La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
rubricheDossier Inceneritore

La bella differenziata 'addormentata' nel rusco per 10 anni

Data: / Categoria: Dossier Inceneritore
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Se nel 2007 i risultati del porta a porta fossero stati estesi alla città, Modena avrebbe evitato il raddoppio dell'inceneritore, avviandola allo spegnimento


La bella differenziata 'addormentata' nel rusco per 10 anni

Se dieci anni fa Comune ed Hera avessero applicato gli straordinari risultati ottenuti dall'allora avvio in forma sperimentale del porta a porta nelle frazioni Villanova, Lesignana, San Pancrazio e Ganaceto a tutta la città, Comune ed Hera avrebbero potuto evitare il ricorso al raddoppio dell'inceneritore, riducendone sempre più l'uso. Cosa che non hanno fatto. Ed è così che da potenziali esportatori di modelli virtuosi di raccolta differenziata i modenesi sono stati condannati ad essere recettori ed inceneritori di rifiuti altrui. Grazie, o meglio a causa, del raddoppio dell'inceneritore con tutto quanto ne è conseguito in termini di inquinamento, importazione di rifiuti da fuori provincia ed impatto sulla salute pubblico. 


A ricordarlo e a dimostrarlo è il Comitato Modena Salute e Ambiente. Attraverso una storia che riassume gli ultimi dieci anni di raccolta differenziata e di scelte politiche che hanno determinato la situazione attuale. Partendo dal 2005, in pieno dibattito sull'ipotesi di raddoppio dell'inceneritore. 
Gli anti-raddoppio citano esempi di raccolta differenziata porta a porta in varie zone di Italia con percentuali di raccolta differenziata attorno al 75-80%.  Cifre alla mano con tali percentuali di differenziata, applicate a Modena, il raddoppio non sarebbe necessario. Verrebbe a mancare “la materia prima”, ovvero non ci sarebbero abbasstanza rifiuti da alimentare l’inceneritore raddoppiato, perché avviati alla raccolta differenziata..
Di contro i pro-raddoppio (Comune ed Hera sono tra questi), affermano che il porta a porta non funzionerebbe in tempi sufficientemente rapidi, sarebbe inviso alla popolazione, e a Modena non avrebbe funzionato

Ma nel 2007 Succede qualcosa di inatteso e molto positivo: il Comune di Modena accetta la sfida del porta a porta e, tramite Hera, fa partire ad Albareto un importante esperimento di raccolta differenziata porta a porta. Consapevoli che se l’esperimento in questione fosse arrivato a determinate percentuali di raccolta sarebbe stata “ridiscussa” la prospettata necessità del raddoppio stesso.

Gli eventi : Dire Fare Differenziare

1 Ottobre 2007

Ad  Albareto parte la raccolta differenziata porta a porta, preceduta da un adeguato percorso formativo e motivazionale, sostenuto personalmente anche dall’allora sindaco Giorgio Pighi.

29 maggio 2008

Arrivano i primi risultati.  E in soli  otto mesi si passa dal 36.3% al 75.06%. Più del doppio. Provando che quando c’è la volontà dei decisori politici trasmessa e percepita dai cittadini, corroborate dalle notevoli capacità tecnico organizzative del gestore, si ottengono velocemente ottimi risultati. Con una proiezione ad altre aree della città è possibile verificare che si sono le condizioni per non procedere al raddoppio dell'inceneritore. Ma i decisori politici tergiversano e procedono con un 'calma, parliamone, seguito subito da un  'avanti tutta con il raddoppio'. Il cantiere per il raddoppio dell'inceneritore con lo creazione di una unica potente quarta linea al posto delle 3 che l'avevano precedute, avanza fino all’accensione definitiva nell’aprile 2010.

2010 Aprile parte a regime l’inceneritore raddoppiato.

2011 2 dicembre. La regione Emilia Romagna emette un comunicato in cui prende atto che  a Modena esiste “ …un modesto eccesso di Linfomi non Hodgkin a Modena…” riconducibile all’inceneritore locale.                  Anche questo non farà diminiure le quantità bruciate, anzi passeranno da 176.295 a 209.473 del 2017!

2013 14 agosto : La provincia di Modena concede la categoria energetica R1 all’inceneritore raddoppiato. Questo dato, apparentemente solo tecnico, grosso modo autorizza il gestore dell’inceneritore a procurarsi il combustibile “mancante” (rifiuti) ovunque in Italia, indipendentemente dalla programmazione provinciale e/o regionale, in sostanza non considerando i risultati della raccolta differenziata.

2014 12 settembre  Viene emanato dal Governo Renzi il decreto “Sblocca Italia” che definisce gli inceneritori come “infrastutture strategiche di preminente interesse nazionale”, tipo le basi Nato per capirci.

Che ancora di più elimina i vincoli di bacino e allarga la tipologia di rifiuti, fino a “…saturazione del carico termico…”

Ma in “peso” cosa ha voluto dire raddoppiare l’inceneritore?

Come da dati Arpae sottostanti dal 2010, anno di avvio industrialepiù diverse prove a caldo durante tutto il 2009, per i rifiuti urbani di Modena non è mai stata superata la portata ante-raddoppio di circa 125.000 t/a.

2017 dicembre. Negli 8 anni considerati, 2010-2017, sono stati  inceneriti complessivamente 1.535.000 t di rifiuti.

2017 dicembre. I rifiuti urbani di Modena.  bruciati sono circa 980.000 t , pari alla capacità del vecchio impianto, quindi il raddoppio non era necessario.

2017 dicembre. Le altre  555.000 t di rifiuti bruciati,  (1.350.000-980.000 ) sono il carico in più che fanno la differenza tra le due versioni con e senza raddoppio. Senza  raddoppio queste ultime 555.000 tonnellate di rifiuti altrui ce le saremmo risparmiate. Questo al 31-12-2017, poi ogni ulteriore anno vanno aggiunte 80-90.000 tonnellate.                                                                                            

Senza i rifiuti da fuori Modena l’inceneritore era spento per circa 3 anni degli 8 considerati. 
La stragrande maggioranza di questi rifiuti arriva da fuori Modena, proseguendo un trend inziato già nel 2009.

Inoltre con l’attivazione del porta a porta nel Comune di Modena già subito dopo Albareto, 10 anni fa, saremmo arrivati con 7-8 anni di anticipo  ad un 70-75% di raccolta differenziata dei  rifiuti urbani di Modena, con ulteriore calo delle quantità incenerite anche tra i rifiuti “modenesi”.

Certamente ci sarebbe stata qualche poltrona vuota in più e qualche portafoglio un po meno gonfio, ma l’ambiente e la salute di tanti ne avrebbero guadagnato.

Non sappiamo se i decisori politici di allora, non proseguendo l’esperimento Albareto su scala comunale, avessero ben presenti questi risvolti.

Considerazioni 

Oltre ai “pesi” c’è tutto il tema del rapporto con i cittadini e della loro ultradecennale forzata convivenza con l’inceneritore. La vicenda differenziata “addormentata” di  Albareto costituisce uno spartiacque nel rapporto cittadini/amministrazione, a prescindere dalle motivazioni “ufficiali”, addotte per proseguire con il raddoppio: ad esempio emissioni a norma di legge, dati on line, ecc..

Diciamolo chiaramente, da Albareto in poi è andata delusa una delle “promessa / speranza / illusione” magari non detta apertamente, ma senz’altro ben presente e attesa/dovuta ai cittadini.

La promessa/speranza/illusione era, e lo è tutt’ora, che la raccolta differenziata serva anche a diminuire, per non dire spegnere, l’inceneritore.  Non  è stato così

Inceneritore con cui Albareto,  assieme a una vastissima parte del Comune di Modena e ai sei Comuni del lato nord , deve dividere l’aria che respira da almeno 40 anni.            22 Ottobre 2018:  A Villanova, Lesignana, S.Pancrazio e Ganaceto parte la raccolta differenziata porta a porta.

Oggi la delusione (per non dire di peggio) prosegue con l’effetto “sostituzione rifiuti”, ovvero man mano che la differenziata locale toglie rifiuti da incenerire ne arrivano da fuori Modena, fino a riempire la capacità termica dell’impianto. Quindi nessuna speranza di miglioramenti ambientali all’orizzonte.

Domanda: allora perché il Comune di Modena ha organizzato l’esperimento se poi non è disposto ad ridiscutere le scelte fatte?

Siamo forse di fronte a un altro caso di democrazia a sovranità limitata?        Questo metodo prevede due possibili esiti :

  • Se il risultato dell’esperimento coincide con le attese dei “piani alti” allora lasciamo pure credere ai cittadini che abbiano deciso loro, non costa nulla e ci facciamo una bella figura democratica.
  • Se non coincide, nessun problema, procastiniamo nel tempo l’accoglimento del risultato, motivando tipo: “dobbiamo approfondire” “ funziona solo per piccole realtà” “attenzione ai costi” ecc. e nel frattempo proseguiamo con il progetto originale come se nulla fosse.

Nello specifico ricorre il caso 2, infattti, ad esempio, solo il :

 Ancora una domanda.

Dopo il felice esperimento di Albareto, chi o cosa ha “bloccato” l’adozione su vasta scala del porta porta nel Comune di Modena ? Perché tanta incredibile ostinazione dei decisori politici a perseguire il raddoppio?
Ci sono dicerie sul numero di poltrone in vari CdA post fusione Meta-Hera, ma davvero non ci interessano.

Diciamo che questa domanda può essere meglio posta ai diretti interessati, buona parte dei quali ancora presenti sulla scena politica locale.

Adesso il progetto pro-raddoppio è chiuso

L’inceneritore di Modena è stato completato e anche il quadro normativo è stato aggiornato in modo da dare al gestore la massima autonomia di approvigionamento rifiuti, svincolandolo dalla comunità che lo ospita suo malgrado.

2016-2017-2018 Adesso è completato l’impianto e assestato il quadro normativo in modo da rendere l’approvigionamento indipendente dalla differenziata, i rifiuti posso arrivare da ovunque.

Ora può “finalmente” ripartire il programma di raccolta differenziata porta a porta per vari quartieri nel comune di Modena, ultimi dei quali appunto Villanova Ganaceto, Lesignana e San Pancrazio.

Da notare che la metodologia di base del porta a porta di oggi è la stessa di Albareto di 10 anni prima, (ecocalendario, pattumelle, bidoncini, ecc…),

In questi anni non sono intervenute significative modifiche operative nella raccolta da renderla oggi più “possibile” o “conveniente” di ieri. 

Quanto avviato dal Comune di Modena il 15-05-2002, sulla disponibilità a raddoppiare l’impianto, è giunto a compimento.

Conclusione:

Recependo per tempo il messaggio di Albareto (…e di tanti altri ben prima… ) avremmo potuto diventare “esportatori di modelli virtuosi di raccolta differenziata”. Invece siamo diventati “ i recettori e inceneritori di rifiuti altrui “.
In breve la pattumiera spray degli altri.

 

 

 



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


Alea, da Forlì una alternativa all'inceneritore fuori da Hera
Politica
03 Novembre 2017 - 07:30- Visite:14109
'Modena: Euro 4 vietati, ma inceneritore a tutto gas. E' assurdo'
Politica
05 Settembre 2018 - 22:21- Visite:13848
Inceneritore Modena: in aumento anche i rifiuti radioattivi
Politica
21 Luglio 2017 - 02:46- Visite:13620
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:12852
Dossier inceneritore, l'inquinamento e l'acquario
Dossier Inceneritore
01 Novembre 2017 - 07:30- Visite:12779
Dossier inceneritore parte 2: la fotografia di quello che esce dal ..
Dossier Inceneritore
18 Agosto 2017 - 15:44- Visite:12346
Dossier Inceneritore - Articoli Recenti
Co2, per inquinare come inceneritore ..
L’inceneritore emette circa 1 tonnellata di CO2 per ogni tonnellata di ..
24 Maggio 2019 - 16:41- Visite:467
Inceneritori e Pil, ma servono davvero?
Ma come hanno fatto in Veneto a fare quasi a meno degli inceneritori? ..
23 Maggio 2019 - 10:20- Visite:486
Tre città, tre inceneritori, tre ..
Livorno, Modena e Parma hanno in comune la presenza di un inceneritore nel ..
10 Maggio 2019 - 00:58- Visite:1387

Feed RSS La Pressa

Dossier Inceneritore - Articoli più letti


Alea, da Forlì una alternativa ..
Il dossier inceneritore si chiude con un colloquio con l'assessore ..
03 Novembre 2017 - 07:30- Visite:14109
Dossier inceneritore, il bluff del ..
La legge nazionale riconosce il contributo di 188euro/tonnellata solo agli ..
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:12852
Dossier inceneritore, l'inquinamento e ..
In pianura Padana, l’area più inquinata d’Europa, sono presenti 29 ..
01 Novembre 2017 - 07:30- Visite:12779

Contattaci

Feed RSS La Pressa

Contattaci

Feed RSS La Pressa