Caso Aimag, la battaglia sacrosanta che il Pd non perdona a Borghi
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliIl Punto

Caso Aimag, la battaglia sacrosanta che il Pd non perdona a Borghi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il dubbio è che il Pd non perdoni al sindaco di San Prospero non tanto le frasi sulle donne, quanto l'essersi speso per dire no ad Hera su Aimag


Caso Aimag, la battaglia sacrosanta che il Pd non perdona a Borghi
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Ora, che le frasi sul personale sanitario femminile del sindaco di San Prospero Sauro Borghi fossero a dir poco inopportune non vi è dubbio. Il nostro giornale, La Pressa, è stato l'unico (proprio perchè unico presente con un giornalista all'incontro) ad aver pubblicato il video nel quale le pronunciava, scherzando, con il direttore di chirurgia dell'ospedale di Mirandola Stefano Sassi. 
Non è quindi certo in discussione la volontà di minimizzare l'accaduto, ma - detto questo - la levata di scudi unanime e feroce (quasi tutta proveniente dal mondo Pd al quale Borghi appartiene col centrodestra che è rimasto a guardare) appare sproporzionata rispetto alla gravità di quanto affermato dal sindaco.

Contro Borghi, come i nostri lettori hanno potuto leggere, si sono scagliate le donne Pd, l'ex parlamentare Giuditta Pini, la Cgil, la sezione Pd di San Prospero e ogni tipo di ente che ruota intorno al sistema Dem.

Un fuoco incrociato (tutto proveniente da sinistra) di cui non si ha memoria, neppure quando a pronunciare frasi simili, anzi peggiori perchè indirizzate a persone con un nome e un cognome (peraltro colleghe assessori), fu il vicesindaco di Modena Gianpietro Cavazza. A Cavazza venne in fretta perdonato tutto, in nome di un 'quel che è stato è stato, scordiamoci il passato', mentre Borghi ha dovuto addirittura autosospendersi dal Pd e cospargersi il capo di cenere, camuffate dal capello brizzolato che lo contraddistingue.

A questo punto, giornalisticamente, è giusto porsi la domanda del perchè di tanta furia? E' sufficiente a spiegarla col merito delle parole del sindaco? E' sufficiente spiegarla con la battaglia formale che la sinistra porta avanti sul tema di genere? Oggi, indubbiamente, alcuni grevi ma divertenti film anni '80 verrebbero messi semplicemente al rogo.

Ma è solo questo? Questo accanimento contro Borghi si spiega solo con l'esigenza della sinistra di tener distinto il piano privato (dove tutto è concesso e dove anche i dirigenti più intransigenti e femministi del Pd si lasciano andare a battute triviali) da quello pubblico che dev'essere specchiatissimamente politicamente corretto?

Questi argomenti hanno indubbiamente un peso. Ma un dubbio sottile non lascia la mente, pur un po' lenta, dell'osservatore distaccato. Sauro Borghi in questi mesi si è fatto promotore e primo attore di una battaglia per il mantenimento della partecipata Aimag alle realtà del territorio, salvaguardandola dalle ambizioni (sempre più concrete) del colosso Hera.
Una battaglia sacrosanta e che rivendica l'autonomia di un gioiello e di una eccellenza rara come Aimag.
Sul tema, come noto, vi è uno scontro passato dal piano politico al piano legale col sindaco di Carpi e con la sua corrente, di cui fa parte anche il sindaco di Soliera Roberto Solomita e quello di Bastiglia Francesca Silvestri. A breve (il 14 dicembre) sul tema è infatti attesa la sentenza definitiva del ricorso al Tar presentato dai 7 comuni modenesi Area Nord e 4 mantovani, cordata della quale Borghi, come detto, è capofila spendendosi in tutti i modi.

Ecco, il dubbio sottile è che il Pd, quello che conta (non quello della Bassa che sul tema ha dovuto prendere formalmente posizioni simili a quelle di Borghi per non perdere i pochi consensi rimasti), non perdoni al sindaco di San Prospero non tanto le frasi sulle donne, non tanto la sua inopportuna e - ripetiamo - censurabile goliardia, ma questa questione dirimente per il futuro della Bassa. Una questione economica di portata epocale per il territorio. Come se non bastasse fino a ieri Borghi stava pensando infatti di candidarsi sindaco a Mirandola. Un po' troppo per il Pd. A pensar male...
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena, Solomita lascia: a lui non mancherà il Pd ma al Pd mancherà lui
Solomita nella sua gestione ha certamente usufruito dell’appoggio di Bonaccini e Baruffi, ..
07 Luglio 2024 - 19:59
Modena, virata a sinistra di Mezzetti: l'opposizione ringrazia
Ma per costruire le basi di qualcosa di nuovo occorre capire cosa si è sbagliato, ..
03 Luglio 2024 - 09:18
‘Mi si nota di più se non vengo?’ La sindrome dell’addio al potere di Muzzarelli
Quanto emerge chiaramente dalla prima uscita pubblica ufficiale di Mezzetti, è la distanza ..
02 Luglio 2024 - 21:47
Modena, porta a porta fallimentare. Così Mezzetti archivia Muzzarelli
Certo, in campagna elettorale lo aveva promesso, ma sentire pronunciare la svolta nella ..
02 Luglio 2024 - 19:18
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58