Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliIl Punto

Addio Sardine, ma l'obiettivo è raggiunto: Emilia Romagna ha abboccato

La Pressa
Logo LaPressa.it

Una parabola durata pochi mesi quella di Mattia Santori e compagni, sopravvissuta un battito di ali, poco più che dall'alba al tramonto


Addio Sardine, ma l'obiettivo è raggiunto: Emilia Romagna ha abboccato

La foto coi Benetton, la scissione romana, gli insulti alla Meloni sui social, l’endorsement ormai esplicito al Pd, il flop del flash mob a Scampia, l’ultima apparizione ieri sera da Fazio dopo aver promesso di evitare nuove ospitate in tv… Uno scivolone dopo l’altro in poche settimane e la parabola delle Sardine appare già in fase calante, col movimento stritolato tra la mancanza di una proposta politica e la volontà “cannibalizzatrice” del Pd e degli ultimi reduci 5 Stelle.

Una parabola durata pochi mesi quella di Mattia Santori e compagni, sopravvissuta un battito di ali, poco più che dall’alba al tramonto, giusto il tempo di fare da stampella al Sistema di potere Emiliano Romagnolo. Pesci d'aprile anticipati. Dice di “cercare una bandiera” ora Mattia Santori, ma l’affermazione suona già come un requiem.

Era da prevedere, ma in fondo il loro vero, unico, imminente obiettivo le Sardine lo hanno già ottenuto: impedire un cambio di governo in Emilia Romagna, dove per la prima volta alle Regionali la vittoria del Pd (non chiamiamola sinistra perchè la sinistra era altra roba…) non era scontata. Un obiettivo tutt’altro che di poco conto e per il quale ben valeva costruire in laboratorio un movimento apparentemente nazionale, perchè – come ha ripetuto in più occasioni lo stesso Bersani – per il Pd non perdere l’Emilia Romagna era più importante che rimanere al governo a Roma. E ora che il risultato è stato ottenuto, che il pericolo è stato evitato, che l’Emilia è stata normalizzata, si può dignitosamente (si fa per dire) levare le tende e smontare il circo.

Allora col senno di poi oggi è chiaro anche ai più affezionati al giovanilismo sardinesco di quanto questo fenomeno fosse solo e unicamente finalizzato alla conservazione sistemica di un potere quasi inscalfibile.  Unico movimento di protesta nato per appoggiare un governo regionale in carica da 50 anni, le Sardine, con i visi giovani e incantati dei leader bolognesi, sono riuscite nel miracolo di far credere agli emiliano romagnoli di non essere teleguidate da nessuno, di essere libere e apartitiche. “Bologna non abbocca” era, insieme al “non si lega”, uno dei beffardi slogan della piazza pre-elettorale pro-Bonaccini, ma paradossalmente in quelle due parole vi era tutta la verità di un Movimento costruito con astuzia ad arte. Modena, Bologna e l’Emilia Romagna hanno abboccato all’amo dei pesciolini. Hanno creduto alla favola dell’impegno dal basso e dei ragazzi animati da ideali e sogni che si organizzavano coinvolgendo tutti, anziani, famiglie, bambini e immigrati.

Ci hanno creduto e ora, all’apparir del vero, la delusione è grande. Almeno in coloro che in modo disinteressato e ingenuo vi hanno creduto. Per gli altri, tanti, per coloro che già sapevano tutto, per i giornalisti delle tv nazionali che hanno finto di emozionarsi e che davano del tu a Santori come fosse il nuovo guru della post politica, per coloro che hanno ostinatamente chiuso gli occhi facendo finta di non vedere l’ombra di Prodi, l’invenzione a tavolino del Pd e del Sistema, ora basta esibirsi nell’ultima messinscena. Fingere stupore, amarezza, prima dell’ultimo inchino, prima della definitiva chiusura del sipario. In Emilia Romagna il Sistema politico-economico-istituzionale ha retto: si può tirare un sospiro di sollievo. Almeno per 5 anni, poi qualcosa – se servirà – nell’acquario del Pd ci si inventerà di nuovo.

Giuseppe Leonelli
da l'Occidentale




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
La Meloni ha l'Italia in mano: Pd ..
Ora tocca ai dirigenti di Fratelli d'Italia dimostrare che una alternativa è possibile e ..
26 Settembre 2022 - 08:50
Dalla Von der Leyen un attacco alla ..
Oggi la democrazia italiana appare per quello che è: un cartonato a due dimensioni che ..
23 Settembre 2022 - 18:55
La propaganda elettorale dal balcone ..
Dalla pagina Facebook da sindaco, invita a partecipare all'evento di chiusura della campagna..
22 Settembre 2022 - 14:01
Il Credo storpiato di Salvini: ..
Di quella energia, pur disillusa, oggi cosa resta? Esattamente quale sarebbe il 'Credo' ..
22 Settembre 2022 - 11:33
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58