Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliIl Punto

Davanti alla guerra le discriminazioni legate al green pass sono ancor più folli

La Pressa
Logo LaPressa.it

I cittadini umiliati, ricattati, offesi con i peggiori epiteti, come possono sentire il senso di appartenenza necessario a compattare un Paese in un momento simile?


Davanti alla guerra le discriminazioni legate al green pass sono ancor più folli

Da un lato l'Europa sprofondata nel dramma della guerra, dall'altro l'Italia ancora impantanata nella palude delle assurde discriminazioni create dal Green pass voluto dal Governo Draghi. Sembra quasi offensivo parlare ancora del 'certificato verde' mentre a poche centinaia di chilometri dal nostro confine esplodono bombe e i leader mondiali, da Putin a Biden, evocano lo spauracchio del conflitto atomico. Eppure offensivo non è parlarne, ma offensivo è il fatto che ancora questo - anche davanti al baratro dell'indicibile conflitto mondiale - accada. E poco importa se i 90% degli italiani non sentono il problema come proprio, se si sentono al sicuro perchè hanno aderito più o meno volontariamente al meccanismo del lasciapassare sanitario. Non importa perchè il problema di una minoranza è un problema di tutti in una società normale.
Se un padre o una madre non può lavorare perchè non ha un certificato sanitario che dà conto dell'aver effettuato un trattamento sanitario, è un problema di tutti. Non solo di quella famiglia.

Lo stesso Governo italiano che in queste ore ha chiuso lo spazio aereo alla Russia, che si è detto pronto a inviare supporto di mezzi militari all'Ucraina, che sottoscrive sanzioni senza precedenti nei confronti del leader russo Putin, continua a trattare una fetta di suoi cittadini italiani come criminali. Ancora oggi, ancora adesso, i cittadini con più di 50 anni nel nostro Paese non possono lavorare se non hanno il green pass. I bambini di 12 anni non possono salire sul bus e non possono fare sport all'aperto. Succede adesso, ora. E dirlo, mentre accogliamo profughi dall'Est, sembra surreale. Eppure accade. Solo in Italia.

Una discriminazione che - ormai è chiaro - nulla ha a che vedere con il contenimento della pandemia (che nessuno ha mai messo in discussione e che è fortunatamente in ritirata), ma che allarga ancora quella frattura sociale che una Nazione in un contesto bellico non può permettersi.
I cittadini umiliati, ricattati, offesi con i peggiori epiteti, come possono sentire il senso di appartenenza necessario a compattare un Paese in un momento simile? Come possono credere alla narrazione bellica se a costruirla è lo stesso Governo che li ha posti agli arresti domiciliari senza la prova di alcun reato commesso?

Ovvio, sarebbe saggio e responsabile, sentire ugualmente il bisogno di unità e di pacificazione interna, ma se il primo a non volerla questa pacificazione è il Governo stesso, allora tutto diventa assurdo. Talmente assurdo da alimentare nella fetta di cittadini discriminati, cacciati dal lavoro e dai luoghi della socialità, un cupio dissolvi che fa follemente sperare in un 'tanto peggio e tanto meglio'. Ecco questa deriva, chi ha responsabilità di Governo non può permettersela. Si eliminino adesso, oggi, subito, i legacci assurdi del green pass che tanto odio hanno alimentato in questi mesi e si ritrovi quell'unità d'intenti calpestata in questi mesi. Forse si è ancora in tempo. Perdonare per chi ha subito mesi di soprusi sarà difficile, ma ancora una speranza oggi c'è.
Giuseppe Leonelli

Sostieni l'informazione libera de La Pressa



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Armi all'Ucraina, Fdi a braccetto col..
A testimonianza dell'eterna sindrome di sudditanza che le forze sedicenti antisistemiche ..
20 Maggio 2022 - 15:27
Armi all'Ucraina: la maggioranza ora ..
La cassa di risonanza da Mentana a Gramellini, da Giannini a Fazio, continua imperterrita a ..
18 Maggio 2022 - 10:46
Carlo era la radio, e ci portò ..
Oggi il funerale di Carlo Savigni. Il ricordo di Gianni Galeotti
13 Maggio 2022 - 01:24
Modena in serie B: sola nota positiva..
Non è una battuta dei tifosi ma la realtà dei fatti stante ciò che succede ed è successo..
11 Maggio 2022 - 18:35
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58