GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
articoliChe Cultura

Modena nel mondo, grazie al Duomo

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'amore di Elisabeth Mantovani per la cattedrale cittadina, da 20 anni patrimonio Unesco


Modena nel mondo, grazie al Duomo
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Sin da bambina ho sempre amato viaggiare, confrontarmi con culture diverse dalla mia, imparare nuove lingue e trovare, in linguaggi e abitudini diverse dalle mie, similitudini e radici comuni.
Penso che sia anche per questa vitalità conoscitiva che amo così tanto la cattedrale della mia città.

Oltre ad essere un punto di riferimento importante per la preghiera e l’accoglienza spirituale, il Duomo di Modena ci rende famosi nel mondo. Esso è un punto di contatto importante che apre la nostra città all’esterno, contribuisce a liberarla dal provincialismo che rischia di far chiudere su sé stesse le comunità che abitano centri urbani di piccole o medie dimensioni come Modena. Dal 1997 questo patrimonio internazionale è stato riconosciuto ufficialmente dall’Unesco.

Quest’anno dunque è un anniversario importante per ricordarci che in città abbiamo qualcosa di prezioso, un dono spirituale, artistico e culturale da preservare con cura e da riverire.


È importante fruire di questo patrimonio e godere della sua presenza in città: c’è davvero da esserne orgogliosi. Tuttavia è altre sì preminente capire cosa abbiamo davanti: un’opera d’arte inestimabile che artisti, committenti e autorità locali hanno voluto e costruito quasi mille anni fa per funzioni specifiche. Essa non è solo bella da ammirare e visitare ma anche utile e per preservarla occorre rispettarne le funzioni. La cattedrale è un centro importante per lo spirito e per la mente: chi, oltre alla bellezza e all’orgoglio della sua celebrità nel mondo, ne coglie la storia, l’utilità e il significato non può che rispettare la sua presenza e la sua importante funzione di centro all’interno della città.

In occasione di questo importante anniversario ho voluto dare, insieme ad alcuni collaboratori dell’associazione di cui sono Presidente, un contribuito alla celebrazione dei vent’anni del sito Unesco, contributo che è un ringraziamento a questo luogo e alla straordinaria figura storica e spirituale del Santo patrono a cui è dedicata.


Il mio contributo si è articolato in una pubblicazione intitolata “Tempo e spazio in età medievale. Trasformazioni e rappresentazioni intorno al Duomo di Modena” e nel programma della rassegna Modena Bai Nait messo a punto con altri collaboratori de LaRoseNoire associazione culturale e dell’associazione Amici dell’Organo J.S. Bach. Quest’anno l’intero programma sarà dedicato, seppur con argomenti molto diversificati che vanno dalla tarda antichità all’età moderna, interamente alla cattedrale di Modena e alla figura di San Geminiano.
Il libro “Tempo e spazio in età medievale. Trasformazioni e rappresentazioni intorno al Duomo di Modena” edito dalla modenese Artestampa è ancora un omaggio alla cattedrale che contiene importanti riflessione sull’epoca di transizione che stiamo vivendo. La concezione del tempo infatti ha influito in tutte le epoche sulla produzione artistica e culturale e possiamo dire che cambiando la percezione del tempo si entra in un’altra epoca e in una nuova fase della cultura.
Il tempo fu un’idea centrale nel Medioevo e fu alla base dell’elaborazione del sistema cosmologico, della produzione artistica e culturale.
La cattedrale di Modena che ha mantenuto pressoché inalterato il suo programma iconografico originale, è un terreno ideale per indagare nelle concezioni riguardanti il tempo e lo spazio che si sono susseguite dall’alto medioevo alle soglie dell’età moderna. All’interno del volume potremo trovare nuove analisi che riguardano gli elementi iconografici e architettonici del Duomo. Partendo da queste analisi il lettore può aprirsi, a seconda delle sue conoscenze e della sua disponibilità, a riflessioni più profonde che riguardano l’epoca attuale.

Elisabeth Mantovani

Di seguito il programma completo della V edizione di Modena Bai Nait 2017 intitolata quest’anno “Racconti intorno alla cattedrale” e la scheda del mio nuovo libro: entrambi sono un invito alla riflessione e alla presa di coscienza, a godere più profondamente e in modo più significativo di questa grande presenza che pulsa nel centro fisico e spirituale della nostra città: Domus Clari Geminiani.'

Tempo e spazio in età medievale (il libro - Edizioni Artestampa)       

Modena Bai Nait (Il Programma)
 

Elisabeth Mantovani
Elisabeth Mantovani

Elisabeth Mantovani si interessa sin da giovanissima allo studio dei simboli e all’arte. Dopo aver conseguito il diploma in lingue, prosegue gli studi presso l’Accademia di Be..   Continua >>


 
Email
 

Articoli Correlati
9 giugno 1099, la prima pietra della cattedrale
Che Cultura
09 Giugno 2018 - 13:35
Sito Unesco, dove eravamo rimasti?
Che Cultura
15 Luglio 2017 - 00:35
Il tempo della torre, alla scoperta della Ghirlandina
Che Cultura
12 Luglio 2017 - 09:18
Tempo e spazio in età medievale
Che Cultura
31 Maggio 2017 - 15:17

Acof onoranze funebri
Che Cultura - Articoli Recenti
Margherita Fumero ed Enrico Beruschi,..
Il primo ricordo va a Drive In, chi non ha amato alla follia le avventure di Beruscao e il ..
21 Febbraio 2024 - 11:40
Savignano, domenica 25 febbraio il ..
A fine proiezione, appuntamento al circolo Ribalta di Vignola con 'Ribalta sotto il muro' ..
20 Febbraio 2024 - 15:41
Giovani in biblioteca: progetto del ..
Il progetto ‘Passo uno’ premiato direttamente dalla Presidenza del Consiglio dei ..
14 Febbraio 2024 - 10:15
Alessandro Manzoni e il Risorgimento:..
Sabato 17 febbraio alle 16.30 al Centro Culturale Teatro Guiglia in via Francesco Rismondo
13 Febbraio 2024 - 19:14
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59
Agamben: 'Dopo questi 2 anni metto in..
'Se non si ripensa da capo che cosa è progressivamente diventata la medicina non si potrà ..
04 Dicembre 2022 - 15:22
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10