Addio diocesi di Carpi: silenzioso de profundis a 250 anni di storia
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Addio diocesi di Carpi: silenzioso de profundis a 250 anni di storia

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dopo secoli di storia (il primo Vescovo venne nominato nel 1779) la realtà carpigiana perde anche il 'proprio' pastore


Addio diocesi di Carpi: silenzioso de profundis a 250 anni di storia
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Quello che negli ambienti della Curia carpigiana veniva solo sussurrato, ha trovato una esplicita autorevole conferma dai vertici della Cei, la Conferenza episcopale italiana: il suo presidente cardinale Matteo Zuppi, anche arcivescovo di Bologna, ha ammesso che l’attuale status di due Diocesi con un solo Vescovo rimarrà tale e la Chiesa di Carpi verrà unita definitivamente “da un trattino” con quella di Modena, perdendo dopo secoli di storia il proprio Vescovo.
Per la verità era da due anni a questa parte, da quando cioè Papa Francesco nominò l’arcivescovo di Modena don Erio Castellucci (nella foto) vescovo “anche” di Carpi, “in persona episcopi”, dopo le dimissioni del precedente monsignor Francesco Cavina, che si stava facendo strada l’idea che la nomina di un solo Vescovo per le due Diocesi potesse preludere alla scomparsa di quella carpigiana, rimasta nel frattempo priva del titolare dopo la burrascosa uscita di scena del Vescovo Cavina.

Ma si sperava che cosi non fosse. Invece così è stato, stando alle affermazioni del presidente della Cei, per cui svanisce la speranza dei carpigiani, credenti o non, della nomina di un nuovo “pastore” titolare del palazzo di Corso Fanti.

E così Carpi, come abbiamo detto anche di recente, continua a perdere colpi, appeal, importanza, ruolo e autorevolezza sul piano provinciale e regionale rispetto ad altre realtà sia dal punto di vista istituzionale, civile e politico e ora anche su quello religioso. Perchè, dopo secoli di storia (il primo Vescovo venne nominato nel 1779) la realtà carpigiana perde anche il “proprio” pastore. E’ successo anche altrove come a Urbino, dove il Vescovo dimessosi per motivi di anzianità, non è stato sostituito da uno di nuova nomina, ma dal Vescovo di Pesaro.

Ma là la cosa non è passata sotto silenzio, vi sono state proteste da parte della comunità religiosa urbinate e il sindaco della città ne ha preso atto e ha espresso “amarezza” per la scelta del Papa. Da noi invece non vi sono state reazioni esplicite alla perdita del Vescovo ‘titolare’, se non mugugni sottovoce e si è assistito invece, come afferma il settimanale Voce, “un certo appiattimento del mondo cattolico locale, una mancanza di reattività a difesa di una istituzione con 250 anni di storia. Non è campanilismo – aggiunge - ma l’evidenza di un sentimento collettivo  che si è disperso”. Che, dal piano ecclesiastico, aggiungiamo noi, si è trasferito su quello civile e politico e infatti c’è chi parla di “sudditanza” di Carpi nei confronti di Modena con una accusa specifica all’attuale sindaco e alla sua giunta del Pd che, pure essendo dello stesso ‘colore’ di quella di Modena, della Provincia e della Regione, non riesce ad ottenere riconoscimento di ruoli attivi e la valorizzazione del territorio comunale che pure è il secondo della Provincia, con una palese scarsa considerazione per la città dei Pio sempre più sola, impoverita, “ferma e seduta” come l’ha  malinconicamente definita lo storico Brunetto Salvarani, quasi rassegnata alle conseguenze negative della crisi che ha ghermito il settore da sempre trainante, quello della maglieria e dell’abbigliamento, non sostituito sinora da nessun altro comparto produttivo. Senza scordare le due chiese, veri monumenti storici e architettonici cittadini, come San Francesco e San Nicolò, seriamente danneggiate dal sisma del 2012, la prima ‘dimenticata’ e lasciata cosi com’era dieci anni fa e la seconda che conosce solo ora i primi interventi di recupero e restauro.

Ma ci sono altri aspetti negativi della realtà cittadina, come il degrado ambientale e la scarsa qualità urbana e dell’aria, in ragione anche del fatto che negli ultimi dieci anni a Carpi è stato costruito il doppio rispetto ai dieci anni precedenti, col trionfo di asfalto e cemento a scapito del verde pubblico e privato e del patrimonio arboreo per fare posto a grandi catene commerciali multinazionali che hanno costruito orrendi capannoni grigi a lato della tangenziale Losi ma anche altrove. Oppure il trasferimento nei padiglioni della Fiera di Modena dell’unico salone della moda rimasto a Carpi a beneficio delle aziende del settore, ma anche il tentativo ultimo del sindaco Bellelli di allargare la maggioranza della propria giunta a forze esterne con l’invito, chiaramente strumentale, ad entrarvi. Invito subito respinto al mittente sia da Carpi Futura che da Italia Viva, mentre nessun contatto vi è stato coi 5Stelle che hanno sbrigativamente confermato la loro opposizione aggiungendo che “con questo Pd è difficile sedersi allo stesso tavolo”.

Vi sono poi le difficoltà a realizzare il “porta a porta” per la raccolta dei rifiuti urbani, decisione che ha prodotto la sollevazione dei residenti del centro cittadino e che ha fatto dire a Confesercenti e a Confcommercio che il “centro storico è come una discarica”, oppure la raccolta di 2.500 firme di cittadini da parte del Comitato contrario all’allargamento della ztl, “firme ignorate” (come è stato detto) dagli amministratori comunali e che hanno portato Forza Italia e Fratelli d’Italia ad accusare l’assessore Stefania Gasparini di un “tentativo di delegittimazione delle minoranze con un messaggio pericoloso, ossia che l’unico modo per interloquire con la giunta del Pd sia il non appartenere ad alcun partito”.

Così come il tentativo sinora senza esito del sindaco di trovare un sostituto per il dimissionario assessore Truzzi (forse per  dissidi interni al Pd o alla maggioranza che lo sostiene) oppure il grido di dolore dei residenti di Cortile rimasti anch’essi senza medico di base che hanno fatto loro dire di “sentirsi abbandonati”. Per non parlare poi della situazione dell’ordine pubblico e della sicurezza del cittadino, sempre a livelli allarmanti, come ha ammesso la dirigente della Polizia di Stato di Carpi secondo la quale “siamo in presenza di un crescente aumento di denunce e di arresti per episodi di piccola e grande criminalità”.

Insomma nulla di nuovo sotto le mura del Castello dei Pio con l’impressione per il cittadino di una giunta comunale  avvitata su se stessa, ferma, che non sa come affrontare il crescente disagio economico del territorio, forse divisa al suo interno (l’assessore Gasparini ha già detto di preferire la Schlein come segretario del Pd contrariamente al sindaco Bellelli che si è espresso per Bonaccini), che non sa arrestare la progressiva desertificazione del centro cittadino che vede il continuo abbassarsi di serrande dei negozi storici (come denunciano le associazioni dei commercianti) tra cui la permanente chiusura dei tre caffè simbolo del centro cittadino, il Roma, il Dorando e il Teatro, oltre che il Mercato coperto di piazzale Ramazzini, il tutto infarcito dalle solite rituali promesse non mantenute di interventi, di progetti altisonanti, di programmi accompagnati dalle solite frasi declinate al futuro “faremo, studieremo, agiremo”. Una  amministrazione insomma che  promette scelte ‘condivise’ coi cittadini e le categorie e che puntualmente disattende. E intanto il degrado aumenta, la scarsa qualità dell’aria pure, la criminalità non è diminuita, la crisi economica incombe, il personale del pronto soccorso vive l’incubo degli assalti notturni di malintenzionati, il delicato reparto di ostricia e ginecologia è carente di personale, il dibattito politico è fermo allo scontro frontale su tutto, sia in consiglio comunale che fuori,  l’insoddisfazione della gente aumenta, la rassegnazione per l’evidente declino della città cresce.

Che sia forse per questa preoccupante situazione generale esistente che il sindaco Bellelli ha cercato e cerca nuovi alleati per condividere (e coinvolgerli) un futuro  certamente difficile?

Cesare Pradella

Cesare Pradella
Cesare Pradella

Giornalista pubblicista, è stato per dieci anni corrispondente da Modena del Giornale diretto da Indro Montanelli, per vent'anni corrispondente da Carpi del Resto del Carlino, per cinque..   Continua >>


 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58