La Marcia su Roma, il ruolo cruciale di Modena: domani convegno
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliChe Cultura

La Marcia su Roma, il ruolo cruciale di Modena: domani convegno

La Pressa
Logo LaPressa.it

Secondo gli studi condotti da Pietro Alberghi i nostri concittadini che si sono diretti verso Roma sono stati 1926


La Marcia su Roma, il ruolo cruciale di Modena: domani convegno
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Domani, sabato 26 novembre alle 18, presso l'auditorium dell'Ascom in via Piave 125 a Modena, si terrà un evento di approfondimento storico dedicato al coinvolgimento dei modenesi nella cosiddetta marcia su Roma. Quest'anno infatti ricorrono i 100 anni da quel 28 ottobre 1922 che vide le squadre fasciste marciare sulla capitale e che costituì il primo e decisivo passo per la conquista del potere da parte di Benito Mussolini.
Ospite della serata sarà Lorenzo Del Boca, già presidente nazionale dell'ordine dei giornalisti, che presenterà il suo libro Mussolini e la marcia su Roma, uscito nelle edicole in abbinamento a un quotidiano nazionale.
L'intervento di Del Boca sarà introduttivo al vero tema dell'incontro, che riguarda la partecipazione dei modenesi alla marcia su Roma e che verrà sviluppato dal giornalista Paolo Casolari.

Modena è stata una delle provincie che sia in termini assoluti, per numero di partecipanti, sia in termini relativi, in proporzione alla popolazione complessiva, ha fornito il maggior contributo a questo evento cruciale per la storia nazionale.
Secondo gli studi condotti da Pietro Alberghi nel suo Modena nel periodo fascista, ripresi poi da Bruno Zucchini in Modenesi in camicia nera, i nostri concittadini che si sono diretti verso Roma sono stati 1926. Quando si passa poi ad analizzare i comuni di provenienza si hanno delle sorprese. Ovviamente il contributo maggiore viene fornito da Modena, il comune più popoloso, con i suoi 338 partecipanti. Poi però si scopre che l'area geografica più partecipativa e più entusiasta è stata la pianura, la cosiddetta “bassa”. Se i 125 squadristi di Mirandola e i 116 di Carpi possono non stupire, trattandosi di comuni dalle dimensioni rilevanti, più sorprendenti sono i 117 partecipanti da Ravarino, di cui una buona parte provenienti dalla frazione di Stuffione.

Bomporto e San Possidonio hanno contribuito entrambi con 99 “marciatori”. Seguono poi Soliera con 88 camice nere e Cavezzo con 62. Contingenti numerosi sono poi partiti da Camposanto, Concordia, Finale, Medolla, Nonantola, Novi e San Propsero.

Scarsa invece la partecipazione dalla montagna dove il contingente più numeroso, 39 persone, è quello di Frassinoro mentre Pavullo, capitale del Frignano, ha partecipato con solo 19 squadristi, mentre Montefiorino si ferma a 6.
Anche la pedemontana, benché punteggiata da comuni di discrete dimensioni abitative, non ha dato un contributo molto rilevante. Sassuolo si ferma a 44 partecipanti, seguita da Vignola con 32 e Spilamberto con 24. Saltano all'occhio i 2 partecipanti da Fiorano, mentre Castelvetro con i sui 58 squadristi si colloca al di sopra della media.
A livello provinciale comunque il secondo comune per numero di partecipanti è San Felice con 162 squadristi, dato che per essere spiegato meriterebbe uno studio approfondito sui coefficienti economico e sociale del territorio.

Il libro Modenesi in camicia nera di Bruno Zucchini elenca tutti i 1926 nomi che tuttavia ci sembra corretto non riportare in sede giornalistica per rispetto della sensibilità delle famiglie.
L'appuntamento, promosso dalla Associazione Culturale Modena900 e moderato da Alessio Bononcini, è a ingresso libero e gratuito.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Acof onoranze funebri
Che Cultura - Articoli Recenti
Da un secolo all'altro: il giornalismo raccontato da Cesare Pradella
Questa sera la presentazione a Carpi. Tante storie e tanti fatti, emozioni, ricordi, in una ..
07 Giugno 2024 - 12:48
Concentrico Festival Carpi: dal 7 al via la nona edizione
Il festival transdisciplinare, intergenerazionale e site-specific, che fino al 16 giugno ..
03 Giugno 2024 - 10:05
Vignola, sabato concerto degli Elettrotubi
Al Circolo Ribalta, dalle 21.30 un'originale lettura della musica techno
29 Maggio 2024 - 17:17
Benozzo e Zanoni inaugurano la stagione al Castello di Montecuccolo
Il concerto, a ingresso libero, è organizzato dall’Associazione Terra e Identità con il ..
26 Maggio 2024 - 11:59
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli incatenava drogati. E stavano con lui
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17
Se la locomotiva di Guccini si schianta contro il muro della malafede
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59
Agamben: 'Dopo questi 2 anni metto in discussione la medicina stessa'
'Se non si ripensa da capo che cosa è progressivamente diventata la medicina non si potrà ..
04 Dicembre 2022 - 15:22
Quattro dolci tipici della cucina modenese
Il bensone, la bonissima, i tortelli fritti modenesi al savor e la torta Barozzi
01 Marzo 2021 - 17:51