La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
rubricheIl Galeotto

Allarme Sicurezza: la Regione lo risolve ignorandolo

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dopo l'assenza nel programma elettorale di Bonaccini, la quasi scomparsa del tema sicurezza nel programma di mandato. Su 78 pagine, tema liquidato in poche, generiche, righe


Allarme Sicurezza: la Regione lo risolve ignorandolo
Il problema sicurezza? Non è un problema, basta solo non considerarlo. Lo si era già notato in campagna elettorale, nel momento in cui il tema sicurezza, da sempre 'scomodo' per la sinistra al governo di comuni, regioni e Paese, non era contemplato, pur nella sua importanza, nel programma elettorale del Presidente della Regione Stefano Bonaccini.

E la conferma che il tema dovesse, forse per strategia politica, avere una importanza ridotta se non nulla nell'azione politica ed amministrativa promessa dal governo regionale, è arrivata dalla pubblicazione del programma di mandato della nuova giunta, da oltre sei mesi alla guida della Regione Emilia-Romagna. Un documento che è necessario redigere e pubblicare. Un documento che, nello specifico dell'amministrazione regionale, conta 78 pagine. In queste il tema della sicurezza appare soltanto alla fine (anche se l'ordine non è per importanza), ma di fatto, ciò che è significativo, liquidato in poche righe. La sicurezza, con una delega che il Presidente Bonaccini ha tenuto per sé, è limitata a poco più della metà di una delle 78 pagine di impegni programmatici snocciolati accuramente ed ampiamente per ogni assessorato. Nulla di paragonabile allo spazio e al livello di specificità dei contenuti relativi alla sicurezza. E non regge nemmeno la motivazione che queste righe siano pregne di contenuti di merito, semplicemente perché non lo sono. Anzi sono poche, e general-generiche. Come se in Emilia-Romagna la sicurezza, quella di strada, quella dei reati predatori, quella legata all'immigrazione, quella legata alle infiltrazioni e al radicamento di camorra, Ndrangheta nel tessuto economico e sociale, non rappresentasse un problema o fosse l'ultimo dei problemi o, forse, una questione marginale. Per lo più, in quelle righe, solo indirizzi che non definiscono chiaramente obiettivi e tanto meno azioni per raggiungerli. Nemmeno un riferimento, per esempio, agli organici della Polizia Locale sulle cui 'piante' la regione ha diretta competenza e sulle quali, in passato, si è sviluppato un ampio dibattito politico che, nel merito, ci sarebbe motivo per continuare. Così come nessun impegno rispetto all'azione nei confronti del governo nazionale di turno sul fronte del potenziamento delle forze di Polizia, delle questure o al problema legato all'enorme presenza di stranieri irregolari (anche in questo ambito l'Emilia-Romagna presenta un triste primato da condividere solo con la Lombardia), dovuto alle crepe del sistema dell'accoglienza mai uscito dall'emergenza, o al problema carceri. Tra l'altro temi che hanno, all'interno della dimensione nazionale, una dimensione regionale. E nella terra del processo Aemilia e della inquietante realtà che ne è emersa, si parla di azioni per la legalità e contro la criminalità organizzata quasi solo in termini di possibili aiuti alle associazioni che si occupano di legalità, di riutilizzo di beni sequestrati alle organizzazioni mafiose ma nessun accenno, per esempio, a temi cardine nella lotta all'illegalità e alla criminalità organizzata. Al mondo degli appalti, dei subappalti. Nonostante la Regione abbia registrato gli effetti devastanti, negli ultimi anni, dei massimi ribassi, anche nella realizzazione delle strutture pubbliche sanitarie. Ben poco o nulla anche rispetto alla sicurezza delle imprese oltre che dei cittadini. Ma forse, anche questa scelta che pone la sicurezza in una posizione subalterna e residuale nel programma di mandato, corrisponde ad una strategia politica. Se un tema è scomodo e su quello si ha per cosi dire il fianco scoperto, è meglio cancellarlo dal dibattito e dagli impegni di programma e di governo. Una strategia che fino ad ora sembra avere pagato. E che forse continuerà a pagare. In questo senso, quasi geniale, perché a domanda il Presidente della Regione potrà nei prossimi quattro anni giustificare qualsiasi non azione affermando che non è contenuta nel mandato.

Gi.Ga.

Nella foto il Presidente della Regione Stefano Bonaccini insieme al sottosegretario alla Presidenza ed ex sindaco di Soliera, Davide Baruffi

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Critiche raccolta fondi, Bonaccini minaccia: 'Ci vediamo in tribunale'
Politica
05 Gennaio 2020 - 06:26- Visite:43966
'Crisi Coop Alleanza 3.0: il modello degli ipermercati ha fallito'
Politica
01 Febbraio 2019 - 13:33- Visite:42176
Riccione, sindaco si ribella a Bonaccini: 'Io lunedì apro le spiagge'
Politica
02 Maggio 2020 - 00:19- Visite:34538
Sanità, più risorse ai privati. Bonaccini firma accordo
Politica
20 Novembre 2019 - 17:49- Visite:33734
Bonaccini: 'Emilia Romagna pronta a riaprire 27 aprile. Ma no scuole'
Societa'
20 Aprile 2020 - 12:40- Visite:33270
Coronavirus, da domani tutte le scuole chiuse in Emilia Romagna
Societa'
23 Febbraio 2020 - 16:53- Visite:32615
Il Galeotto - Articoli Recenti
E il PD promuove in Consiglio la ..
Mentre il sindaco faceva appello alla responsabilità e all'invito a non fare feste, un ..
15 Ottobre 2020 - 20:59- Visite:1846
Modena, la giunta si autocelebra. Il ..
In fondo si trattava di una festa di partito e, qui a Modena, non si sa bene dove finiscano ..
16 Settembre 2020 - 23:30- Visite:1563
Covid, l'Oms mette al bando ..
Una buona notizia perchè, forse, da domani verrà posto un freno alle foto di rito di ..
13 Settembre 2020 - 21:49- Visite:2279
Bonaccini inaugura un negozio di ..
Il Presidente della Regione in campagna elettorale permanente presenzierà oggi a due ..
01 Settembre 2020 - 00:22- Visite:657


Il Galeotto - Articoli più letti


Minniti, Renzi e Richetti: ecco gli ..
Ultima giornata di lavoro della Conferenza programmatica del Pd
30 Ottobre 2017 - 23:00- Visite:12193
I Promessi Consip
Renzi e la Musti. E l'Ultimo uomo mascherato a fare da innominato
17 Settembre 2017 - 00:07- Visite:12040
Pessime notizie
'L’annuncio dell'apertura della Pressa rappresenta una pessima notizia... No mi sono ..
23 Aprile 2017 - 08:55- Visite:11783
Bonaccini, collezione-estate
Un bel selfie di Stefano Bonaccini con il potentissimo Gianni Prandi
26 Luglio 2017 - 10:31- Visite:11609