GIFFI NOLEGGI
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
articoliIl Punto

Covid, aumentano i casi. E riaffiora lo spettro dell'orrore green pass

La Pressa
Logo LaPressa.it

Gli anticorpi devono riattivarsi immediatamente. Al primo segnale, perchè è meglio lanciare un allarme inutilmente che ripiombare dolcemente nel baratro


Covid, aumentano i casi. E riaffiora lo spettro dell'orrore green pass
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Aumentano i casi Covid, si torna a parlare di varianti, nelle città riappaiono volti coperti dalla mascherina anche all'aperto (a onor del vero i più accaniti non l'hanno mai tolta), in ospedale torna l'obbligo del tampone per i sintomatici e compaiono di nuovo sui principali media i volti di virologi e medici più o meno specializzati. Ognuno, ovviamente, con la sua ricetta: l'allarmista alternato allo specialista che minimizza, in un teatrino ormai tristemente noto. In base all'ultimo bollettino settimanale del Ministero della salute in Italia i casi in sette giorni sono cresciuti del 44%, passando dai 14.866 ai 21.309 e l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha già dato il nome alla nuova, ultima, variante: Eris.

Questi i numeri, questo lo scenario. E allora ritorna nella mente di molti cittadini un passato recente che in questi mesi si è fatto di tutto per dimenticare.

Eppure scordare l'orrore nel quale il nostro Paese (solo il nostro con questa intensità) era piombato è impossibile. Green Pass obbligatorio per lavorare, operai con più di 50 anni decisi a non farsi somministrare un farmaco, lasciati fuori dalle fabbriche. Ragazzini di 12 anni cacciati da campi di gioco all'aperto e finanche dagli autobus, costretti a pagare una decisione presa dai loro genitori per loro. Il tutto completamente avulso dal dato sanitario, essendo chiaro da subito che i contagi avvenivano sia tra vaccinati che tra non vaccinati.

E ancora le frasi da rabbrividere pronunciate da politici, dottori giornalisti e sedicenti Vip contro i cosidetti no vax: dal 'mi divertirei a vederli morire come mosche' di Scanzi al 'verranno messi agli arresti domiciliari, chiusi in casa come dei sorci' di Burioni, dal 'provo un pesante odio verso i no vax' di J-Ax al 'serve Bava Beccaris, vanno sfamati col piombo' di Cazzola, dal 'noi, i contagiati, andiamo a scovarli casa per casa' di Bonaccini al 'non chiamateli no vax, chiamateli col loro nome: delinquenti' della Morani.

Questo è successo nel nostro paese. Feste all'aperto vietate a chi non mostrava il proprio certificato verde, medici lasciati a casa per aver accettato la prima e la seconda inoculazione ma per aver rifiutato la terza, persone desiderose di mostrare pedissequamente il proprio Qr, a chiunque, e pronte ad arrabbiarsi se qualche ristoratore non vestiva i panni del fervido controllore. E' successo questo nel nostro paese. E dimenticarlo forse era giusto, per tentare una pacificazione, forse immeritata da uno Stato che ha mostrato la propria ferocia, calpestando la stessa Costituzione (a partire dall'Art.1), ma inevitabile. Ma se quell'orrore non è stato ammesso da chi lo ha messo in campo, se qualcuno pensa ancora che quella discriminazione sia stata giusta (al di là degli aspetti sanitari della pandemia che nulla c'entrano), allora il rischio concreto che si rimaterializzi esiste. Ed è per questo che gli anticorpi devono riattivarsi immediatamente. Al primo segnale, perchè è meglio lanciare un allarme inutilmente che ripiombare dolcemente nel baratro.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo
Articoli Correlati
Modena, il film 'La morte negata' alla sala Ulivi
Societa'
08 Marzo 2024 - 14:45
Finchè c'è vita c'è Speranza
Le Vignette di Paride
19 Febbraio 2024 - 10:14

Il Punto - Articoli Recenti
Voto a Modena: per il centrodestra ..
Perchè la Dondi non può certo essere accusata di essere una neofascista, non la si può ..
30 Marzo 2024 - 15:30
Modena, l'amore di Mezzetti: ..
La carezza di Mezzetti sul volto dei modenesi e dei loro bambini. Novella favola patinata ..
27 Marzo 2024 - 21:15
Voto a Modena, per Negrini ..
E con il partito di Conte pronto a una lista autonoma, il ballottaggio per Mezzetti sarebbe ..
25 Marzo 2024 - 17:00
Elezioni Modena: l'importanza del ..
Il gioco di squadra Negrini-Giacobazzi, supportato dalla presenza dell'onorevole Daniela ..
24 Marzo 2024 - 11:37
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58