L'Arpa di Benozzo: concerto a Serramazzoni
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliChe Cultura

L'Arpa di Benozzo: concerto a Serramazzoni

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il cantautore e poeta appenninico si esibisce in concerto al castello di Pompeano


L'Arpa di Benozzo: concerto a Serramazzoni
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Giovedì 11 luglio, alle ore 21, presso il Castello di Pompeano nel Comune di Serramazzoni si terrà un concerto di Francesco Benozzo, che con la sua arpa celtica e la sua arpa bardica proporrà un viaggio tra le musiche e i canti tradizionali dall’Appennino alle Isole del Nord. Il concerto, dal titolo “Di terra in terra”, è a ingresso gratuito, e si terrà anche in caso di maltempo, all’interno della Pieve medievale del castello stesso. Benozzo propone un’esplorazione di terre e culture attraverso le musiche e i canti tradizionali di luoghi apparentemente distanti, partendo dall’Appennino, passando dalle coste atlantiche della Galizia e della Bretagna, e arrivando all’Irlanda, al Galles, alla Scozia, fino alle Isole Faroer. Questo percorso intende mettere in evidenza la risonanza esistente tra mondi diversi e i modi in cui la cultura popolare ha saputo mantenere in vita, per millenni, una percezione delle cose fondata sulla ricerca della bellezza e su un anelito mai sopito verso la libertà.

Benozzo, che ha abitato in diverse parti del Frignano, oltre che aver trascorso lunghi anni in Galles, si esibisce per la prima volta nel Comune di Serramazzoni, dove risiede da ormai dodici anni. “Ho suonato diverse volte in Appennino – ha detto –, ma è certamente per me un’emozione particolare suonare proprio nel territorio in cui vivo da oltre un decennio, anche perché la sede che ospiterà il concerto è un luogo denso di suggestioni e atmosfere, e che sorge su strati di culture millenarie”. È un’estate piena di eventi per il cantautore e poeta appenninico, che sta portando in giro anche il concerto “Canto delle Isole remote” insieme al polistrumentista Fabio Bonvicini e “Sylvatica. Canti sciamanici erranti”, insieme alla danzatrice contemporanea e cantante Barbara Zanoni (entrambi i CD sono stati pubblicati alle Isole Faroer dalla casa discografica Tutl Records).

Nella seconda metà di luglio, l’arpista sarà di scena proprio alle Isole Faroer, ospite insieme a Barbara Zanoni del festival Folk “Summartonar”.
Poeta-musicista eclettico e mai scontato, Benozzo ha realizzato CD di diversa natura, tra cui – nel 2018 – l’album “Ytiddo. Benozzo Performs Bowie”, che è una sua interpretazione all’arpa di alcuni brani di David Bowie (che è stato presentato in un tour internazionale tra America, Gran Bretagna, Spagna e Danimarca), un CD sui canti anarchici italiani di fine Ottocento (“Libertà l’è morta”, insieme a Fabio Bonvicini), e alcuni album con canzoni dello stesso Benozzo, tra cui “Terracqueo” (finalista al Premio Tenco) e “L’inverno necessario” (che ha ottenuto il bollino di “Best Folk International Album” nel 2017). Nel 2022 è uscito il libro-CD “Cronache da un naufragio. Diario di due anni stupefacenti”, in cui, sempre con Bonvicini, vengono presentati brani ironici in stile cantautoriale contro la politica di gestione discriminatoria relativa all’emergenza pandemica (Benozzo è stato uno dei due soli docenti universitari su 70.000 sospesi per otto mesi per aver rifiutato di usare e presentare un “green pass” per lavorare).
“Di terra in terra” è forse il concerto che più rappresenta la sua ispirazione, nel costante dialogo tra l’Appennino e le tante terre del Nord in cui ha viaggiato. “I vari luoghi in cui ho viaggiato e viaggio sono per me soprattutto occasioni per guardare in modo diverso e con stupore rinnovato i luoghi appenninici, dentro i quali si muove, da sempre, ogni mio slancio poetico. In questo concerto cerco di mettere in scena, in una specie di piccolo viaggio anche autobiografico, tutti i diversi affioramenti di senso e di bellezza che i paesaggi custodiscono e che ciascuno di noi può rinnovare dentro se stesso. Se questo mio percorso ha un senso, credo che esso sia di restituire la bellezza e la libertà a chi ne è stato defraudato: cosa che il canto tradizionale ha sempre fatto, d’altronde, nei suoi millenni di vita lontano dal clamore delle società organizzate”.

Poeta, musicista e professore universitario, Benozzo ha all’attivo 800 pubblicazioni e 16 album registrati in studio. Come filologo (è professore all’Università di Bologna e “visiting professor” alla University of Bath, in Gran Bretagna) è il fondatore dell’etnofilologia, una disciplina che analizza i testi nel loro rapporto con le tradizioni orali e in una prospettiva libertaria e anti-autoritaria, ed è l’autore della rivoluzionaria teoria secondo la quale la nascita del linguaggio umano va retrodatata a 3 milioni e mezzo di anni fa, con l’avvento di Australopiteco. Come arpista e cantante si è esibito nei maggiori festival internazionali di World Music e in alcuni dei più importanti teatri tra Europa e America del Nord. Insignito del titolo di “Bardo Honorário” dalla Assembleia da Tradição Lusitana (Portogallo), nel 2019 gli è stata concessa una “Honorary Fellowship” dalla Poetry Foundation di Chicago, nel 2022 ha vinto il Premo Internazionale “Poeti dalla frontiera” e nel 2023 il Premio “Genus Loci” per la poesia. Unico nome italiano selezionato nel 2022 e 2023 per il prestigioso Berggruen Prize for Philosophy and Culture, dal 2015 è stabilmente candidato al Premio Nobel per la Letteratura, con candidature avanzate e rese pubbliche da prestigiose accademie internazionali, quali il PEN International – la maggiore associazione mondiale dedicata agli scrittori e ai poeti – la Global Academy for Liberal Arts e il Partnership Studies Group.
Il concerto di Pompeano è organizzato dal Comune di Serramazzoni con il patrocinio della Pro Loco di Serramazzoni. Alle 20 sarà possibile, per chi vuole, partecipare alla vista del castello organizzata da Pierluigi Piumi, e alle 20.30 si terrà un concerto di campane. Il concerto di Benozzo avrà inizio alle 21.


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati

Acof onoranze funebri
Che Cultura - Articoli Recenti
Fiorano, il grande cinema di Cannes al Cineporto
La nuova kermesse aumenta il numero dei film e conferma il focus sui temi del sociale
26 Giugno 2024 - 14:24
Sestola, prima edizione di Appennino in festa
Immersi nei boschi dell'appennino, la 3 giorni di festa organizzata da Andrea Casoni 'punta ..
24 Giugno 2024 - 16:26
Fanano, simposio internazionale di scultura
Nel fine settimana la 20esima edizione che aggiungerà sculture realizzate da grandi artisti..
22 Giugno 2024 - 07:10
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli incatenava drogati. E stavano con lui
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17
Se la locomotiva di Guccini si schianta contro il muro della malafede
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59
Agamben: 'Dopo questi 2 anni metto in discussione la medicina stessa'
'Se non si ripensa da capo che cosa è progressivamente diventata la medicina non si potrà ..
04 Dicembre 2022 - 15:22
Quattro dolci tipici della cucina modenese
Il bensone, la bonissima, i tortelli fritti modenesi al savor e la torta Barozzi
01 Marzo 2021 - 17:51