LaPressa.it - Il Punto - Carabiniere, Tu per me non sei un uomo qualunque. E tanto basta
La Pressa redazione@lapressa.it Quotidiano di approfondimento Politico ed Economico
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Carabiniere, Tu per me non sei un uomo qualunque. E tanto basta

Data: / Categoria: Il Punto
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

I due militari accusati dei fatti di Firenze hanno macchiato una divisa che per molti era ancora il mantello dell'ultimo Batman


Carabiniere, Tu per me non sei un uomo qualunque. E tanto basta

Non mi interessa sapere molto altro. O meglio, come credo tutti, voglio anche io conoscere la realtà dei fatti così come sono davvero accaduti ovvero se quelle studentesse americane, da pochi giorni a Firenze per motivi di studio, siano state violentate oppure se fossero in qualche modo consenzienti.

Eppure, davvero, non mi interessa sapere altro: ciò che so è drammaticamente sufficiente.

Si perché quanto accaduto è, a prescindere dalle indagini future, molto grave. Lo sono, gravi, le parole pronunciate da uno dei due militari ieri in Procura. Indipendentemente dallo stupro che, se confermato, sarebbe un fatto inaudito.

Ma, dicevo, già bastano le parole del militare. Quaranta anni e metà vita nell’Arma, ieri pomeriggio, in procura a Firenze ha confessato: “È vero, ho avuto un rapporto sessuale con una delle due ragazze, ma è stato un rapporto consenziente. È stata lei a dirmi se volevo salire nel suo appartamento, e io ho fatto quello che ho fatto. Non so cosa mi sia successo, ma ormai non si può tornare indietro. Se potessi, dottoressa - aggiunge il militare rivolto al Procuratore - riavvolgerei il film per tornare indietro”.

E no mi spiace, qui il film non si può riavvolgere e soprattutto non è un film. La realtà non cambia ed è drammatica.

Si perché Tu carabiniere, come tutti gli uomini che vestono una divisa, non sei un uomo qualunque. Non Ti puoi permettere, in servizio, di accompagnare a casa una studentessa, e poi dire quello che ieri hai affermato agli inquirenti.

Non è Ti è permesso di non gestire le tue pulsioni sessuali. No non puoi. In servizio non sei un uomo qualunque. E non sei un uomo qualunque mai. Con o senza divisa addosso. In servizio o a riposo. E lo dico sapendo che molti ‘uomini qualunque’ non avrebbero comunque fatto quello che Tu, Voi, avete fatto. Nell'androne di un palazzo, il palazzo dove vivono queste due ragazze di 19 e 21 anni che quasi non parlano italiano e che - fidandosi della Vostra divisa - si sono fatte accompagnare a casa in piena notte sulla Gazzella.

Ancora peggio poi se, come sembra affiorare dalle indagini, l’agganciare studentesse in discoteca fosse una pratica consolidata, tanto che la polizia sta cercando di verificare se altri Carabinieri abbiano adescato studentesse in giro la notte per la città. Magari agevolati dal fatto di essere militari e quindi di non destare timori e preoccupazioni. Prassi consolidata... Terribile solo pronunciarlo, ma si teme questo.

Ecco: tutto questo è molto grave. 

E lo dico con un rispetto immenso per tutti gli uomini (e le donne) delle forze dell’ordine che nei miei momenti difficoltà, ho sentito vicino, e mi hanno consentito di ritenermi al sicuro e protetta. Questa sicurezza, che forse ha molto a che fare anche con l’irrazionalità, non dovrebbe mai essere scalfita di un millimetro. Dei carabinieri e della polizia bisogna fidarsi. 'Solo di loro, insegnano a scuola'  - ha detto l'avvocato di una delle due vittime.

Dicono che i super eroi non esistano. Sì, ma quanto accaduto a Firenze rischia di tradire uno degli ultimi baluardi di un Paese da tempo senza più punti di riferimento. Ora, dopo i fatti di Firenze, nemmeno di Voi, carabinieri, ci si può fidare. Nemmeno di Voi che, come i sacerdoti, predicate giustizia e rettitudine. Come tanti, troppi sacerdoti, hanno macchiato per sempre l'abito che indossavano in modo orrendo, Voi avete macchiato una divisa che per molti era ancora il mantello dell'ultimo Batman.

Non solo militari infedeli o corrotti, ma militari dalle cui aggressioni una donna deve difendersi. Eroi che usano il loro mantello non per proteggere le persone più deboli dalla pioggia che violenta cade sul mondo, ma come esca per aggredire chi cerca aiuto.

E questa è una colpa che le Vostre vittime non possono perdonarvi. E neppure io posso farlo. Non servono purtroppo nemmeno le 'punzioni esemplari' promesse dal ministro della Difesa Pinotti, perchè la giustizia esemplare mi spaventa. La giustizia è sufficiente sia giusta.  Vedete, di esemplare era rimasta l'idea, per usare uno slogan forse datato ma ancora caro a tanti italiani, di un'Arma che ci protegge. Non certo un'Arma dalla quale difendersi. Ha ragione il generale Del Sette: 'Col vostro gesto avete infangato tutto l'Arma. E' imperdonabile'.

E, per quello che mi riguarda, avete contribuito a farmi sentire ancor più indifesa.

Cinzia Franchini



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


Castelfranco, blitz dei Carabinieri in abitazione: quattro ..
La Nera
16 Settembre 2017 - 12:27- Visite:12266
Insegna autodifesa ma picchia la compagna
La Nera
02 Maggio 2017 - 20:28- Visite:10745
Pavullo, pausa pranzo blindata, in zona arcate tre furti in due ore
La Nera
25 Maggio 2017 - 19:56- Visite:10718
Violenza sessuale, soddisfatti per la condanna del carabiniere Sarti
Editoriali
27 Ottobre 2017 - 13:45- Visite:10695
Musti contro il capitano Ultimo: la versione di Scafarto
Oltre Modena
19 Settembre 2017 - 00:37- Visite:10671
Stupro Rimini, Meloni, aggrediti da 4 bestie forse nordafricane
Politica
27 Agosto 2017 - 09:23- Visite:10586
Il Punto - Articoli Recenti
Scandalo comparto-carni, i cinque motivi..
Il 'nessuno c’entra nulla', è un racconto che i lavoratori hanno ..
17 Novembre 2017 - 19:05- Visite:122
Il Questore Fassari lascia Modena col 6%..
Ma nel bilancio tracciato dal numero uno della Questura di Modena, chiamato..
17 Novembre 2017 - 17:07- Visite:237
Il caso Piacentini-Comune-Pd e la pietra..
Tutto regolare: in Italia si può far fallire una società, lasciare debiti..
15 Novembre 2017 - 11:32- Visite:1024

Feed RSS La Pressa

Il Punto - Articoli più letti


Tragedia assurda, che preoccupa come la ..
La difesa preventiva del Direttore USL Annicchiarico e l'eco dei tecnici ..
30 Ottobre 2017 - 00:41- Visite:10837
Vasco non si tocca, peccato lo spot a ..
Peccato perchè il rock è altra roba. Gli spari sopra non sono le tartine ..
29 Giugno 2017 - 18:56- Visite:10818
Vasco e Muzzarelli: l'azzardo di un ..
L'indubbia capacità di mediazione miscelata a decisionismo e strategia del..
22 Giugno 2017 - 09:09- Visite:10790

Contattaci

Contattaci

Contattaci

Contattaci