La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Accoglienza, bando deserto: così il potere delle cooperative archivia il decreto Salvini

La Pressa
Logo LaPressa.it

I professionisti dell'accoglienza a pagamento tutti d'accordo. Nessuna offerta per la gestione, a 20 euro al giorno per ogni migrante, dell'accoglienza ai richiedenti asilo.


Accoglienza, bando deserto: così il potere delle cooperative archivia il decreto Salvini
Meno soldi, meno accoglienza, anzi nessuna accoglienza. Le associazioni e le cooperative che di fatto dal 2014 (inizio dell'operazione mare Nostrum), ad oggi, e fino al 30 novembre,  hanno accolto e accoglieranno nelle loro strutture circa 1500 migranti richiedenti asilo in provincia di Modena, hanno detto no all'offerta del bando della prefettura, per continare a gestire il servizio per altri due anni. Bando elaborato sulla base delle disposizioni del Decreto Sicurezza varato dal governo gialloverde e che per questo, al suo interno, prevedeva non più i 32,5 euro giornalieri riconosciuti alle coop e alle onlus per ogni migrante, bensì 20 euro. E qui sta il punto in cui il meccanismo si è inceppato.

La solidarietà e l'accoglienza hanno un costo, anzi un guadagno, che le cooperative per anni grazie alle migliaia di migranti in arrivo nei porti aperti, hanno introitato e gestito e continuano a gestire. E al quale hanno dimostrato di non volere rinunciare. Un sistema quello dell'affidamento praticamente in 'global service' della gestione dell'intero sistema dell'accoglienza che negli anni è diventato potere, anche contrattuale, capace di fatto di imporre ai referenti istituzionali pubblici, come è successo in provincia di Modena, il prezzo dell'accoglienza stessa, forti di potere mettere sul piatto, come contropartita (per non dire altro), la possibilità di fare saltare il banco, ovvero l'intero sistema, smettendo di garantire il servizio. Perché questo è successo.

Quando il rimborso giornaliero per l'accoglienza di ogni singolo migrante era di 32,5 euro cooperative ed onlus non mancarono mai all'appello lanciato dai bandi della prefettura. Tutto filava liscio. Il flusso di immigrati sui barconi era enorme e costante, così come i finanziamenti. Gestendo così, dal 2014 ad oggi, l'accoglienza dei migranti richiedenti asilo, offrendo la disponibilità a coprire l'accoglienza del gran numero delle migligia sbarcati senza controllo, distribuiti e accolti nelle varie provincia d'Italia (a Modena, ufficialmente, il tetto massimo si registrò con i 1850 dell'agosto del 2017) attraverso i CAS, Centri di Assistenza straordinaria, che da sistemazioni emergenziali e temporanee si sono trasformati in residenze semipermanenti. Per un giro d'affari da decine di milioni di euro l'anno, nella sola provincia di Modena. Il tutto per un sistema che già faceva acqua, che strutturato in termini di emergenza non garantiva integrazione e che già mostrava grossi limiti rispetto al più strutturato sistema di accoglienza Sprar, attivo dal 1997 anche a Modena, basato sul coinvolgimento dei comuni e non delle cooperative e delle onlus private, seppur più strutturato per garantire integrazione.

La stretta Salviniani, e l'accoglienza non è più interessante

Da quando i nuovi bandi hanno inserito i tagli nei costi introdotti dal decreto sicurezza, facendo passare la diaria da una media di 32,5 euro ai 20 euro, tutto è cambiato. Gli operatori dell'accoglienza hanno detto no. Con precise motivazioni (non è più possibile, con 20 euro, garantire vitto e alloggio ma soprattutto una accoglienza vocata all'integrazione possibile soltanto attraverso l'organizzazione di attività e corsi non più finanziabili con i tagli del decreto Salvini), e con un segnale forte, già all'inizio del 2019, quando le principali cooperative, capaci di accogliere il 80% delle richieste, disertarono il bando del servizio per l'accoglienza per 1500 richiedenti asilo presenti.

Obbligando la Prefettura a procedere con una deroga prima fino a fine estate, e poi fino al 30 novembre, accettata dagli operatori solo perché formulata sulla base di tariffe concordate con i gestori stessi, più alte rispetto a quelle stabilite dal decreto Salvini. Prendere o lasciare. L'accordo passò e benne approvata la proroga al 30 novembre agli stessi operativi che gestivano l'accoglienza e che avevano rifiutato le condizione salviniane. In attesa di un nuovo tentativo con un nuovo bando. Che puntualmente la prefettura, questa estate, ha emanato. Con esito negativo, che questa volta ha visto d'accordo la totalità degli operatori, compresi quella di area cattolica e caritatevole che in occasione del primo bando, per loro vocazione, avevano accettato i 20 euro pur di continuare a gestire il servizio e a garantire accoglienza. Questa volta anche loro hanno disertato in massa il bando, facendo di fatto fronte comune e contrario all'ultimo bando della prefettura per 1600 richiedenti asilo ancora presenti in provincia di Modena. Nonostante sul piatto ci fossero cira 80 milioni di euro. Per i prossimi due anni. Una 'mare nostrum' di denaro pubblico che sarebbe stato ancora più grande se non fosse per la riduzione della diaria ai 20 euro previsti da Salvini rispetto ai 32,5 previsti dal 2014 dai precedenti governi del PD, guidati da Renzi e Gentiloni

Nessuna busta con nessuna offerta è pervenuta negli uffici di viale martiri, in prefettura, alla scadenza del bando fissata il 30 agosto scorso. Ciò significa, tutto da rifare, o almeno tutto in alto mare. Perché ora difficilmente si potrà continuare a derogare, come è stato fatto per un anno, a disposizioni ministeriali, e a non applicare spese e tariffe stabilite dal decreto.

A meno che l'attuale governo non decida di cancellare in tempi brevi (come ha già accennato di volere fare), il decreto sicurezza firmato dall'ex ministro Salvini, che ha tagliato fondi e finanziamenti e al quale i professionisti dell'accoglienza si sono ribellati con l'atto più forte in loro potere: disertando all'unanimità il bando della prefettura. Smettendo non solo di discutere sulle regola di ingaggio dell'accoglienza, ma rifiutando, alle nuova condizioni imposte dal decreto firmato da Salvini (senza scordare i 5 stelle), di continuare a farla. Opponendo un muro all'applicazione del decreto Salvini che avrebbe ridotto quello che la lega (e non solo), ha sempre bollato come il business dell'accoglienza. Confermando che a quanto pare l'unica, o almeno la più importante leva, per ottenere l'accoglienza, è quella del denaro. Perché l'integrazione, quella vera, nonostante gli sforzi eccezionali degli operatori modenesi, non si è mai realizzata. Per migliaia di richiedenti asilo per i quali l'emergenza umana e sociale, non è mai stata affrontata e risolta.

Gi.Ga.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.
Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazion..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


Migranti...
Le Vignette di Paride
04 Luglio 2017 - 15:44- Visite:11615
'Via delle Costellazioni, situazione fuori controllo'
Politica
15 Ottobre 2017 - 11:02- Visite:11223
A casa loro
Le Vignette di Paride
08 Luglio 2017 - 06:51- Visite:11137
Migranti, spese sanitarie: rissa tra Pd e Lega Nord
Politica
29 Ottobre 2017 - 12:51- Visite:11050
Boldrini, stanno toccando il fondo. Chi mi minaccia su Fb ha chiari ..
Politica
29 Agosto 2017 - 21:34- Visite:10859
ER, i migranti occupati sono sotto la media
Politica
14 Ottobre 2017 - 06:27- Visite:10825
Il Punto - Articoli Recenti
Regionali Emilia Romagna, comiche 5 ..
Sulle pagine social del Gruppo regionale M5S ci sono ancora le grevi ..
16 Settembre 2019 - 12:28- Visite:1217
Il modenese Lanzi come la Bellanova, ..
Insomma si può giudicare un parlamentare per la voce stridula e acuta... ..
06 Settembre 2019 - 11:31- Visite:1145
Conte bis, Rousseau, mercati, Spread, ..
La coerenza e la contestazione sono intemperanze giovanili, cose del secolo..
04 Settembre 2019 - 11:39- Visite:1086

Onoranze funebri Gibellini

Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:57180
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:43434
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: ..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:27453
Voragine Coop Alleanza 3.0: plusvalenze ..
L'operazione finanziaria che ha trasformato gli immobili in titoli quotati ..
09 Maggio 2018 - 14:47- Visite:23527

Contattaci


Feed RSS La Pressa

Contattaci