Prignano, visita guidata al castello ritrovato di Matilde di Canossa
GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
articoliChe Cultura

Prignano, visita guidata al castello ritrovato di Matilde di Canossa

La Pressa
Logo LaPressa.it

In occasione della tradizionale Festa Matildica, alle 17 gli archeologi dell’Università di Verona e il sindaco di Prignano illustreranno i reperti emersi


Prignano, visita guidata al castello ritrovato di Matilde di Canossa
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Domenica 20 agosto alle 17, in occasione della XIII Festa Matildica organizzata dalla Parrocchia, gli archeologi dell’Università di Verona che nell’ultimo mese hanno scavato nella collina che sovrasta la frazione di Montebaranzone, organizzeranno assieme al sindaco di Prignano Mauro Fantini una prima visita guidata nell’area interessata, per raccontare nel dettaglio quanto è emerso finora dalle loro ricerche. A tutti gli interessati, sarà quindi data la possibilità di vivere in prima persona l’esperienza emozionante di entrare nel castello ritrovato di Matilde di Canossa (1046 – 1115), una delle residenze “perdute” dell’indimenticata contessa più importanti della Valle del Secchia.



Si tratta peraltro di un sito archeologico unico, mai interessato prima d’ora da scavi scientifici, che ha visto impegnato, in collaborazione con il Comune di Prignano, un team di ricercatori dell’Università di Verona da anni specializzato nel recupero di siti di epoca medievale.


La visita inizierà dal sagrato della chiesa di Montebaranzone. Di qui, si salirà insieme agli archeologi sul monte che sovrasta le case e che ha custodito per secoli il tesoro archeologico. A seguire, sarà possibile mangiare allo stand gastronomico e assistere alla proiezione di alcuni filmati dedicati alla storia di Matilde di Canossa. 

Nicola Mancassola, archeologo dell’Università di Verona che assieme ad Elisa Lerco ha coordinato la ricerca, commenta: 'I risultati di questi primi scavi, che proseguiranno per almeno altri due anni, sono stati decisamente positivi e hanno permesso d'avere un’idea più chiara di come era articolato il castello. Nella parte sommitale è stato individuato, tra l’altro, l’antico cimitero annesso alla chiesa di San Michele. Qui sono emerse diverse sepolture, di cui alcune con rosari in pasta vitrea e medagliette votive'. 

I lavori hanno messo in luce inoltre una serie di edifici connessi ad una probabile cisterna per la raccolta delle acque piovane e, nella porzione di terreni che guarda l’attuale borgo di Montebaranzone, un grande edificio (il palazzo signorile?) ben conservato, con murature di oltre due metri.
'Con emozione e grande soddisfazione – aggiunge il primo cittadino Mauro Fantini – abbiamo seguito, insieme alla comunità di Montebaranzone da sempre custode della memoria del castello, i lavori nell'area di scavo di Monte Castello. I reperti archeologici che sono progressivamente venuti alla luce sotto la guida esperta, entusiasta e competente di Nicola Mancassola ed Elisa Lerco, confermano che il fortilizio presente in quel sito era di grandi dimensioni e notevole interesse, per cui il recupero completo delle sue vestigia permetterà di documentare una realtà significativa della storia matildica. Ringrazio l'Università di Verona per l'apporto decisivo e indispensabile alla realizzazione del progetto e confermo l'impegno dell'Amministrazione comunale a sostenere nuove campagne di scavi, sia con proprio contributo economico, sia attivandosi per ottenere finanziamenti'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati
Santa Matilde, portatrice di soccorso
Il Santo del giorno
14 Marzo 2024 - 06:47
Prignano, Vittoria spegne 100 candeline
La Provincia
27 Ottobre 2023 - 17:11

Acof onoranze funebri
Che Cultura - Articoli Recenti
Vignola, il nuovo libro di Wu Ming 4 e l'illusione socialista
Al Circolo Ribalta, doppio appuntamento tra cultura ed idee a confronto
15 Maggio 2024 - 17:32
Modena, al parco Amendola torna il Revol experience festival
Due giorni di musica e arte aperti alla città, con protagonisti artisti locali ed ..
12 Maggio 2024 - 09:27
Modena, mostra omaggio a Mario Molinari
In via Paolo Ferrari a partire dal 16 maggio e fino a fine mese, si terrà la mostra 'Mè ..
11 Maggio 2024 - 12:05
Museo Civico Modena: apre il percorso immersivo Avia Pervia
Da sabato 11 maggio, con ingresso da viale Vittorio Veneto, il nuovo spazio conduce il ..
11 Maggio 2024 - 01:39
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli incatenava drogati. E stavano con lui
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17
Se la locomotiva di Guccini si schianta contro il muro della malafede
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59
Agamben: 'Dopo questi 2 anni metto in discussione la medicina stessa'
'Se non si ripensa da capo che cosa è progressivamente diventata la medicina non si potrà ..
04 Dicembre 2022 - 15:22
Quattro dolci tipici della cucina modenese
Il bensone, la bonissima, i tortelli fritti modenesi al savor e la torta Barozzi
01 Marzo 2021 - 17:51