Perchè Papa e sindaci tutti vicini senza mascherina?
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
rubricheIl Galeotto

Perchè Papa e sindaci tutti vicini senza mascherina?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Stupore di fronte alle immagini di schiere di sindaci (tra cui quello di Modena), senza protezioni a parlare e stringere la mano al Santo Padre


Perchè Papa e sindaci tutti vicini senza mascherina?
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Ciò che in ambienti chiusi, e in appuntamenti pubblici con alta presenza di persone è vietato dalle norme anti-covid, come appunto lo è il non indossare la mascherina, in certi ambienti evidentemente non lo è. E che ambienti. Le scene di schiere di sindaci in fascia tricolare da tutta Italia ricevuti da Papa Francesco, riuniti sabato in vaticano nell'appuntamento organizzato dall'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), non potevano passare inosservate. Sia, certo, per l'emozione dei diretti interessati nel trovarsi singolarmente, in rappresentanza della propria città, al cospetto diretto del Santo Padre, scambiando con lui addirittura qualche parola, ma anche per l'assenza pressoché totale di mascherine protettive sia sui volti degli invitati sia del Papa. E non solo nei momenti con ospiti e Papa seduti a distanza, ma anche nel momento del saluto individuale.

Con i sindaci prima in fila indiana, per il proprio turno, vicini e senza mascherina e tutti in attesa del saluto personale a Papa Francesco. Le distanze si accorciano, fino ad annullarsi, dall'uno all'altro sindaco e tra ognuno di loro ed il papa. Tutti senza mascherina al suo cospetto.

A pochi centimetri, uno di fronte all'altro. Anche Papa Francesco non la indossa. Non portata male, sotto il naso o sbilenca. Senza. Quasi tutti non ce l'hanno. Come a nessuno è concesso, pena multa. Soprattutto in ambienti chiusi e, pur nella grandezza della sala che ospitava all'evento, comunque affollati. Tra i sindaci c'è anche quello di Modena. Lui, come tanti, si avvicina. Il capo a pochi centimetri dal volto del pontefice, di fronte, quanto basta per farsi sentire. Scatta, oltre a foto ricordo, anche la stretta di mano, a doppia mano.

E così per gli altri. In fila, vicini, senza protezioni. Come se la scena immortalata fosse del febbraio 2018 e non del 2022, in cui l'obbligo vige, in presenza ravvicinata, di altre persone, anche all'aperto. Lo stesso obbligo ad indossare la protezione individuale il cui mancato rispetto ha portato, nella sola provincia di Modena, a contare circa 800 modenesi multati in due mesi. Con il plauso dei sindaci ai controlli. Obbligo che lì evidentemente non vige. Anche solo come esempio. Appare infatti paradossale che i protagonisti della scena sono sindaci che nel loro ruolo istituzionale e di garanti della salute pubblica nei loro rispettivi comuni sono chiamati anche ad essere esempio in questo senso. Esempio di ciò che le istituzioni che rappresentano e impongono a tutti i cittadini chiamati al rispetto delle regole e che quelle regole, come lo stesso sindaco ha più volte ribadito, le rispettano. Non mettiamo in dubbio e non ci permetteremo di sindacare cosa è stato fatto prima, durante e dopo l'incontro per garantire la sicurezza (anche perché stiamo parlando di un altro Stato), certo è che l'immagine di quei privilegiati contatti ravvicinati e prolungati e di strette di mano in fascia tricolore e assenza di mascherine e protezioni, non hanno fatto altro che sottolineare la distanza dal paese reale, dalla gente comune. Forse l'esatto contrario di ciò che i sindaci, in ogni contesto, dovrebbero rappresentare. Per finire, una semplice domanda: perché?

Gi.Ga.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati
Bergoglio viene eletto Papa: 13 marzo 2013
Accadde oggi
13 Marzo 2024 - 07:24
Bandiera bianca
Le Vignette di Paride
10 Marzo 2024 - 22:43
Il Papa da Fazio, la buona notizia che consola
Lettere al Direttore
15 Gennaio 2024 - 08:35

Feed RSS La Pressa
Il Galeotto - Articoli Recenti
Il sindaco contro la scuola, è scontro istituzionale sul caso studente sospeso: Muzzarelli sale in cattedra e attacca il Barozzi
Con certezza granitica proclama pubblicamente che il caso conferma il fallimento della ..
10 Febbraio 2024 - 13:00
Uso improprio del cellulare alla guida: lo strano caso del camera car postato sulla pagina del Sindaco
Sulla pagina ufficiale il video ripreso dal posto guidatore dell'auto in via delle Suore. Ma..
06 Gennaio 2024 - 17:55
No Human touch
Non una parola, non un riferimento, nessun 'tocco umano'. Forse da ieri il boss è un pò ..
19 Maggio 2023 - 09:18
Modena straborda di immondizia: ecco i sorci... Ma non sono i novax
Sulla scorta del genio scientifico di Burioni non resta che chiedere scusa ai topi anche per..
20 Marzo 2023 - 09:31
Il Galeotto - Articoli più letti
I Promessi Consip
Renzi e la Musti. E l'Ultimo uomo mascherato a fare da innominato
17 Settembre 2017 - 00:07
Bonaccini, collezione-estate
Un bel selfie di Stefano Bonaccini con il potentissimo Gianni Prandi
26 Luglio 2017 - 10:31
Minniti, Renzi e Richetti: ecco gli eredi di Berlinguer
Ultima giornata di lavoro della Conferenza programmatica del Pd
30 Ottobre 2017 - 23:00
Pessime notizie
'L'annuncio dell'apertura della Pressa rappresenta una pessima notizia... No mi sono ..
23 Aprile 2017 - 08:55