Stop al superbonus: fuoco incrociato sul governo
CISL Emilia Centrale
GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CISL Emilia Centrale
articoliEconomia

Stop al superbonus: fuoco incrociato sul governo

La Pressa
Logo LaPressa.it

A Modena dure critiche da Cna, Cisl e Partito Democratico: 'Dal governo scellerato dietro front'


Stop al superbonus: fuoco incrociato sul governo
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Una pezza ben peggiore del buco'. Non ci sono altre parole secondo Luca Giovanelli, presidente di Cna Costruzioni Modena, per commentare il decreto varato giovedì sera dal governo, che mette di fatto una pietra tombale sul Superbonus. 'Con tanti saluti – continua Giovanelli – a quelle imprese che in questi mesi avevano fatto assunzioni ed investimenti convinti di poter continuare ad operare. La soluzione proposta da Giorgetti, invece, confina questo strumento ai più ricchi, coloro che potranno detrarre i costi dalla propria denuncia dei redditi, vale a dire i redditi più alti'.

Secondo Cna, non sarebbe stato difficile individuare soluzioni alternative, a cominciare da agevolazioni crescenti in base all’età degli immobili, alla loro efficienza energetica e al reddito dei proprietari. 'Pensiamo ad un appartamento degli anni ‘70 di proprietà di una coppia di pensionati: sarebbe del tutto logico pensare ad un’agevolazione anche del 100%, per scendere al 50% per i contribuenti più ricchi.

Un meccanismo che forse avrebbe dovuto ispirare il Superbonus sin dalla sua prima edizione. Invece ora ci troviamo di fronte ad uno stop improvviso ed inatteso, con buona pace anche della svolta green chiesta a gran voce anche dall’Europa'.

Solo otto giorni fa, la Commissione per l'Industria, la Ricerca e l'Energia del Parlamento europeo ha approvato la direttiva 'Case Verdi', la quale richiede che gli edifici residenziali raggiungano una prestazione energetica minima di classe 'E' entro il 2030 e di classe 'D' entro il 2033. Secondo gli attestati di prestazione energetica di Enea al 31 dicembre 2022 gli edifici italiani in classi energetiche inferiori alla classe “D” che si dovranno adeguare sono il 76%.  Significa che tre immobili residenziali su quattro dovranno operare lavori di ristrutturazione entro i prossimi 10 anni, a dimostrazione di quanto confusa e poco lungimirante sia stata la scelta del Governo.

A rendere la situazione ancora più grave, la mancanza di notizie relativamente allo sblocco dei crediti incagliati, rispetto alla quale il ministro Giorgetti ha convocato una riunione per lunedì con tutte le associazioni di categoria, tra cui Cna. 'La decisione di impedire l’acquisto dei crediti presso le banche da parte delle istituzioni locali non rappresenta certo un incoraggiante punto di partenza. È da ottobre che aspettiamo soluzioni in questo senso, cinque mesi durante i quali non si è fatto nulla, niente. Evidentemente non ci si rende conto della situazione in cui versano tante imprese, dei cantieri, ora di fatto congelati, con i relativi disagi per i cittadini. Senza contare il fatto che le città si troveranno con tante belle impalcature a vista, alla faccia dell’estetica delle città del nostro Paese, che dovrebbero puntare sulla bellezza. Questa vicenda – conclude Giovanelli – dimostra quanto il mondo della politica sia lontano dal paese reale, dai bisogni delle imprese e dei cittadini'.

La Cisl: 'Con decisione Cdm a rischio migliaia di posti di lavoro'

'La decisione del governo sui bonus edilizi, compreso il superbonus, mette a rischio anche a Modena centinaia di aziende e migliaia di posti di lavoro, considerando che gli addetti modenesi del settore sono quasi 10 mila' - rincara la dose la segretaria generale della Filca Cisl Emilia Centrale Cinzia Zaniboni.
'Nel nostro territorio le prime avvisaglie c’erano già state, - rivela la sindacalista degli edili Cisl di Modena e Reggio - perché molti lavoratori lamentavano il ritardo dello stipendio a causa della sempre minor disponibilità liquida delle imprese. Le stesse associazioni  imprenditoriali,  nell’incontro di qualche settimana fa per il rinnovo dei contratti integrativi provinciali di Modena e Reggio Emilia, avevano espresso forte preoccupazione per la difficoltà delle loro associate a reperire liquidità, nonostante i cassetti fiscali pieni di crediti dovuti all’ecobonus. Ora con questa scelta potrebbe esplodere una vera bomba sociale'.

Per la Cisl si rischia di disperdere un patrimonio di professionalità indispensabile per realizzare quanto previsto dal Pnrr. Occorre trovare la strada che garantisca questi lavoratori, anche trovando soluzioni di semplificazione normativa per accelerare le opere del Pnrr.
'Il nostro tessuto produttivo del mattone è formato da piccole e medie imprese, spesso con pochi dipendenti, che non hanno margini sufficienti per reggere un’esposizione economica di tale portata – ricorda Zaniboni - Negli ultimi due anni abbiamo assistito a un vero e proprio boom dell’edilizia dovuto agli ecoincentivi. Questo ha contribuito a creare da una parte tanti posti di lavoro, ma purtroppo anche tante situazioni irregolari. Abbiamo assistito alla rincorsa delle continue modifiche normative, con caos e disagi per le aziende rispettose delle norme, e ripercussioni sui lavoratori. Si rischia di avere una delle più grandi vertenze del lavoro del nostro Paese, con una portata di gran lunga maggiore di quelle che avvengono nei grandi gruppi, che fanno notizia'.

A livello nazionale la Filca Cisl sollecita politiche industriali e di lungo periodo, la revisione dei bonus garantendo i redditi e le classi energetiche più basse, considerando anche la densità abitativa dei luoghi di intervento e utilizzando strumenti emergenziali.
'Il governo ci convochi subito perché – conclude Cinzia Zaniboni, segretaria generale Filca Cisl Emilia Centrale - bisogna tutelare un settore strategico per l’economia modenese e italiana'.

Pd: 'Scellerato dietrofront del governo'

'Lo scellerato dietrofront del governo che approva il decreto che cancella lo sconto in fattura e la cedibilità dei crediti d'imposta legati al Superbonus e ai bonus edilizi ci preoccupa enormemente – dicono gli esponenti Dem Stefano Vaccari e Roberto Solomita -. È un’azione che colpisce i ceti meno abbienti, una scelta che annulla le decisioni prese da diverse Regioni e Province comprese quelle di centrodestra. Vietare agli enti locali e alle altre PA di acquistare i crediti incagliati vuol dire condannare alla chiusura decine di migliaia di imprese. Nessuna risposta quindi al tema dei crediti di imposta che sta bloccando la gran parte del settore edilizio. Le conseguenze saranno drammatiche per le famiglie, per le decine di migliaia di persone che perderanno il lavoro e per la crisi che investirà tante piccole e medie imprese. D'altronde questo è il governo che salvaguardia i privilegi e gli extra-profitti delle grandi società energetiche, e colpisce chi ha meno. Meloni in campagna elettorale aveva promesso il contrario – sottolinea il deputato Vaccari -. Li aspettiamo in Parlamento e condurremo una dura battaglia per fermare il provvedimento'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

GIFFI NOLEGGI

Economia - Articoli Recenti
Modena, elezioni rsu Enel: bene la Flaei Cisl
'Un gruppo che ha messo serietà, competenza e autorevolezza a disposizione della nostra ..
17 Maggio 2024 - 18:21
Sciopero ceramica: Confindustria ridimensiona i dati di adesione al 29,4%
Lontanissimo dal dato indicativo fornito dai sindacati che oscillava dall'80% a punte del ..
16 Maggio 2024 - 17:46
Granterre, bilancio in crescita e nuovi incarichi: Chezzi presidente e Moscatelli nuovo AD
Ricavi in aumento a 1,5 miliardi di euro, di cui 459 milioni all'estero. Il manager Maurizio..
15 Maggio 2024 - 19:30
Sassuolo: lavoratori della ceramica in sciopero per il rinnovo del contratto
Alta adesione, con punto del 100% in alcuni stabilimenti, allo sciopero e la manifestazione ..
14 Maggio 2024 - 15:50
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla speranza che i soci non chiudano i libretti
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti Unipol sul piede di guerra
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52