La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Caro Prampolini la smetta, la Lega guarda a Machiavelli non a Muratori

La Pressa
Logo LaPressa.it

Chiaro il netto contrasto con le filosofie leghiste che nulla hanno di collettivo. Questo sistema vive prosperando nell’infelicità, nella paura, nei complotti


Caro Prampolini la smetta, la Lega guarda a Machiavelli non a Muratori

Caro Direttore, 

l’accostamento fra la Lega e il Muratori osato dal Candidato Prampolini e rilanciato dal suo giornale pare alquanto ardito.

Nel trattato “Della pubblica felicità” il Muratori si rivolge ai governanti illuminati, orientati alla ricerca della felicità dei propri sudditi. Una felicità che non può essere solamente individuale ma soprattutto pubblica. Perché la felicità individuale, se non adeguatamente controllata, diventa spesso come una droga, diventa la ricerca di qualcosa di più, diventa l’anticamera del vizio. La felicità collettiva, invece, è sempre e comunque positiva, almeno secondo il Muratori.

È chiaro il netto contrasto con le filosofie leghiste. Che nulla hanno di collettivo. Il sistema di produzione del consenso di Salvini si basa sulla ricerca scientifica degli argomenti più graditi al popolo colonizzabile, e sulla produzione altrettanto scientifica di contenuti e proposte gradite a quel popolo. Tutto ciò, a dispetto delle apparenze, non è affatto collettivo: è la somma di tanti individualismi, di interazioni fra persone che manco si conoscono - e che talvolta manco esistono - che in un certo momento della loro vita scrivono le stesse cose sullo stesso argomento per compiacere sé stessi, non a fini collettivi. Persone che dopo 10 minuti passano a un altro argomento, a un’altra critica, a un altro vomitatoio. 

E questo sistema vive prosperando nell’infelicità, nella paura, nei complotti, riassumendo: nell’esistenza del nemico del giorno, che può essere il NoTav, l’Europa matrigna, il maiale berlusconiano, il cantante arrivato primo a discapito dell’ottimo secondo, con categorie fisse come il nero del barcone, il ladro nero, lo spacciatore nero o lo stupratore nero. Avere un nemico procura felicità? Felicità collettiva? No. Però procura moti individuali che è possibile spacciare per collettivi. Nel mentre, la storia giudiziaria della Lega dimostra che i suoi prìncipi hanno sempre cercato la felicità individuale, o al massimo familiare, con soldi collettivi: i rimborsi elettorali, i fondi neri, diamanti, lauree comprate.

La Lega è molto più vicina al Principe delineato da Machiavelli che a quello utopizzato dal Muratori. Oltre alla carenza cronica di etica, e aldilà dei proclami e delle battaglie di facciata sui Crocifissi, la Lega dei porti chiusi e della prostituzione legalizzata non ha di certo morale e religione come fari. E la Lega non ha di certo intellettuali che la possano e la vogliano guidare. Lo si vede, a livello locale, nella difficoltà oggettiva nel trovare candidati inseriti nel tessuto socio economico a un livello superiore al “piccolo lavoratore autonomo che parla poco in pubblico”. La Lega non ha nelle proprie liste professori universitari, non ha presidenti e dirigenti di società pubbliche e private, non ha primari ospedalieri, non ha rappresentanti di primo piano di associazioni di categoria, di sindacati, anche solo del volontariato. Ha solo politici di lungo corso riciclati, esponenti di estrema destra che nei voti di Salvini hanno trovato la Madonna e ragazzotti improvvisati. 
        
La sinistra, piaccia o meno, oltre a politici fidati e giovani disinteressati ha anche i suoi intellettuali organici, che alla bisogna si mettono in gioco in prima persona. Che non sono più quelli di Gramsci, beninteso. Ma sono gli intellettuali potenti, i magnificati dai potenti, i rappresentanti dei potenti e dei potentati. Sono quelli che prima di tutto partono dalle Fondazioni, dalle Partecipate, dagli Incarichi Ben Retribuiti. Ma che se serve costruiscono anche delle civiche. Non saranno eticamente inappuntabili, ma almeno riescono ad esprimere una cultura che va oltre la teoria del complotto giudaico massonico e della sostituzione etnica. Oltre a raccogliere centinaia di preferenze personali. E sulle elezioni locali questo fa la differenza.

Caro Direttore, se fossi nella Lega lascerei quindi perdere ogni accostamento al Muratori e ogni divagazione culturale. E resterei ai furti dei neri. Il consenso, come dimostra Renzi, è molto volatile e incamminarsi su vie assolutamente sconosciute è da evitare come la peste.

Magath

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:142977
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:102420
Inchiesta sui minori 'Angeli e Demoni': indagati altri due sindaci
Politica
02 Luglio 2019 - 16:02- Visite:62202
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:54469
Così il M5S appena un mese fa donava soldi alla onlus Hansel e Gretel
Politica
28 Giugno 2019 - 22:51- Visite:53365
Sanità, svolta in Emilia-Romagna: la regione apre ai privati
Politica
10 Luglio 2018 - 14:14- Visite:51361
Il Punto - Articoli Recenti
Modena, in giunta è già corsa a tre..
Una corsa che, al momento, vede tre candidati 'forti': Giulio Guerzoni, Andrea Bortolamasi e..
04 Agosto 2020 - 15:47- Visite:3113
Open Arms: l'incoerenza messa a ..
Il Movimento vota compatto contro il 'proprio' ministro nel primo governo Conte e oggi, nel ..
31 Luglio 2020 - 08:40- Visite:868
Par Condicio, la Regione del fai ciò..
Dal 18 luglio la legge vieta alle amministrazioni pubbliche la comunicazione in forma ..
23 Luglio 2020 - 22:56- Visite:1119
L'uso politico delle istituzioni e la..
Il Presidente della Provincia lancia con tanto di simbolo e gonfalone dell'istituzione, e in..
22 Luglio 2020 - 15:33- Visite:625

Onoranze funebri Gibellini

Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:61249
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:54469
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:31395
Decreto antivirus demolito in 12 ore:..
Nessun limite agli spostamenti, treni regolari in ingresso e uscita, deroga dopo le 18 per i..
08 Marzo 2020 - 22:41- Visite:28488