Nessun debito
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Nessun debito
articoliEconomia

Energia elettrica, tante insidie nel passaggio al mercato libero

La Pressa
Logo LaPressa.it

Da Udicon un vademecum per aiutare i modenesi a fare la scelta giusta ed evitare le truffe


Energia elettrica, tante insidie nel passaggio al mercato libero

Il passaggio dal mercato tutelato a quello libero dell’energia elettrica e gas sta facendo sorgere dubbi e preoccupazioni tra i consumatori, compresi quelli modenesi. La nuova scadenza per il passaggio definitivo è fissata ora al 1° gennaio 2023, mentre per le piccole imprese la transizione è già realtà dallo scorso 1° gennaio. Anche a Modena, Udicon Emilia-Romagna sta provando a rispondere ai tanti cittadini che vogliono chiarezza su questo fronte per evitare di cadere nelle immancabili truffe sempre in agguato. Ecco allora un breve vademecum da seguire e conservare per affrontare – chi vuole può farlo già ora – questo cambiamento importante.
1) Il primo consiglio è cercare di muoversi in anticipo per passare al mercato libero in modo tale da ponderare bene le proprie scelte tra le varie offerte che ci vengono proposte.
2) La scelta di passare al mercato non tutelato è totalmente libera.
Inoltre, nel caso il consumatore abbia già sottoscritto un contratto con un fornitore sul mercato libero è sempre possibile recedere in qualsiasi momento e senza spese: basta rispettare i termini e le modalità stabiliti nel contratto stesso.
3) Alle famiglie che non sottoscriveranno le offerte del mercato libero entro il 1 gennaio 2023 non verrà in nessun caso sospesa la fornitura ma rimarrà il servizio di ‘salvaguardia’. Questo assicurerà così di evitare di ritrovarsi senza fornitore nel momento in cui il mercato tutelato cesserà di esistere in via definitiva.
4) Va ricordato, però, che questa tutela presenta un prezzo che, in alcuni casi, determina un aumento dei costi energetici ed è gestita da operatori territoriali di riferimento che regolano e definiscono le condizioni economiche e che sono a loro volta sottoposti al controllo dell’Arera.
5) La legge stabilisce una serie di attività a carico dell’Autorità per cercare di traghettare tutti coloro che sono ancora nel servizio di tutela. In particolare allo scopo di rendere più facile la comparazione delle offerte del mercato libero, è stato previsto e realizzato un apposito portale informatico per la pubblicazione delle offerte vigenti sul mercato di vendita al dettaglio di energia elettrica e anche del gas. Inoltre gli operatori della vendita di energia elettrica o gas sul mercato italiano dovranno fornire almeno una proposta di offerta di fornitura a prezzo variabile e almeno una a prezzo fisso.
6) Occhio alle truffe. Il passaggio al mercato libero, infatti, sta scatenando innumerevoli tentativi di raggiro. A causa della confusione venutasi a creare intorno a questa transizione, stanno proliferando i falsi contratti di luce e gas; i più colpiti purtroppo sono gli anziani e le persone più deboli.
7) Gli strumenti più utilizzati dai truffatori sono: il porta a porta (uno o più individui si presentano a casa del malcapitato e lo inducono a cambiare fornitore luce e gas garantendogli dei falsi risparmi in bolletta); falsi call center (si induce la persona a rispondere ‘sì’ oppure ‘confermo’, queste parole poi vengono manipolate per attivare un falso contratto luce o gas); phishing (i truffatori inviano delle email apparentemente provenienti da società di luce e gas esistenti per ottenere dei dati personali sensibili come numero di conto corrente e carta di credito).



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Economia - Articoli Recenti
A Modena nord il primo distributore a..
Firmato un protocollo di intesa tra enti per la creazione di un polo per la produzione e la ..
24 Settembre 2022 - 12:00
Allarme Cna: 'Costi energia, dal ..
'Servono ulteriori strumenti ed uno di questi è la moratoria sui mutui, che ha già dato ..
22 Settembre 2022 - 12:41
'Imprenditori schiacciati da cartelle..
Franchini (Ruote Libere): 'Non basta sventolare le cosiddette norme salva suicidi a ..
21 Settembre 2022 - 18:35
Fondazione Carpi, cda al completo: ..
L'ente presieduto dell'ingegnere Mario Arturo Ascari ora pienamente operativo
21 Settembre 2022 - 07:59
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38