In Cina i prezzi di beni e servizi non crescono: una buona notizia?
Acof onoranze funebri
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Acof onoranze funebri
articoliEconomia

In Cina i prezzi di beni e servizi non crescono: una buona notizia?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il calo dei prezzi al consumo in Cina, determinato da una riduzione dei consumi, ha messo in crisi le imprese cinesi


In Cina i prezzi di beni e servizi non crescono: una buona notizia?
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La Cina è il Paese di Bengodi, dove, a differenza dell’Europa, ed in particolare dell’Italia, i prezzi dei beni al consumo non stanno subendo alcuna forma di aumento. Il tasso d’inflazione infatti è pari a zero.
Ma com’è possibile? Forse che la Cina è scevra dal meccanismo economico di stampo keynesiano della domanda e dell’offerta? Forse che in Cina esiste un sistema di controllo che regola gli aumenti dei prezzi dei beni di consumo, con meccanismi equilibratori di natura politico-economica? Forse che i cinesi, molto più lungimiranti di noi occidentali - che ormai siamo vocati ad un modello socio-economico individualistico, materialistico e con scarsa capacità di proiezione verso il futuro - hanno sviluppato un modello sociale ed economico così intelligente, da definire una sorta di “patto sociale” (di cui i cinesi sarebbero capaci) in grado di assorbire le conseguenze nefaste delle spirali inflazionistiche, che stanno distruggendo di fatto il potere d’acquisto dei redditi di noi poveri italiani? Potrebbe anche essere.

Ma si rischierebbe di scadere nella fantapolitica.

Restiamo per un attimo nella fantapolitica, anzi nella fantaeconomia: nel 2022 l’Italia ha importato beni dalla Cina per circa 2,7 miliardi di dollari, con un aumento rispetto all’anno precedente del 3,4% su base annua, ed esportato per circa 3,6 miliardi di dollari con un aumento rispetto all’anno precedente del 10,5% su base annua. Sul fronte degli scambi commerciali non siamo un partner particolarmente importante per i cinesi, considerando che la Germania, al contrario, assorbe circa il 27% del totale degli scambi con l’Europa, contro lo 0,7% dell’Italia.
La Cina detiene il 4% circa del debito pubblico italiano (con l’acquisto di titoli emessi dallo Stato) ed il 10% del debito pubblico tedesco.

Pertanto un Paese come la Germania dovrebbe gioire di quanto sta accadendo oggi in Cina, contribuendo ad aumentare gli scambi tra i due Paesi, e “costringendo” il Governo di Xi Jinping a continuare a comprare debito pubblico tedesco.

In questo modo però rischieremmo effettivamente di cadere nella trappola della fantaeconomia.
Purtroppo, e l’uso dell’avverbio di modo non è casuale, l’unico modo per leggere il fenomeno, dal momento che è complicato comprendere i meccanismi che regolano i comportamenti dei nostri partner cinesi, è quello della deflazione, definibile come “un calo del livello generale dei prezzi”: l’opposto dell’inflazione.

I prezzi in Cina non crescono, e non è una buona notizia. Ciò significa che i consumi sono molto deboli e la ripresa economica tarda ad avviarsi.
Negli ultimi decenni la crescita cinese è stata guidata, per non dire fortemente influenzata, dalla crescita del mercato immobiliare, che vale circa un quarto del PIL del Paese. Il settore negli ultimi due anni è in crisi. Evergrande Real Estate Group, che con 65,4 miliardi di dollari di fatturato (dato 2020) e 123.276 dipendenti (dato 2020) è la seconda azienda di sviluppo immobiliare in Cina, nel biennio 2021-2022 ha registrato una perdita di 81 miliardi di dollari.

La crisi del settore immobiliare ha trascinato l’intera economia cinese in una situazione allarmante, con gravi conseguenze sociali: la disoccupazione è aumentata (soprattutto tra i giovani); le famiglie hanno rallentato i consumi; le imprese hanno diminuito gli investimenti. C’è una situazione di stallo, di attesa, dopo anni di crescita. Per i Cinesi, entrati di recente nel “club” del capitalismo internazionale, rappresenta una novità.

Il governo cinese ha già messo in atto una serie di misure per tentare di rilanciare l’economia: sono state introdotte agevolazioni fiscali per le piccole imprese e la banca centrale cinese ha ridotto i tassi di interesse per incentivare i consumi invece del risparmio.
Dal punto di vista di chi fa i conti ogni mese con notevoli rincari, come in Italia con un tasso d’inflazione del 6,4%, la riduzione dei prezzi potrebbe sembrare una buona notizia: le famiglie spendono meno per comprare le stesse cose di prima, diventando nei fatti un po’ più ricche. Perché allora la deflazione è negativa per l’economia?

Il calo dei prezzi al consumo in Cina, determinato da una riduzione dei consumi, ha messo in crisi le imprese cinesi, che spinte dalla forte crescita economica degli anni precedenti, hanno investito, si sono indebitate, promettendo margini di guadagno coerenti con gli impegni presi nei confronti di investitori e finanziatori. Al calo dei prezzi è seguito un calo dei margini di guadagno, con la conseguente necessità di diminuire i costi di produzione, agendo soprattutto sui costi del personale. Negli ultimi anni milioni di cinesi hanno perso il lavoro, sono diventati più poveri, e hanno perso importanti punti della cosiddetta  “propensione al consumo”, che accompagnata ad una generale sfiducia nel futuro, contribuisce a creare un circolo vizioso che colpisce economia e società da cui è difficile uscire.

Le economie dei Paesi capitalistici necessitano di un equilibrio tra domanda ed offerta di beni e servizi. Una “leggera” crescita dei prezzi dei beni è necessaria alla “nostra” economia, per lo meno così ci insegnano i principali manuali sull’argomento. Occorre però un relativo aumento di stipendi e salari dei lavoratori. In Italia fermi da troppo tempo. La Banca Centrale Europea ha fissato un tasso d’inflazione “positivo” intorno al 2%. In Italia abbiamo superato di poco il 6%.

“È un circolo virtuoso” - ci spiegano gli esperti - che resta tale fino a che l’economia si surriscalda e i consumatori iniziano a domandare più beni e servizi di quanti le aziende siano in grado di produrre”.
Andrea Lodi

Andrea Lodi
Andrea Lodi

Vivo a San Prospero, in provincia di Modena. Sono aziendalista, specializzato in Pianificazione Strategica. Giornalista economico, da gennaio 2009 curo “Economix“, la rubrica economic..   Continua >>



Mivebo
Articoli Correlati
Cucine moderne a Roma: l’eccellenza di Snaidero
Spazio alle Imprese
13 Aprile 2024 - 16:24
È andata così
Le Vignette di Paride
02 Aprile 2024 - 18:07

Economia - Articoli Recenti
Crisi Bellco, attesa per il tavolo ministeriale del 9 luglio
‘Mirandola e Mozarc devono essere una priorità nell’agenda del Governo, perché il ..
06 Luglio 2024 - 14:15
AssoBio in forte crescita: con 140 soci rappresenta oltre il 70% del valore del mercato italiano
Bilancio positivo dall’Assemblea dei soci, a Bologna. Lettera di intenti con il Consorzio ..
06 Luglio 2024 - 00:51
Modena, Coop Alleanza chiude la storica sede di viale Virgilio
'L’iniziativa lascerà invariati i livelli occupazionali: infatti, è garantita la piena ..
05 Luglio 2024 - 20:03
Aimag, i bilanci 2023 non ci sono ancora: Comuni in fibrillazione
Qualcuno informalmente sostiene che se l’anno scorso è stato erogato un dividendo su un ..
05 Luglio 2024 - 18:16
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla speranza che i soci non chiudano i libretti
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti Unipol sul piede di guerra
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52