Colpo di coda di Speranza: possibile proroga mascherina in strutture sociosanitarie
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Colpo di coda di Speranza: possibile proroga mascherina in strutture sociosanitarie

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Governo sarebbe pronto a firmare un’ordinanza. Provvedimento difficile da spiegare scientificamente in una mondo di regolamenti ormai contradditori e ordine sparso


Colpo di coda di Speranza: possibile proroga mascherina in strutture sociosanitarie
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Un mese di proroga al mantenimento dell'obbligo di indossare la mascherina in strutture sociosanitarie, di ospitalità e lungodegenza, nelle Rsa, nelle residenze sanitarie assistenziali, negli hospice, nelle strutture riabilitative e nelle strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti. E' questo il provvedimento a cui starebbbe per dare il via libera il governo agli sgoccioli del mandato, e che entrerebbe un vigore nel giorno, il 30 settembre, in cui lo stesso cadrebbe per i mezzi pubblici. Provvedimenti, l'uno e l'altro, difficili da capire, anche con il massimo sforzo, se si predilige l'approccio scientifico e di tutela della salute pubblica.

Quali dati e quali valutazioni scientifiche avrebbe in mano il ministro per dimostrare i potenziali effetti di un mantenimento dell'obbligo in alcune strutture e non in altre? E, soprattutto, per un mese soltanto? Come l'approccio precauzionale legato alla proroga dell'obbligo da mantenere a tempo per alcuni luoghi si sposerebbe con il suo contrario, ovvero la decisione di rimuovere gli stessi obblighi da altri affollati ambiti, come quello del trasporto pubblico? E su quale presupposto si baserebbe una proroga di un mese? Quale potrebbe essere la differenza? Quali simulazioni o valutazioni tecnico scientifiche ha il ministro per valutare gli effetti di un obbligo prorogato di un mese rispetto a uno stop immediato o una proroga di 3 o 6 mesi?

Il timore, ancora una volta, che si tratti di provvedimenti puramente politici, sganciati da ogni presupposto scientifico.

Come del resto lo sono sempre più, alla luce dei dati e dell'andamento delle vaccinazioni, i provvedimenti ancora in vigore in certi ambiti. Qualche esempio. Oggi, in un ospedale come Baggiovara, non puoi entrare senza Green Pass. Ottenuto con terza dose quindi non solo con il completamento del ciclo primario da due dosi ma inteso come completato con dose booster o, in alternativa, con Green Pass da tampone. Senza misurazione della febbre, per tutti. Ciò significa che una persona senza green pass da vaccino non può entrare se non sottoponendosi a tempone ogni 48 ore. E quando gli viene concesso di entrare non ha nessuna garanzia di trovarsi in un ambiente tutelato e senza persone positive. Proprio perché basta avere terza dose (e non importa se fatta anche un anno fa) e quindi green pass illimitato per entrare nello stesso ospedale anche da positivo, con 38 di febbre, senza limiti. Chiaramente il buon senso spingerebbe a non farlo, ma per chi lo fa non c'è un controllo capace di impedirlo. Perché con la terza dose è concesso tutto. Nello stesso ospedale in cui non possono lavorare e vengono sospesi medici e sanitari che non hanno completato il ciclo vaccinale o che sono guariti da più di tre mesi, mentre possono lavorare coloro che hanno fatto la terza dose da 8, 9, 10 mesi, e quindi non hanno più la copertura garantita sulla base del parametro dei 3 e sei mesi che viene invece utilizzato scientificamente per sospendere gli altri. Il paradosso dei paradossi come lo sarebbe prorogare un obbligo di un mese, almeno senza spiegarne, almeno una volta il presupposto scientifico, sulla potenziale efficacia.

L’obbligo di indossare le mascherine è già caduto nelle scuole all’inizio dell’anno accademico, queste restano consigliate in alcune Università italiane, come Bologna, Firenze, Padova, Pisa e Torino.

Nel settore pubblico, invece, vige l'obbligo quanto previsto dalla Circolare n.1/2022 del Ministero della Funzione pubblica, che esclude l’utilizzo della mascherina negli uffici ma raccomanda l’uso della mascherina Ffp2 in specifiche occasioni: in particolare, per il personale a contatto con il pubblico sprovvisto di idonee barriere protettive, per chi è in fila a mensa o in altri spazi comuni, per chi condivide la stanza con personale “fragile”, negli ascensori e nei casi in cui gli spazi non possano escludere affollamenti. Per il settore del lavoro privato vige l'obbligo di mascherina per quei colleghi che lavorano fianco a fianco, senza cioè possibilità di rispettare la distanza di sicurezza. La misura, in questo caso, è in vigore fino al 31 ottobre, salvo proroghe.

Gianni Galeotti

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo
Articoli Correlati
'Le speranze tradite di Speranza'
Politica
04 Maggio 2024 - 03:30
Il ministro Roberto Speranza ha il Covid
Societa'
15 Giugno 2022 - 18:14

Il Punto - Articoli Recenti
Mail dipendenti usata per spot: Mezzetti ha avuto il coraggio di sfidare la macchina comunale
Il candidato Pd attacca: 'Necessità di definire un miglior equilibrio tra trasparenza ..
20 Maggio 2024 - 18:31
Voto a Carpi, il possibile flop di Azione inquieta Righi
Non solo, la campagna elettorale di Righi è saldamente nelle mani dei soliti noti, seppur ..
18 Maggio 2024 - 12:58
Modena, la campagna elettorale del fair play (forse troppo)
Mezzetti ha da guadagnare maggiormente da questa campagna elettorale 'soft'. Per questo, ..
15 Maggio 2024 - 07:03
Voto a Carpi: ecco come finirà. Non serve la sfera magica
Righi arriverà a sfiorare addirittura il 60% di voti potenziali. Annalisa Arletti si ..
14 Maggio 2024 - 14:07
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58