Payback Biomedicale: da Mirandola ipotesi per uscire dall'incubo
Acof onoranze funebri
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Acof onoranze funebri
articoliEconomia

Payback Biomedicale: da Mirandola ipotesi per uscire dall'incubo

La Pressa
Logo LaPressa.it

Parlamentari e consiglieri regionali rispondono all'appello delle imprese nell'appuntamento organizzato dalle associazioni di categoria. Un provvedimento che agisca sulla fiscalità generale e garantisca bilanci delle imprese e di Stato e Regioni obiettivo comune. Senza attendere la pronuncia della Consulta sulla legittimità costituzionale


  • Payback Biomedicale: da Mirandola ipotesi per uscire dall'incubo
  • Payback Biomedicale: da Mirandola ipotesi per uscire dall'incubo
  • Payback Biomedicale: da Mirandola ipotesi per uscire dall'incubo
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La politica agisca con un provvedimento legislativo per superare il payback senza attendere la pronuncia della Consulta chiamata dal Tar del Lazio ad esprimersi sulla legittimità Costituzionale del payback stesso. E' questo l'appello rilanciato dal mondo dell'impresa e dell'industria biomedicale al mondo della politica presente lunedì all'appuntamento organizzato a Mirandola da Confindustria, CNA e Lapam. 

Fino ad ora grazie all'iniziativa parlamentare condivisa da tutti i gruppi, proposta con emendamento dal Senatore modenese di Fratelli d'Italia Michele Barcaiuolo, l'esecutività del payback era stata solo rinviata. Di tre mesi in tre mesi. L'ultimo rinvio al 30 novembre. Nel frattempo sul meccanismo di legge (introdotto dal governo Renzi nel 2015 ma rimasto dormiente, senza decreti attuativi, fino alla decisione del governo Draghi di introdurlo e renderlo esecutivo anche per il quadriennio 2015 - 2018), è arrivato il parere del Tar del Lazio che ne ha sospeso l’esecutività per sottoporlo alla Consulta, chiamata ad esprimersi rispetto alla sua legittimità costituzionale.

Tempi? Sicuramente mesi, che non devono essere utilizzati per stare fermi, sperando che la corte bocci per illegittimità il provvedimento, anzi (ed è questa la richiesta delle imprese arrivata nel corso dell'incontro), devono servire alla politica per elaborare ed approvare un provvedimento di legge tale da superare gli effetti del payback per il pregresso e a definire un meccanismo per il futuro, a prescindere da quello che sarà il pronunciamento della Consulta.

Anche perché ci sono due elementi che né il mondo dell'impresa, né le istituzioni (Regione e Stato) e soprattutto la politica può ignorare: l'impatto sulla finanza pubblica che potrebbe creare l'annullamento di un provvedimento che incide su somme già messe a bilancio delle Regioni e dello Stato ed il fatto che le Regioni (che oggi in concreto in mano hanno di fatto titoli esecutivi di riscossione delle somme nei confronti delle imprese), stanno andando in ordine sparso nelle azioni intraprese.

Così come in ordine sparso stanno andando le aziende per difendersi. Basta considerare che sono circa 2000, a livello nazionale, quelle grandi e piccole del settore biomedicale che hanno presentato ricorso e sono in attesa di sentenza dal TAR. Poi c'è il problema per quelle che non hanno fatto ricorso e che si sono viste recapitare fatture, capaci nei loro importi di mettere in crisi gli equilibri di bilancio. Fatture che in attesa di provvedimenti di legge e pronunce sulla legittimità del provvedimento, spesso non vengono pagate. Insomma un enorme caos istiutuzionale e giuridico che sta comportando un enorme e costoso contenzioso giudiziario e che va, o meglio che andrebbee risolto, nello stesso alveo politico parlamentare in cui è generato e che fino ad ora pur con grande sforzo di mediazioni e di azione non è andato oltre a gettare per cosi dire la palla in tribuna. Rimandandone di fatto di tre mesi in tre mesi la scadenza.  

Dal mondo politico, presente in sala (dai parlamentari di Fratelli d'Italia Michele Barcaiuolo e Daniela Dondi, a Stefania Ascari, del Movimento 5 stelle, a Stefano Vaccari del PD ai consiglieri regionali Palma Costi, del PD, Stefano Bargi, della Lega, Simone Pelloni, ora Gruppo Civico  Luca Cuoghi, di Fratelli d'Italia), è emerso l'obiettivo condiviso di trovare una soluzione per superare una situazione che impatta anche sul bilancio dello Stato e su quello delle Regioni. 

Questo potrebbe venire da un provvedimento che agisca sulla fiscalità generale e sul quale le forze politiche si sono impegnate ad agire in maniera condivisa. Il riferimento che viene fatto, anche con tanti distinguo, è a quello che già succede nel meccanismo del Payback sui farmaci. Che terrebbe conto di due obiettivi altrettanto condivisi. Ovvero quello di garantire una fiscalità in entrata a Regioni e Stato e allo stesso tempo garantisca alle aziende ciò che nel payback sui dispositivi del biomedicale non viene garantito. Ovvero la trasparenza e la previsioni di quanto devo pagare prima e non dopo, con effetti per altro retroattivi. E' il classico caso in cui la politica, nella sovranità del parlamento, deve davvero affidarsi alla forza di organismi tecnici per trovare la soluzione strutturale, capace di garantire la tenuta del sistema. Un provvedimento che varrebbe per il futuro, e che se unito ad una sentenza che annulli l'efficacia del payback applicato come è ora, in maniera retroattiva, al quadriennio 2015-2018, potrebbe garantire una uscita dalla palude in cui politica e imprese navigano. Rischiando, soprattutto queste ultime, di affondare. 

Una disponibilità, quella offerta dal mondo politico, a ragionare su un provvedimento che agisca sulla fiscalità generale che, 'per quanto apprezzabile - hanno affermato i rappresentanti dell'impresa - non mitiga le preoccupazioni per questa norma. Per questo rimane la necessità – hanno concluso i rappresentanti di Cna, Lapam Confartigianato e Confindustria Emilia Area Centro – di definire in modo certo la questione, nel senso di ripristinare la corretta dinamica degli scambi commerciali tra imprese e sistema sanitario nazionale'.

Il provvedimento definito mostro giuridico da cancellare dal sindaco di Mirandola Alberto Greco, in apertura dell'evento, è giudicato inaccettabile Cna, Lapam Confartigianato, e Confindustria Emilia Area Centro, organizzatrici dell'evento. 'L'applicazione - hanno dichiarato - mette potenzialmente a rischio non solo la tenuta del settore, ma anche l’approvigionamento del sistema sanitario nazionale: quali imprese lavorerebbero con quest’ultimo, sapendo di poter essere chiamati a rimborsane parte delle spese anche a distanza di anni?

Gi.Ga.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Economia - Articoli Recenti
Crisi Stellantis, crolla produzione. A Modena allarme Maserati (-73%)
Nello stabilimento Maserati di Modena, in particolare, si sono prodotte 160 vetture contro ..
08 Luglio 2024 - 19:57
Crisi Bellco, attesa per il tavolo ministeriale del 9 luglio
‘Mirandola e Mozarc devono essere una priorità nell’agenda del Governo, perché il ..
06 Luglio 2024 - 14:15
AssoBio in forte crescita: con 140 soci rappresenta oltre il 70% del valore del mercato italiano
Bilancio positivo dall’Assemblea dei soci, a Bologna. Lettera di intenti con il Consorzio ..
06 Luglio 2024 - 00:51
Modena, Coop Alleanza chiude la storica sede di viale Virgilio
'L’iniziativa lascerà invariati i livelli occupazionali: infatti, è garantita la piena ..
05 Luglio 2024 - 20:03
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla speranza che i soci non chiudano i libretti
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti Unipol sul piede di guerra
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52