocopiatrici, il planetario per la riproduzione dei libri tutelati, i lettori dei microfilm...


Biblioteca Estense non è un Museo. E' luogo di vita, oltre il silenzio

Sono passata pochi giorni fa, con amici stranieri, a visitare la Biblioteca Estense. Erano curiosi di vederla e anche a me faceva piacere tornarci, dopo molto tempo. Mi sono resa conto che è tutta da riscoprire. Siamo partiti dalla temporary exhibition sull’Autografoteca Campori. Bella rassegna, ma prima delusione, l’assenza della Bibbia di Borso nella sua storica teca!

Poi, lo scorrere delle sale storiche: una gioia riscoprirle nella loro ripristinata originalità, dalle scaffalature settecentesche di Pietro Termanini a quelle ottocentesche, più rigorose e razionali, senza lo sconcio dei boxes di plexiglass e con le pavimentazioni di cotto, uniformemente tirato a lucido. E ancora, eliminate le calate di barre di neon, le luci attuali accarezzano, senza accecare i dorsi secolari dei libri e le straordinarie mappe e portolani, la Catalana, il Cantino, la Castiglione… Tutto impeccabile e solenne, in un’atmosfera di raccolto silenzio.
Ecco, proprio il silenzio mi ha colpita: non la ricordavo così, anzi! Rammento l’animazione che si percepiva nelle sale, le macchine fotocopiatrici, il planetario per la riproduzione dei libri tutelati, i lettori dei microfilm e delle microfiche, le stampanti… Silenzio. La Sala di Consultazione deserta, pochi gli impiegati, peraltro solerti e disponibili proprio come in passato li ricordavo, appassionati e consapevoli del ruolo e della storica grandezza del “loro” istituto. Un museo, mi sono detta, non è più una biblioteca, ma è diventata un museo!
Siamo nell’era digitale, molto è cambiato nella configurazione degli istituti di cultura, come biblioteche e archivi, ma l’Estense, biblioteca non sembra davvero più esserlo, in quanto, per sua stessa definizione, una biblioteca deve essere viva, non un’esposizione di libri o addirittura di dorsi da guardare. I libri vanno acquistati, sfogliati, consultati, studiati, letti, riprodotti, amati. Se da un lato ho visto con grande compiacimento la rinnovata bellezza del “vaso contenitore” e ho gioito per lo scampato pericolo del trasferimento nella sede del Sant’Agostino, dall’altro mi chiedo se sia stato giusto museificarla in questo modo.

Che fare? Ritornare a fornire i servizi di un tempo? Acquistare la produzione scientifica aggiornata relativa ai rami di maggior interesse per provvedere ai (già pochi) studiosi gli strumenti di approfondimento? Proseguire a tappeto con la digitalizzazione via via di tutti gli straordinari fondi? Molti anni fa Billanovich, mai troppo favorevole, anzi critico nei confronti delle mostre bibliografiche, lamentava che le rassegne di volumi esposti ai frontespizi, ai capopagina, alle legature, alle illustrazioni gli ricordavano le mostre di tabacchiere. Non sono della sua idea: anche le mostre bibliografiche possono avere efficacia e rigore, ma la biblioteca non deve ridursi a questo pena la perdita della propria essenza.
Anna Rosa Venturi - già direttore della Biblioteca Estense, e nel direttivo di Italia Nostra Modena



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Che Cultura - Articoli Recenti
Modena, nella Chiesa di Spilamberto ..
Sabato 11 giugno torneranno a Spilamberto due opere d’arte che da 75 anni, per ragioni di ..
09 Giugno 2022 - 14:50
Film su Ferrari, il regista Michael ..
Il regista è stato ricevuto nei giorni scorsi insieme ai rappresentanti di Emilia-Romagna ..
07 Giugno 2022 - 15:35
Modena, mostra 'punti incrociati': ..
Sono 7.619 i visitatori che, dal giorno dell’apertura di mercoledì 26 maggio a oggi, ..
07 Giugno 2022 - 14:53
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10
Anche Modena piange l'arciduchessa ..
Nella Chiesa di San Vincenzo in centro a Modena si terrà una recita del Santo Rosario
14 Gennaio 2022 - 17:17