Centrodestra, nel borsino delle candidature impenna Daniela Dondi
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Centrodestra, nel borsino delle candidature impenna Daniela Dondi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il principale 'sponsor' politico della Dondi è quella Isabella Bertolini che, dopo un lungo percorso in Forza Italia e una candidatura alle regionali in casa Lega, è stata eletta come membro laico del Csm proprio in quota Fdi


Centrodestra, nel borsino delle candidature impenna Daniela Dondi
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

In casa Fdi Modena molti giurano sul nome di Almirante stesso che non potrà essere lei il candidato sindaco del centrodestra perchè questo significherebbe rimettere in discussione il seggio parlamentare strappato alla sinistra lo scorso anno, eppure le quotazioni del deputato meloniano Daniela Dondi in vista delle elezioni a Modena nel 2024 sono in netta ascesa.

Daniela Dondi, 61 anni, ex presidente dell'ordine degli avvocati modenesi, vanta già una candidatura alle Regionali con Fdi e una clamorosa elezione in parlamento nel 2022, nel collegio uninominale che il Pd dava per blindato. Un collegio dove la coalizione del centrosinistra aveva catapultato l'ormai famoso Aboubakar Soumahoro, poi ripescato come capolista nel plurinominale della Lombardia.
Profilo lontano dal machismo di una vecchia idea di destra, modi composti ed eleganti, affabile e preparata sui temi della giustizia, Daniela Dondi potrebbe rappresentare il punto di caduta per una coalizione che al momento non ha trovato una sintesi e che ha incassato il no di fatto dell'ex presidente della Fondazione di Modena Paolo Cavicchioli.


Lei si è già detta pronta a mettersi a disposizione, qualora la Meloni dovesse chiederglielo, e a rinunciare anche al seggio romano pur di tentare di scardinare il monopolio Pd che da 80 anni regna su Modena. Del resto con un centrodestra col vento in poppa anche un nuovo voto nel collegio modenese potrebbe non far perdere il seggio alla Camera alla coalizione, lo sa bene Stefano Bonaccini che in vista delle elezioni europee potrebbe ritrovarsi a dover sfidare il collega leghista Luca Zaia con un esito tutt'altro che scontato.

Paradossalmente però le titubanze maggiori sul nome dell'avvocato modenese si registrano proprio in casa Fdi, dove la Dondi è vista ancora come un'ospite. Ospite gradito e stimato, ma pur sempre ospite, non provenendo dalla storia missina doc del partito. Una titubanza che, in realtà, potrebbe essere proprio il suo punto di forza rispetto alla necessità di parlare con un elettorato moderato.

Insomma, sarebbe certamente un candidato di partito la Dondi, ma tra quelli di partito il più civico possibile, molto più di Guido Sola o Roberto Ricco, per intenderci. Non a caso il principale 'sponsor' politico della Dondi, archiviata l'ipotesi di rilanciare l'ex consigliere regionale di Forza Italia Andrea Leoni, è quella Isabella Bertolini che, dopo un lungo percorso in Forza Italia e una candidatura alle regionali in casa Lega, è stata eletta come membro laico del Csm proprio in quota Fdi. A testimonianza della trasversalità nell'alveo del centrodestra di tale profilo.
Non troverebbe dunque resistenze il nome della Dondi in casa Forza Italia e, probabilmente, neppure in casa Lega. Il Carroccio, infatti, pare intenzionato ad accettare la leadership degli 'ex fratelli minori' e a non mettere bocca sul nome modenese, purchè si lascino intatte le ricandidature leghiste a Sassuolo (Francesco Menani a discapito del vicesindaco Alessandro Lucenti) e Mirandola (con ogni probabilità Letizia Budri).
Giuseppe Leonelli

Aggiornamento
L'onorevole Isabella Bertolini in serata è intervenuta a stretto giro. Qui la sua nota.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Barcaiuolo non ha perso: con le preferenze ha allontanato Dondi e Rossini
A Modena Pulitanò con oltre 800 preferenze doppia Daniela Dondi – candidata appositamente..
11 Giugno 2024 - 17:20
Sassuolo, Carpi, Modena: tracollo centrodestra, ma si fa finta di nulla
In Fdi nessun mea culpa sull'aver lasciato solo Negrini. La sua colpa? Averci creduto: grave..
11 Giugno 2024 - 12:18
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58