Bavaglio USL a medici e responsabili sanitari: 'Non parlate del virus sui social, rischiate la denuncia'
  Villa La Personala
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliIl Punto

Bavaglio USL a medici e responsabili sanitari: 'Non parlate del virus sui social, rischiate la denuncia'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La circolare del Direttore USL lascia perplessi molti professionisti: 'Dichiarazioni che possano generare allarmismo saranno perseguite per procurato allarme'


Bavaglio USL a medici e responsabili sanitari: 'Non parlate del virus sui social, rischiate la denuncia'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


'Vi chiedo di chiarire ai vostri collaboratori che qualunque comunicazione attraverso i canali social o qualunque altro mezzo che non corrisponde a verità o che sia relativa ad informazioni su pazienti e possa causare ingiustificate allarmismo, sarà oggetto di provvedimenti formali da parte dell'azienda che si riserverà di verificare gli estremi di denuncia per procurato allarme. Stante la situazione ritengo opportuno per i nostri colleghi astenersi completamente della comunicazione via Social per tematiche inerenti l'epidemia'.

Sono alcuni passaggi della circolare, datata 2 marzo, inviata ai medici responsabili di presidi sanitari ed ospedalieri della provincia di Modena, dal Direttore generale dell'Ausl di Modena Antonio Brambilla. 

Una circolare che avrebbe generato non poco disappunto tra i professionisti ed i responsabili di settore, trattati di fatto alla stregua di chiunque abbia bisogno di un richiamo formale per rispettare quello che è l'ABC del comportamento e dell'etica di un medico e tantopiù di un responsabile della salute pubblica, ed in particolare in una situazione così delicata come quella legata all'emergenza Coronavirus.

La responsabilità di un medico e di un professionista è tale, tutelata, garantita, monitorata da strumenti di legge, dall'ordinamento e dall'ordine professionale. Non certo dalla decisione di scrivere o meno sui social della malattia ovvero di ciò che riguarda la propria professione. Anche perché si tratta di professionisti e in molti casi il parere di un medico e tantopiù se responsabile sanitario, nella sua autorevolezza e nalla sua competenza, non solo può essere utile per chiarire ma spesso, soprattutto in fasi come queste, a confutare vere e proprie fake news. Le stesse fake dalle quali lo stesso direttore mette in allerta nella circolare. 'La situazione - si legge -  richiede che tutti i nostri operatori si assumano forte responsabilità (....) anche nei confronti della cittadinanza, e in tal senso è prioritario non creare inutili allarmismi e panico nella nostra collettività, anche alla luce del fenomeno delle fake news'

Altro passaggio, quest'ultimo, che sembra non essere piaciuto a diversi professionisti che ce l'hanno segnalata. E non c'è da stupirsi. In effetti, dalla circolare, i professionisti emergerebbero, soprattutto se lasciati liberi di parlare e comunicare sul virus, come coloro capaci di creare inutili allarmismi e non di fornire quelle informazioni che ci si aspetta da un professionista e tali da limitare gli allarmismi, proprio attraverso una corretta informazione

In pratica, oltre ad una evidente limitazione della libertà professionale e personale, una circolare del genere rischia di limitare, anzi mettere a tacere, gli strumenti che singolarmente i singoli professionisti potrebbero mettere in campo, nel loro quotidiano, proprio per limitare allarmismi o falsità. O almeno aiutando la cittadinanza ad identificarli ed a circoscriverli come tali. Rischiando in definitiva, di generare l'effetto contrario al presupposto positivo che quella circolare, vogliamo crederlo, l'ha motivata.

 

Gi.Ga.


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena, Solomita lascia: a lui non mancherà il Pd ma al Pd mancherà lui
Solomita nella sua gestione ha certamente usufruito dell’appoggio di Bonaccini e Baruffi, ..
07 Luglio 2024 - 19:59
Modena, virata a sinistra di Mezzetti: l'opposizione ringrazia
Ma per costruire le basi di qualcosa di nuovo occorre capire cosa si è sbagliato, ..
03 Luglio 2024 - 09:18
‘Mi si nota di più se non vengo?’ La sindrome dell’addio al potere di Muzzarelli
Quanto emerge chiaramente dalla prima uscita pubblica ufficiale di Mezzetti, è la distanza ..
02 Luglio 2024 - 21:47
Modena, porta a porta fallimentare. Così Mezzetti archivia Muzzarelli
Certo, in campagna elettorale lo aveva promesso, ma sentire pronunciare la svolta nella ..
02 Luglio 2024 - 19:18
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58