Covid, vaccino aggiornato: i sanitari, questa volta, dimostreranno di farlo?
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Covid, vaccino aggiornato: i sanitari, questa volta, dimostreranno di farlo?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lo scorso febbraio, da noi interpellati, i dirigenti sanitari confermarono che solo un operatore su cinque si era sottoposto alla seconda dose booster. E prima, con obbligo in vigore, nessuno aveva accettato di sottoporsi alla vaccinazione davanti ai giornalisti, come fatto col vaccino influenzale


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Più di un anno fa chiedemmo ai Dirigenti Sanitari modenesi, che nella sede Ausl di Modena avevano convocato la stampa per farsi fotografare mentre si vaccinavano contro l'influenza, di fare la stessa cosa con il vaccino Covid, dimostrando di accompagnare l'invito ripetutamente lanciato da loro e dai colleghi sanitari a tutta la popolazione a vaccinarsi, dando il loro esempio. Ovvero fornendo il braccio in mostra ai fotografi. Non se ne fece nulla. Ci venne detto che il calendario vaccinale era diverso per gli operatori e che sarebbe stato più difficile da organizzare rispetto ad un appuntamento unico come quello per l'influenza ma che comunque appena ce ne sarebbe stata la possibilitè sarebbe stato organizzato. Ne chiedevamo uno di operatori, almeno uno, mica tanti. Nemmeno tre come per l'influenza. Uno. Invece nulla.

Nessuno, anche quando per i sanitari il vaccino covid non solo era raccomandato ma era obbligatorio, con almeno tre dosi, si rese disponibile a farlo. A dimostrare direttamente ai giornalisti, anche senza ostentare con foto come succedeva per l'influenza, di vaccinarsi convintamente contro il Covid. Nessuno dei dirigenti e responsabili a cui lo avevamo chiesto e che dalle strutture sanitarie ed ospedaliere sponsorizzava il vaccino, si rese disponibile. Attraverso i canali ufficiali e della comunicazione utilizzati per organizzare, comunicare promuovere le vaccinazioni anti-influenzali, non ricevemmo mai risposta in tal senso. 
Poi, l'obbligo che doveva rimanere in vigore per i sanitari fino al 31 dicembre 2022, decadde un mese prima, per volere del nuovo governo che anticipò lo stop al 1° novembre.
Per i sanitari però la vaccinazione rimaneva fortemente raccomandata.

Nel febbraio 2023 in una conferenza stampa in cui vennero diffusi i dati dell'infezione e della vaccinazione covid tra la popolazione, chiedemmo alla dirigenza sanitaria presente di fornirci il dato specifico sulla vaccinazione degli operatori sanitari e il dato fu sorprendente. Emerse che, dando per scontato che tutti fino a qual momento avessero rispettato l'obbligo vaccinale, solo un operatore sanitario su cinque aveva proseguito con la vaccinazione sottoponendosi, a quasi un anno dalla terza dose, alla quarta dose. Poco più del 20%. Un dato equivalmente nemmeno alla popolazione target per cui la vaccinazione rimaneva raccomandata e mediamente diffusa, bensì alla popolazione generale. Nonostante l'appartenenza a una categoria per la quale la vaccinazione era raccomandata, gli operatori sanitari erano tra quelle in cui si vaccinava meno.

Le motivazioni fornite dalla Direttrice Sanitaria dell'Ausl di Modena Romana Bacchi, alla nostra domanda, furono altrettanto sorprendenti. Emerse infatti da un lato che molti sanitari non si erano ancora sottoposti alla seconda dose Booster perché erano stati contagiati o erano in quel momento contagiati (a conferma di un livello di protezione dal contagio se non blanda quantomeno da verificare), e dall'altro perchè si era diffuso un 'diverso approccio' alla vaccinazione covid. In soldoni, finito l'obbligo, in pochissimi anche tra personale sanitario e ospedaliero, sceglieva di vaccinarsi volontariamente. Nemmeno, appunto, se al lavoro nei luoghi più delicati ed esposti come gli ambienti sanitari dove la vaccinazione per gli operatori continuava ad essere fortemente raccomandata dagli organismi nazionali, non solo sotto un profilo sanitario in senso stretto ma anche sotto un profilo 'etico' trattandosi del luoghi a contatto con pazienti fragili e di ambienti dai quali ufficialmente partivano appelli e campagne alla vaccinazione. Insomma, anche per una questione di coerenza rispetto al proprio 'essere' oltre alla propria 'funzione'. Segno che tutta questa convinzione che animava anche le campagne di promozione, non era poi così intensa.

Veniamo ad oggi. Quest'anno, come nel febbraio 2023, l'obbligo non c'è, ma rimane, rispetto al nuovo vaccino aggiornato Covid, la forte raccomandazione per gli operatori sanitari. E allora, di fronte alle stesse condizioni porgiamo nuovamente le nostre stesse domande. I sanitari, a partire dalla dirigenza che se confermerà quanto successo gli scorsi anni dovrebbe mostrare agli obiettivi della stampa il braccio sottoposto al vaccino antinfluenzale nella campagna 'Io mi vaccino', sarà pronta a mostrarsi questa volta, anche per la vaccinazione covid? E soprattutto, sarà pronta, in virtù non più di un obbligo ma di una raccomandazione, a sottoporsi comunque al vaccino aggiornato appena arrivato in migliaia di dosi anche a Modena?   

 Gi.Ga.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo
Articoli Correlati
Eppure è successo
Le Vignette di Paride
14 Maggio 2024 - 10:21
Modena, il film 'La morte negata' alla sala Ulivi
Societa'
08 Marzo 2024 - 14:45

Il Punto - Articoli Recenti
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Voto a Modena: rischio del cambiamento e certezza della conservazione
Conservare un sistema che si conosce o cambiarlo accettando il rischio. Questo è il bivio. ..
01 Giugno 2024 - 14:39
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58