L'appello di Azione a Orsini: 'Si impegni a salvare Maserati'
CISL Emilia Centrale
GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CISL Emilia Centrale
articoliEconomia

L'appello di Azione a Orsini: 'Si impegni a salvare Maserati'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Lasciare che Maserati esca di scena significa tirare un missile a Modena e ad un marchio iconico del Made in Italy'


L'appello di Azione a Orsini: 'Si impegni a salvare Maserati'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Emanuele Orsini, nuovo presidente di Confindustria, è stato salutato in modo trasversale da partiti, istituzioni e mondo economico modenesi per il suo innegabile e forte legame con il territorio e la sua vocazione produttiva. Ora la speranza è che Orsini possa subito schierare il peso di Confindustria per un sostegno innovativo e forte nella battaglia per la salvezza di Maserati. Salvare Maserati significherebbe salvare l’indotto e mettere a terra il primo passo per traghettare l’automotive fuori dal pantano'. A intervenire è il segretario modenese di Azione Paolo Zanca.

'Orsini è un cittadino e un imprenditore che qui ha le sue radici, non ha bisogno di dossier o di qualcuno che gli illustri la situazione di grave crisi del Tridente, che non è solo un pezzo di storia dell’automotive modenese, emiliano e italiano ma è un pezzo da novanta di quella motor valley che non può permettersi un colpo così duro.

  L’accordo raggiunto di recente grazie a Fim Cisl, Uilm Uil e Aq Cfr ha evitato la violenza dell’apertura di procedure di mobilità e trasferimenti di personale. Con la formula delle uscite volontarie incentivate Maserati ha potuto prendere tempo ma è evidente che senza Carlos Tavares al tavolo e senza risposte nette, all’incontro di metà mese presso il Ministero del Made in Italy, sul varo di un piano industriale con nuovi modelli, la strada sarà ancora più in salita. In palio c’è il futuro di Maserati, quello di un pezzo rilevante dell’industria modenese e, non dimentichiamolo mai, di un mondo produttivo che lavora nell’indotto Maserati. Un tema, questo dell’indotto e delle sue ricadute sul sistema aziendale e occupazionale modenese e nazionale, che ben conoscono Orsini e Confindustria - chiude Zanca -.

Sappiamo benissimo dell’antica rottura tra Stellantis e Confindustria, così come conosciamo le voci autorevoli, anche dentro a Confindustria, che qualche mese fa chiesero al Governo Meloni di portare lo Stato dentro a quell’azienda, pensando alla tenuta dell’intero settore delle auto. Azione lo disse ieri e lo ripete oggi: non si può cedere al ricatto di Stellantis che vuole soldi pubblici per restare in Italia. Ma non si può nemmeno ignorare che è impossibile pensare al futuro dell’automotive senza porsi il tema di Stellantis sul mercato italiano. Lasciare che Maserati esca di scena significa non solo tirare un missile a Modena e ad un marchio iconico del Made in Italy ma rinunciare a riformare un settore chiave per la nostra economia, per i livelli occupazionali e per l’indotto. Ecco perché abbiamo grande fiducia nel fatto che il Presidente Orsini possa intervenire autorevolmente, aprendo una fase nuova'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

GIFFI NOLEGGI

Economia - Articoli Recenti
Modena, elezioni rsu Enel: bene la Flaei Cisl
'Un gruppo che ha messo serietà, competenza e autorevolezza a disposizione della nostra ..
17 Maggio 2024 - 18:21
Sciopero ceramica: Confindustria ridimensiona i dati di adesione al 29,4%
Lontanissimo dal dato indicativo fornito dai sindacati che oscillava dall'80% a punte del ..
16 Maggio 2024 - 17:46
Granterre, bilancio in crescita e nuovi incarichi: Chezzi presidente e Moscatelli nuovo AD
Ricavi in aumento a 1,5 miliardi di euro, di cui 459 milioni all'estero. Il manager Maurizio..
15 Maggio 2024 - 19:30
Sassuolo: lavoratori della ceramica in sciopero per il rinnovo del contratto
Alta adesione, con punto del 100% in alcuni stabilimenti, allo sciopero e la manifestazione ..
14 Maggio 2024 - 15:50
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla speranza che i soci non chiudano i libretti
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti Unipol sul piede di guerra
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52