Modena, ecco la mostra Sol invictus: si indaga l'ambivalenza dell'uomo
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliChe Cultura

Modena, ecco la mostra Sol invictus: si indaga l'ambivalenza dell'uomo

La Pressa
Logo LaPressa.it

La mostra si apre con una data simbolica, il 21 dicembre, il primo giorno che segue la Notte di Yalda, festività tipica iraniana


Modena, ecco la mostra Sol invictus: si indaga l'ambivalenza dell'uomo
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Il 21 dicembre alle 19 a Modena, in Via Paolo Ferrari 51, inaugura il nuovo Project Space di Start60, “Area 51”, con la mostra 'Sol invictus'. L'esposizione, curata da Studio la Linea Verticale e che resterà allestita fino al 21 gennaio 2024, presenterà alcuni cicli di opere dell'artista iraniano Navid Azimi Sajadi, 'una celebrazione dell'arte che sfida il divario tra notte e giorno, nascita e morte, bene e male'.

La mostra si apre con una data simbolica, il 21 dicembre, il primo giorno che segue la 'Notte di Yalda', festività tipica iraniana che segna il passaggio dall'autunno all'inverno. Questa celebrazione millenaria, risalente a oltre 3000 anni fa, rappresenta la vittoria della luce sulle tenebre, una tradizione poi abbracciata da diverse religioni, tra cui l'Hinduismo, il Mitraismo e lo Zoroastrismo, tutte unite nella celebrazione della nascita di Mitra, il dio del sole e della luce.

Le opere esposte, imbevute di simbolismo e profondità, esplorano il divario tra notte e giorno, nascita e morte, bene e male. Azimi Sajadi invita gli spettatori a riflettere sull'ambivalenza dell'essere umano, una dualità intrinseca che spesso sfugge alla nostra comprensione. L'artista invita a esplorare la complessità della esistenza, rivelando che la luce e l'oscurità sono intrinsecamente intrecciate, e la loro coesistenza è essenziale per la trama della vita umana.

Navid Azimi Sajadi, nato a Teheran nel 1982, si forma in pittura presso la Facoltà di Architettura della Azad University di Teheran e l'Accademia di Belle Arti di Roma. Nel corso degli anni, ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Amedeo Modigliani nel 2009 e il Master of Fine Art in MultiMedia Sculpture presso l’Accademia di Belle Arti di Roma.

La sua presenza artistica si è estesa a livello internazionale, con la partecipazione alla IX Biennale di Shanghai nel 2013 e la vittoria della IX Edizione del Premio Combat Museum di Giovanni Fattori nel 2018.
Il lavoro di Sajadi riflette la sua personale esperienza tra le culture occidentali e mediorientali, antiche e contemporanee. Attraverso la manipolazione di codici interculturali, crea opere d'arte che fungono da collage visivi di ricordi, offrendo uno spazio metaforico che collega significati, indicatori di tempo e spazio. Le sue creazioni rappresentano uno scorcio visivo, un crocevia dove storia e mitologia si incontrano. I riferimenti alla letteratura esoterica persiana, insieme a influenze religiose e mitologiche, si intrecciano dalla storia antica alla contemporaneità, dando vita a un'esplorazione artistica che evidenzia la tensione tra potere materiale e potere spirituale, manifestandosi in uno stato di contraddizione che si traduce in una rappresentazione esposta della violenza.

Studio la Linea Verticale nasce a Bologna nel maggio del 2022. La ricerca bidirezionale, verso l’Alto e verso il Basso, intrapresa dalla galleria non permette equivoci: è necessario un distacco radicale dall’orizzontalità della vita ordinaria per provare ad osservare la verticalità dello straordinario. Viaggiando dal profondo all’elevato e viceversa, con un metodo di studio basato sulla pratica artistica, la galleria invita ad una riflessione sulle domande fondamentali che hanno accompagnato l’uomo durante tutta la sua storia: Da dove vengo? Chi sono? Dove vado?

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Acof onoranze funebri
Che Cultura - Articoli Recenti
Fiorano, il grande cinema di Cannes al Cineporto
La nuova kermesse aumenta il numero dei film e conferma il focus sui temi del sociale
26 Giugno 2024 - 14:24
Sestola, prima edizione di Appennino in festa
Immersi nei boschi dell'appennino, la 3 giorni di festa organizzata da Andrea Casoni 'punta ..
24 Giugno 2024 - 16:26
Fanano, simposio internazionale di scultura
Nel fine settimana la 20esima edizione che aggiungerà sculture realizzate da grandi artisti..
22 Giugno 2024 - 07:10
Fiorano, in piazza tornano le note della banda Flos Frugi
La Flos Frugi presenta brani funk, rock, senza farsi mancare il jazz e colonne sonore. Il ..
19 Giugno 2024 - 18:31
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli incatenava drogati. E stavano con lui
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17
Se la locomotiva di Guccini si schianta contro il muro della malafede
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59
Agamben: 'Dopo questi 2 anni metto in discussione la medicina stessa'
'Se non si ripensa da capo che cosa è progressivamente diventata la medicina non si potrà ..
04 Dicembre 2022 - 15:22
Quattro dolci tipici della cucina modenese
Il bensone, la bonissima, i tortelli fritti modenesi al savor e la torta Barozzi
01 Marzo 2021 - 17:51