Hera: con Acr nasce primo operatore nazionale in attività di bonifica
CISL Emilia Centrale
GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CISL Emilia Centrale
articoliEconomia

Hera: con Acr nasce primo operatore nazionale in attività di bonifica

La Pressa
Logo LaPressa.it

Gli amministratori delegati restano i fratelli Alberto e Claudio Reggiani


Hera: con Acr nasce primo operatore nazionale in attività di bonifica
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Il Gruppo Hera, tramite la controllata Herambiente Servizi Industriali, e Acr di Reggiani Albertino spa con sede a Mirandola hanno perfezionato questa mattina, presso la sede bolognese della multiutility, l’operazione che sancisce la nascita del maggiore operatore italiano nel settore delle bonifiche ambientali e nel global service dei rifiuti industriali, con una copertura capillare in tutto il Paese.

Il closing fa seguito all’accordo vincolante firmato dalle parti lo scorso 7 novembre 2022, con l’acquisizione da parte della multiutility del 60% di ACR e il conferimento nella nuova società di alcune attività di bonifica e global service precedentemente in capo ad Hera amniente. Il restante 40% rimane in capo alla famiglia Reggiani.
In data odierna, inoltre, è stato nominato il Cda della nuova ACR, in cui amministratori delegati restano i fratelli Alberto e Claudio Reggiani.

'La partnership con un operatore importante sia a livello locale che nel panorama nazionale consentirà alla multiutility, già leader nel settore ambiente, di rafforzare ulteriormente la propria leadership nel campo delle bonifiche, nel trattamento dei rifiuti industriali, nel decommissioning e nei lavori civili legati all’oil&gas. Il contributo atteso alla crescita del margine operativo lordo consolidato del Gruppo Hera è pari a circa 20 milioni di euro' - si legge in una nota Hera.

'Per il Gruppo Hera investire in un importante operatore emiliano come ACR è perfettamente in linea con l’orientamento strategico del Gruppo che, con le sue attività, mira a garantire ritorni positivi e benefici economici per i territori, rendendoli sempre più competitivi. Inoltre, in piena continuità con le operazioni già concluse in questi anni - ha dichiarato il presidente del Gruppo Hera Tomaso Tommasi di Vignano - la partnership con ACR ci consente di potenziare i servizi ambientali dedicati alle grandi aziende, espandendo la capacità operativa e impiantistica e ampliando la nostra presenza sul territorio nazionale.

In uno scenario complesso, caratterizzato da carenze infrastrutturali e da un’elevata frammentazione del settore, oggi le imprese richiedono servizi di gestione integrata dei propri rifiuti industriali. Forti della nostra pluriennale esperienza, con impianti all’avanguardia e personale altamente specializzato, siamo in grado di supportare le aziende con proposte chiavi in mano, con elevati standard di qualità e sicurezza, avanzate anche in termini di economia circolare, per rendere sempre più efficienti e virtuosi i loro processi e aiutarle a raggiungere obiettivi di sostenibilità concreti, misurabili e sempre più sfidanti. Le sinergie che derivano da operazioni come questa porteranno, pertanto, benefici concreti per tutti i nostri clienti business e genereranno ricadute positive anche per i territori serviti'.

'Siamo lieti di entrare a far parte di una realtà come il Gruppo Hera, una tra le maggiori multiutility italiane che però ha mantenuto un forte radicamento sul territorio – hanno commentato i fratelli Alberto e Claudio Reggiani -. Noi e i nostri collaboratori riteniamo questa partnership uno step fondamentale per la crescita dell’azienda, che ci consentirà sia di rafforzare la nostra presenza nel core business delle bonifiche sia di entrare nel mondo del global service. Con questa operazione arricchiamo, infatti, le attività del settore ambientale, integrando tutte le competenze necessarie e fondamentali per poter essere annoverati tra i più importanti player a livello nazionale in questi ambiti'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

GIFFI NOLEGGI

Economia - Articoli Recenti
Hera: 'Stupore per le affermazioni dei sindacati'
La multiutility risponde alle dichiarazioni di Fp e Filctem Cgil
20 Maggio 2024 - 22:18
Modena, elezioni rsu Enel: bene la Flaei Cisl
'Un gruppo che ha messo serietà, competenza e autorevolezza a disposizione della nostra ..
17 Maggio 2024 - 18:21
Sciopero ceramica: Confindustria ridimensiona i dati di adesione al 29,4%
Lontanissimo dal dato indicativo fornito dai sindacati che oscillava dall'80% a punte del ..
16 Maggio 2024 - 17:46
Granterre, bilancio in crescita e nuovi incarichi: Chezzi presidente e Moscatelli nuovo AD
Ricavi in aumento a 1,5 miliardi di euro, di cui 459 milioni all'estero. Il manager Maurizio..
15 Maggio 2024 - 19:30
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla speranza che i soci non chiudano i libretti
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti Unipol sul piede di guerra
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52