Caso Jolanda, indagine non è condanna: l'alternanza a Bonaccini non si costruisce nelle aule di tribunale
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Caso Jolanda, indagine non è condanna: l'alternanza a Bonaccini non si costruisce nelle aule di tribunale

La Pressa
Logo LaPressa.it

Non si può evocare il garantismo a corrente alternata, non basta usare la premessa 'io sono garantista ma...' e poi usare una semplice indagine come una clava. Il Governatore dell'Emilia Romagna non merita il linciaggio aprioristico con argomenti pre-giudiziari. Non lo merita come non lo merita nessuno


Caso Jolanda, indagine non è condanna: l'alternanza a Bonaccini non si costruisce nelle aule di tribunale
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Nel bel mezzo della crisi di Governo, con il dimissionario Giuseppe Conte, intento a costruire una nuova squadra di Governo 'allargata', ma anche con l'ipotesi in campo di un Esecutivo istituzionale, piomba sulla testa del Governatore dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini (il cui nome è uscito spesso in chiave romana) la notizia, pubblicata inizialmente solo dal Resto del Carlino, di una indagine a suo carico per il famoso caso-Jolanda di Savoia. 
Di quella telefonata al sindaco del Comune ferrarese tanto si è scritto, anche su questo giornale, ma oggi val la pena ricordare alcuni fatti ovvi, ma comunque importanti. Il primo: che la Procura avesse aperto un fascicolo era noto e già ampiamente pubblicato nei mesi scorsi. Il secondo: che Stefano Bonaccini, a fronte di un esposto di un sindaco, fosse iscritto nel registro degli indagati era scontato.

Il terzo, generale e valido per tutti: essere sottoposti a un indagine non può essere mai essere considerato come una sorta di 'condanna in potenza', ma viceversa l'indagine è una prerogativa sacrosanta della magistratura a garanzia di tutti.
Date queste premesse, quasi scolastiche, non si può non registrare l'immediato risalto politico dato dall'opposizione di centrodestra a questa notizia. Notizia, lo ripetiamo, scontata: per essere chiari notizia sarebbe stata la richiesta di rinvio a giudizio, fatto anche questo che comunque non sarebbe neppur vagamente interpretabile come una pre-condanna.
Eppure l'opposizione, pur nascondendosi (e nemmeno sempre) dietro all'artifizio retorico del 'siamo sempre garantisti', attacca Bonaccini. Dalla Lega in particolare arrivano inviti, quando va bene, a 'bagni di umilità', con l'ex candidata Lega Lucia Borgonzoni che parla addirittura di 'comportameto gravissimo'.


Ora, al di là del merito della vicenda, al di là della opportunità politica di quella telefonata, al di là della sacrosanta inchiesta della Procura, è tempo forse che la politica in genere, e il centrodestra in particolare, faccia pace con se stesso.
Non si può evocare il garantismo a corrente alternata, non basta usare la premessa 'io sono garantista ma...' e poi usare una semplice indagine come una clava contro l'avversario politico, la stessa clava con cui ci si lamenta di essere stati bastonati a parti invertite. Non si fa. Il garantismo è garantismo e quando lo si nomina per negarlo, scompare, come il silenzio.
Sul piano politico l'alternanza della quale l'Emilia Romagna ha un bisogno profondo e viscerale, non può fondarsi sulla speranza che l'avversario venga affossato in un'aula di tribunale. Sul piano umano e civile non si può mai considerare una indagine come una lettera scarlatta contro la quale puntare il dito. Stefano Bonaccini ha tanti difetti, il Sistema emiliano-romagnolo lascia spesso senza fiato i detrattori, ma il Governatore dell'Emilia Romagna non merita il linciaggio aprioristico con argomenti pre-giudiziari. Non lo merita come non lo merita nessuno.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Mail dipendenti usata per spot: Mezzetti ha avuto il coraggio di sfidare la macchina comunale
Il candidato Pd attacca: 'Necessità di definire un miglior equilibrio tra trasparenza ..
20 Maggio 2024 - 18:31
Voto a Carpi, il possibile flop di Azione inquieta Righi
Non solo, la campagna elettorale di Righi è saldamente nelle mani dei soliti noti, seppur ..
18 Maggio 2024 - 12:58
Modena, la campagna elettorale del fair play (forse troppo)
Mezzetti ha da guadagnare maggiormente da questa campagna elettorale 'soft'. Per questo, ..
15 Maggio 2024 - 07:03
Voto a Carpi: ecco come finirà. Non serve la sfera magica
Righi arriverà a sfiorare addirittura il 60% di voti potenziali. Annalisa Arletti si ..
14 Maggio 2024 - 14:07
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58