Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Punti Incrociati
articoliIl Punto

Cittadini stremati dalla politica dell'improvvisazione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dai limiti agli accessi al centro alla corsa al vaccino, anche Modena vittima di una politica che propone tutto e il suo contrario


Cittadini stremati dalla politica dell'improvvisazione

Pochi giorni fa (qui l'articolo) il Direttore dell'azienda ospedaliera Universitaria di Modena Vagnini, da uomo di scienza (e coscienza), aveva espresso le proprie perplessità rispetto all'avvio della campagna vaccinale in Inghilterra, ribadendo, come aveva già fatto nei mesi scorsi, che per avere evidenze scientifiche in termini di efficacia, effetti secondari e, in sintesi, per avere quelle garanzie che la scienza chiede, un avvio della campagna vaccinale ragionevole e fondato su validi presupposti non si dovrebbe/potrebbe avere prima della primavera. Chiaro? Evidentemente no, almeno per il mondo della politica sanitaria che, piaccia o no, in Emilia-Romagna è rappresentato dal Presidente Bonaccini e dall'assessore alla sanità Donini.

Quest'ultimo, come se mille valutazioni di carattere scientifico non fossero state fatte, come se la corsa al vaccino non avesse generato mille perplessità e distinguo dal mondo scientifico, ha applaudito ieri all'accelerazione (qui l'articolo), annunciata dal commissario Arcuri, nella distribuzione dei vaccini e nella campagna vaccinale, già subito dopo le festività.
Con tanto di logistica per stoccare le dosi a -80 gradi previsti dal vaccino tedesco. Partendo proprio dai medici che questa corsa l'hanno di fatto condannata. Confermando ancora una volta che il presupposto scientifico alla base delle scelte politiche, è un concetto usato a corrente alternata dalla politica. Spesso come foglia di fico per coprire la propria incapacità di scegliere o, peggio, la propria politicamente assurda capacità di improvvisare. In preda al protagonismo politico. Che è poi ciò che davvero mette a dura prova non solo la capacità, o per usare un concetto in voga, la resilienza del sistema economico, ma anche la tenuta psicologica delle persone. Tenuta sotto scacco dalla schizofrenica improvvisazione quotidiana della politica che decide, tra l'altro con poteri speciali mai conosciuti e legittimati nel dopoguerra e, spesso, a nome di un presupposto scientifico che altrettanto spesso non c'è. 
Un altro esempio, passato più in sordina di altri, ma relativo ad un provvedimento forte assunto sul fronte della politica sanitaria regionale, è l'acquisto e la diffusione, da parte della Regione, di 2 milioni di test rapidi antigenici da distribuire anche ad asintomatici.
L'assessore Donini la annunciò alcune settimane, fa in diretta Facebook, con a fianco la responsabile del reparto di malattie infettive del Policlinico Cristina Mussini che esattamente un minuto prima, di fianco a lui, aveva chiaramente affermato che l'attendibilità dei test era maggiore in ambito ospedaliero, e su pazienti sintomatici o fortemente sintomatici. Confermando l'elevata possibilità, su pazienti asintomatici, di avere la moltiplicazione di falsi negativi. Un concetto chiaro, che avrebbe dovuto orientare altrettanto chiaramente la scelta politica, soprattutto sul fronte della distribuzione. Niente. L'assessore si è affrettato ad acquistare (dichiaratamente anche dall'estero con spese maggiori, ostentando che per salute pubblica questo ed altro), i test da distribuire a tappeto anche agli asintomatici. Il risultato confermato nei giorni scorsi nella Cra Vignolese di Modena dove una donna asintomatica è risultata positiva al tampone dopo due test negativi, la dice lunga sul buon utilizzo politico delle informazioni e dei presupposti scientifici. Soprattutto quando in ballo c'è prima di tutto la salute pubblica ma anche un impegno economico enorme da parte dell'istituzione pubblica. 

Presupposti scientifici, di cui invece non c'è traccia nella scelta che si sta valutando in queste ore di contingentare addirittura gli accessi ai centri storici. Dopo non avere dimostrato quanto la decisione, altrettanto improvvisata, di chiudere i negozi non alimentari nei centri commerciali nel week-end, lasciandoli invece aperti ovunque fuori da quegli spazi, oggi l'incredibile è dato dal fatto che la valutazione se sia opportuna o no questo ipotizzato contingentamento, sia basata non su studi e dimostrazioni pratiche, simulazioni di impatto, ma sulla possibilità tecnica e logistica di farla.

Elementi che danno l'ennesima prova di essere in balia di una politica improvvisata, vittima essa stessa di un delirio di onnipotenza, capace di incidere, più della scienza stessa, sulla vita vissuta e, come si diceva, sulla tenuta psicologica delle persone. Che a questo punto preferirebbero un lockdown per tutti piuttosto che un indefinito supplizio quotidiano che penalizza alcuni e favorisce altri. Una politica ingiustificabile, a tratti offensiva anche della stessa responsabilità delle persone comuni, malcelata solo dietro al paravento sempre più fragile del 'bene comune', coperta a livello nazionale e regionale dalla ostentata corsa all'azione e a livello locale, modenese, da una goffa non azione del sindaco. Presente costantemente negli atti che definiscono la gestione del potere, e praticamente assente in quelli che potrebbe favorire o meglio tutelare, a livello locale, la comunità. Partendo dal dramma delle Cra e arrivando alla piazza reale ed istituzionale, dove si è distinto e fatto sentire solo quando ha inveito contro i giovani senza mascherina (qui il video) che in centro lo mandavano aff....

Gi.Ga.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Primo giorno d'estate: ma è tutto ..
Siamo stati tirati in ballo in una guerra che neppure doveva iniziare e che, comunque, non ..
21 Giugno 2022 - 12:58
Urne deserte, il buon esempio ..
Tra grotteschi festeggiamenti per la mancata partecipazione popolare a espliciti inviti al ..
13 Giugno 2022 - 09:46
A Modena preghiera pro-Lgbt, a ..
Guardando queste fotografie è difficile immaginare chi sia vittima di questa corsa al ..
07 Giugno 2022 - 13:12
Ermes è Modena
Ermes è una storia come tante, squarcio di tempo di una eternità che non esiste, se non la..
06 Giugno 2022 - 22:02
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58