La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Con le Cra non finisca come con Bibbiano

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il rischio che con la fase due la strage nelle Case per anziani sia dimenticata, è alto. Soprattutto sul piano politico ed istituzionale. Mentre in Procura gli esposti salgono ad otto


Con le Cra non finisca come con Bibbiano

Sulla strage che a causa del Covid si è consumata nella Case di Residenza per anziani della regione Emilia-Romagna e di Modena esistono narrazioni soggettive, personali, vissute, ed esistono fatti e responsabilità oggettive. Su queste ultime la magistratura è chiamata a rispondere dai numerosi esposti (8 fino ad ora quelli depositati negli uffici della Procura di Modena), presentati dai familiari delle vittime. Terreno minato in cui serve un supplemento di cautela. Il contesto è quello di un’emergenza epocale per il sistema sanitario e socio-sanitario che ha trovato tutti impreparati. Compreso chi è pagato per essere preparato: gli organismi di vigilanza e le istituzioni che avevano il compito di prevenire, informare ed agire sulla base del principio di precauzione. Perché sembrano passati secoli ma ricordiamo anche a Modena, fino alla sera antecedente al giorno della prima grande restrizione dell'8 marzo, tali istituzioni, esperti compresi, sminuivano l'allarme, invitavano ad uscire e a visitare i musei (aperti nel fine settimana), a non comprare inutili mascherine, e a non fermarsi, con tanto di video istituzionali.

Erano i tempi in cui la mascherina faceva paura, veniva addirittura denigrata e non fornita in grandi quantità come a li a poco sarebbe stato necessario, sia nelle strutture sanitarie sia nei centri di aggregazione e di convivenza sociale più a rischio. Ospedali e case per anziani in primis. Dove lo stesso personale non fornito di adeguati strumenti di protezione, ma soprattutto (aspetto fondamentale ma non abbastanza considerato nella narrazione di questi tempi), non adeguatamente o per nulla formato sul suo utilizzo, ha pagato un prezzo altissimo. Sotto il profilo del vissuto personale (essere consapevoli di essere non solo a rischio, ma di essere gli ultimi volti e gli ultimi contatti umani che molti anziani avrebbero visto e vissuto prima della spesso consapevole fine, ha rappresentato un dramma umano devastante paragonabile a quello immenso delle famiglie delle vittime), e professionale. Perché insieme al dramma dell'abbandono umano, c'è stato quello raccontato in centinaia di storie e di cronache, dell'abbandono professionale.

Non possiamo non ricordare che nel momento della massima emergenza, le case per anziani non solo non avevano DPI ma vennero in parte svuotate del personale infermieristico a disposizione, precettato dall'ausl per coprire l'immenso lavoro da svolgere nelle corsie degli ospedali, sovraccariccati da una gestione dell'emergenza che anziché aggredire ed isolare il virus all'esterno (come la Regione ha annunciato di volere fare solo ora), nelle migliaia di case e famiglie dove circolava, dove migliaia di persone denunciavano sintomi ma nelle quali i tamponi e test non venivano fatti (lapidaria l'ammissione del Commissario Venturi che in una delle ultime sue dirette ha ammesso che in quella fase iniziale i tamponi non c'erano), lo misurava e lo concentrava solo negli ospedali. Dove venivano dirottate solo le persone in condizioni disperate (non più possibili da gestire all'interno delle mura di casa), con effetti del virus in stato avanzato. E dove gli stessi operatori si ammalavano. Era il tempo, anche recente, in cui i tamponi non venivano fatti nemmeno all'interno delle stesse case protette al personale che era entrato in contatto con personale sanitario risultato positivo

Elementi che costituiscono una storia di verità, ancora prima che di responsabiltà, tutta da ricostruire, senza preconcetti politici ed ideologici. Partendo dalle migliaia di pagine che su quei giorni si sono scritte e abbiamo scritto. Dagli elementi raccontati sia sui giornali sia negli esposti. Storie narrate da operatori sanitari, infermieri, Operatori Socio Sanitari, familiari che, più o meno alla luce del sole, sono state raccolte e pubblicate. Perché solo così, questa storia, potrà insegnarci qualcosa per il futuro. Perché solo così potremo, come comunità sociale ed istituzionale, dare dignità a quelle morti, a quelle vite, a quelle storie, segno e simbolo della nostra memoria e della nostra identità, strappate senza la possibilità di un ultimo contatto al loro mondo più caro e ai loro affetti.

Storie di verità come quelle rappresentate dalle centinaia di bambini in diversi casi strappati forzatamente dalle loro famiglie che insieme costellano il dramma dell'inchiesta su Bibbiano e la Val D'Enza. Dramma su cui è calato, da mesi, un imbarazzante silenzio. L'emergenza Covid ed il sostanziale blocco delle attività istituzionale, da un lato ha inciso ma dall'altro sembra avere offerto il pretesto per chiudere definitivamente, e non temporaneamente, la storia. Senza leggerla, senza risolverla. Senza imparare nulla. Per lasciare tutto come era. Al punto morto in cui era arrivata. Con i progetti di legge arenati nelle commissioni parlamentari e bloccati ulteriormente nel cambio di governo e nel passaggio ad un esecutivo retto dalla fusione a freddo tra PD-M5S che riflette, declinata sul piano regionale, quella che ha guidato la commissione di inchiesta regionale le cui conclusioni non sono state richiamate, nemmeno una volta, dalla nuova giunta creata con le ultime elezioni. Da qui sono quantomeno prevedibili le perplessità di chi oggi, sul piano politico, esprime perplessità sull'efficacia di una commissione consigliare comunale a Modena sull'emergenza Covid, potenziale ennesimo paravento al nulla. Sarebbe grave che sulla questione Cra succedesse ciò che è successo e sta succedendo sulla questione Bibbiano. Sarebbe l'ennesima offesa alla vita e alla memoria delle vittime, davvero innocenti, che oggi piangiamo. 

Gianni Galeotti


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Commissione Bibbiano, M5S inizia opera di insabbiamento'
Politica
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:76525
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli elettrodi a mani e piedi dei bimbi
Politica
29 Luglio 2019 - 07:00- Visite:60697
Bibbiano, minore usata come 'cavia' da Foti per dimostrare sue teorie
La Nera
04 Agosto 2019 - 15:14- Visite:46851
'Bibbiano: se fossi stata più lucida non avrei allontanato quel ..
La Nera
08 Agosto 2019 - 00:30- Visite:39666
Così sindaco Bibbiano offriva 'copertura politica' ad Hansel e Gretel
La Nera
27 Luglio 2019 - 07:30- Visite:35644
Orrore di Bibbiano, onlus coinvolta è la stessa della Bassa modenese
La Provincia
27 Giugno 2019 - 15:22- Visite:32797
Il Punto - Articoli Recenti
'Non sopporto improvvisazione': l'ego..
Bonaccini sfida il capogruppo Lega a un confronto: 'Un consiglio: si prepari molto bene, ..
08 Settembre 2020 - 19:02- Visite:2391
La destra si può battere. Ma ..
Nel segreto della sua stanza, prega gli dei della politica di aprire il tempo della ..
05 Settembre 2020 - 11:29- Visite:2416
Piano Periferie: ecco come la città ..
Sull'asse nord-sud ed est-ovest, lo stallo al prolungamento del sottopasso ferroviario e ..
04 Settembre 2020 - 10:36- Visite:289
Più di 10.000 tamponi, e terapie ..
I dati confermano che nella diffusione del virus, e degli effetti, qualcosa, è cambiato. ..
20 Agosto 2020 - 18:30- Visite:3045

Onoranze funebri Gibellini

Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:61789
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:55525
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:31825
Decreto antivirus demolito in 12 ore:..
Nessun limite agli spostamenti, treni regolari in ingresso e uscita, deroga dopo le 18 per i..
08 Marzo 2020 - 22:41- Visite:28670