GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
articoliChe Cultura

Mummia di bambino, a Modena parte il restauro

La Pressa
Logo LaPressa.it

Parte oggi il restauro dal vivo della piccola mummia di bambino conservata ai Musei civici di?Modena


Mummia di bambino, a Modena parte il restauro
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Parte oggi il restauro dal vivo della piccola mummia di bambino conservata ai Musei civici di Modena: al lavoro, al terzo piano di Palazzo dei Musei nella Sala del Peru', c'eè la restauratrice Cinzia Oliva, fra i massimi esperti italiani nel restauro di tessuti archeologici e mummie egiziane.
Per vederla all'opera, l'ingresso è libero dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18 e il restauro prosegue fino a venerdì 8 febbraio sempre in largo Sant'Agostino. Questa mummia, che appartiene a un bambino di tre anni, è la protagonista della mostra 'Storie d'Egitto' che aprira' ai Musei civici di Modena il 16 febbraio: al restauro si è arrivati dopo una lunga serie di analisi scientifiche all'avanguardia eseguite sul corpo della mummia e che hanno permesso di stabilire sesso, età e datazione del piccolo corpo imbalsamato: si tratta di un bambino di tre anni vissuto in Epoca Romana, fra I e II secolo d.

C.

.


Se da oggi a venerdì prosegue il lavoro della restauratrice, nel weekend, invece, verranno presentati metodologie e risultati dell'intervento, in collaborazione col Polo Museale UniMore.
L'appuntamento e' per sabato 9 e domenica 10 dalle 15 alle 18 al Teatro Anatomico di via Berengario, sempre a ingresso libero fino a esaurimento posti (massimo 30 per volta). Prerequisito indispensabile per procedere al restauro e' stata la conoscenza delle risultanze degli esami diagnostici, si legge in una nota, parte dei quali realizzati grazie alla disponibilita' della Struttura di Radiologia dell'Azienda ospedaliero universitaria di Modena. La mummia presenta una grande lacerazione e lacuna nella sezione superiore del torace, con distacco della testa (attualmente scheletrizzata) e mancanza dei piedi, confermata dalle indagini radiologiche.

Nella sezione inferiore del corpo mummificato risultano inserite bende realizzate con un tessuto differente che le analisi hanno confermato essere di restauro.

La diagnostica ha convalidato che sia le bende originali che quelle di restauro sono di lino. 'La prima operazione di restauro- ha spiegato Cinzia Oliva- riguarda la pulitura, eseguita con grande cautela per riconoscere e distinguere fra il materiale antico depositato sulle fibre (tracce organiche o di materiale legato alle tecniche di imbalsamazione) e quello moderno, dovuto ai prodotti dell'inquinamento, di attacchi biologici o di successivi interventi di restauro'. Si utilizza un aspiratore chirurgico a bassa potenza e con pennelli di diversa morbidezza, mentre i depositi di polvere piu' persistenti vengono rimossi per leggera abrasione con spugne in gomma naturale vulcanizzata senza solventi e additivi. 'Per evitare di forzare o spezzare i tessuti e ripristinare parte dell'elasticita' perduta si utilizza un umidificatore a ultrasuoni, che rilascia vapore acqueo a temperatura ambiente', aggiunge la restauratrice. Al termine, conclude, 'va consolidato il bendaggio e recuperata ove possibile la forma originale del corpo'. Il tulle, precedentemente tinto di un colore adeguato, viene posizionato e cucito su se stesso, attraverso una fettuccia di lino, mediante un ago curvo chirurgico. Quanto alla grande lacuna in corrispondenza del torace, viene ulteriormente protetta da un inserto in tela di poliestere per impedire la fuoriuscita dei resti organici. La mostra 'Storie d'Egitto' sara' visitabile gratuitamente dal 16 febbraio 2019 fino al 7 giugno 2020.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Acof onoranze funebri
Che Cultura - Articoli Recenti
Vignola, domenica concerto di Dagger ..
Appuntamento con Dagger Moth, il progetto solitario di Sara Ardizzoni. Voce, chitarra, ..
03 Aprile 2024 - 10:34
L'omicidio di don Talè: sabato la ..
A dialogare con l'autore saranno Francesco Gherardi, del settimanale diocesano Nostro Tempo,..
21 Marzo 2024 - 17:52
Vignola, domenica concerto di ..
Al Circolo Ribalta, musica e poesia, alle 19
20 Marzo 2024 - 16:19
Musical, al teatro comunale La ..
Venerdì 22 marzo la Compagnia dell’Ora presenta in un’opera completamente inedita, un ..
19 Marzo 2024 - 19:06
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59
Agamben: 'Dopo questi 2 anni metto in..
'Se non si ripensa da capo che cosa è progressivamente diventata la medicina non si potrà ..
04 Dicembre 2022 - 15:22
Quattro dolci tipici della cucina ..
Il bensone, la bonissima, i tortelli fritti modenesi al savor e la torta Barozzi
01 Marzo 2021 - 17:51