La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Chiudere tutto per riaprire o chiudere a metà per non riaprire più?

La Pressa
Logo LaPressa.it

I dati del contagio e dei ricoveri in terapia intensiva mostrano come la via italiana ed emiliana delle chiusure parziali sia insufficiente


Chiudere tutto per riaprire o chiudere a metà per non riaprire più?
'Se ci fermiamo per un paio di mesi e ci occupiamo solo di salvare la pelle, forse potremmo uscirne con una semplice recessione, più o meno come nel 2008. Se invece ci intestardiamo a far ripartire l'economia subito, e questo aiuterebbe la circolazione del virus, potrebbe essere la catastrofe'.

Così Luca Ricolfi, sociologo, ordinario di Analisi dei dati all'Università di Torino, intervistato da Alessandra Ricciardi, per Italia Oggi. Il prof. Ricolfi è uno che i numeri li conosce, li analizza, li legge. E questa è la conclusione che il 4 marzo ha tratto dalle informazioni disponibili sugli effetti del coronavirus in termini di contagio, ammalati, morti. E' convinto che non sia ancora troppo tardi per una terapia d'urto, che non pretenda di rimettere in moto l'economia nel breve periodo ma che garantisca un rafforzamento straordinario del Sistema Sanitario Nazionale, per fare fronte ad una prova epocale. Ridurre al minimo l'attività produttiva, in modo da garantire la sopravvivenza ed i servizi essenziali, concentrando tutto, o almeno soprattutto, sul rafforzare il sistema sanitario per una terapia d'urto. Perché è su qual piano, sanitario, e su quello delle misure restrittive per limitare contatti ed i contagi, che si gioca la partita. In una realtà economica forte come la nostra, è dura da dire, ma questa sembra essere la sfida che bisogna affrontare e vincere subito, ancora prima di quella economica e produttiva. Perché senza la limitazione del contagio e senza il rafforzamento delle strutture sanitarie le imprese non saranno obbligate a chiudere dallo Stato ma dovranno chiudere per le quarantene.

In una fase in cui è davvero difficile, al netto del chiacchericcio social, districarsi anche tra le teorie, le previsioni e le ricette (spesso divergenti), di autorevoli studiosi, è comunque chiaro che la via italiana (e fino a qualche giorno con la sua variante emiliane), al contrasto alla diffusione del virus si è dimostrata e si sta dimostrando assolutamente insufficiente.

La mezza via, tutta italiana, per la quale si possono tenere aperti i locali e ristoranti ma con clienti a debita distanza, fatta di indicazioni senza obblighi (esempio si al locale per l'aperitivo ma a distanza, in alcuni casi misurata dagli ispettori tra tavoli interni e tavolini all'aperto dei locali muniti metro, come visto in Pomposa), fatta di regole senza controlli, non regge. 'E' meglio una chiusura parziale a tempo indeterminato  e senza garanzie, od una chiusura totale a tempo e con garanzie?'. La comunità cinese che a Modena gestisce decine di negozi ed attività, si è risposta subito. Decidendo di chiudere. All'unisono. Con sacrificio e responsabilità, certo, ma di chiudere. 'Anche stando bene', come recita e rassicura uno dei cartelli con cui un parrucchiere gestito da cittadini cinesi ha informato la propria clientela dello stop. Proprio perché è quando il peggio rischia di arrivare che ci si difende meglio. Chiudere totalmente per due settimane o tre per non chiudere per sempre. Questa è la conclusione emersa dall'analisi del prof Ricolfi, questa è la via cinese. E questa, per ora, non è la via Italiana.

I cinesi lo hanno fatto qui, a Modena, così come nel loro Paese, dove i nuovi casi in un giorno sono stati, anche ieri, inferiori a quelli italiani. Stupendosi del perché il mondo intorno a loro, qui, in Italia, in Emilia-Romagna, a Modena, non si è mai fermato. Non ha mai chiuso, oltre alle scuole teatri e cinema, nulla. Nemmeno quando i casi aumentavano con ritmi fuori controllo. Non solo dei deceduti (liquidati troppo spesso come anziani che sarebbero comunque morti a seguito di complicanze, anche di una influenza), ma anche nel numero dei ricoverati in terapia intensiva. Anello fondamentale, quest'ultimo, di tutto il sistema salva-vita che già gli aumenti dei casi di contagio rischiano ormai di saturare.

L'aumento, ieri, di 20 soggetti in più in terapia intensiva rispetto al giorno precedente, in Emilia-Romagna segna un dato drammatico. Se consideriamo che venti posti di terapia intensiva sono solo un po meno di quanti a regime, in questa emergenza, sono stati predisposti tra gli ospedali Policlinico e Baggiovara. E lì non ci vanno solo persone anziane. Ed è per questo che la consapevolezza che ancora la metà dei contagiati possono combattere e vincere il virus, da casa, non può soddisfare. Non può tranquillizzare. Perché è all'altra metà dei contagiati, dei ricoverati, che dobbiamo guardare. E verso la quale, forse, devono iniziare a guardare meglio i decisori politici, certo, ma anche tutti coloro che anche questa sera hanno affollato le vie della movida modenese, come nulla fosse, sperando di esorcizzare in un apericena ciò che di peggio, per sé e per gli altri, a meno di un metro, potrebbe davvero succedere.

Gianni Galeotti

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:122237
Modena in zona rossa: cosa prevede la bozza del decreto
Societa'
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:67754
La pandemia globale di Coronavirus? Simulata nel 2019
Oltre Modena
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:67135
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:51182
Coronavirus, scuole tutte chiuse in Emilia Romagna per altri 8 giorni
Societa'
29 Febbraio 2020 - 08:00- Visite:47722
Coronavirus, Venturi: basta cazzeggio o state a casa o vi fermiamo noi
Societa'
16 Marzo 2020 - 18:32- Visite:44043
Il Punto - Articoli Recenti
Covid, l'Oms mette al bando ..
Una buona notizia perchè, forse, da domani verrà posto un freno alle foto di rito di ..
13 Settembre 2020 - 21:49- Visite:633
'Non sopporto improvvisazione': l'ego..
Bonaccini sfida il capogruppo Lega a un confronto: 'Un consiglio: si prepari molto bene, ..
08 Settembre 2020 - 19:02- Visite:2456
La destra si può battere. Ma ..
Nel segreto della sua stanza, prega gli dei della politica di aprire il tempo della ..
05 Settembre 2020 - 11:29- Visite:2424
Piano Periferie: ecco come la città ..
Sull'asse nord-sud ed est-ovest, lo stallo al prolungamento del sottopasso ferroviario e ..
04 Settembre 2020 - 10:36- Visite:291

Onoranze funebri Gibellini

Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:61793
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:55536
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:31829
Decreto antivirus demolito in 12 ore:..
Nessun limite agli spostamenti, treni regolari in ingresso e uscita, deroga dopo le 18 per i..
08 Marzo 2020 - 22:41- Visite:28671