Differenziata, il flop dipinto come un successo dall'assessore Filippi
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Differenziata, il flop dipinto come un successo dall'assessore Filippi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Occorre riconoscere gli errori commessi e ripensare la nuova disciplina della raccolta perché, come è stato detto da tutti, la misura è colma


Differenziata, il flop dipinto come un successo dall'assessore Filippi
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Ha destato stupore e incredulità l’inattesa dichiarazione buonista, ottimista e inutilmente “rassicurante” dell’assessore comunale all’Ambiente Alessandra Filippi che ha disinvoltamente detto che “i risultati ottenuti  per la raccolta dei rifiuti nelle zone stabilizzate sono stati straordinari”.

Invece di ascoltare (come dovrebbe fare un pubblico amministratore) la voce sempre più arrabbiata dei cittadini di tutti i quartieri della città, compresi quelli del centro storico, l’opinione dei partiti di minoranza e le voci critiche provenienti anche da sinistra, l’ineffabile assessore Filippi cerca di sfuggire alla realtà, di sviare l’attenzione dei cittadini, di nascondere la polvere sotto il tappeto, parlando con un linguaggio in ‘politichese’, di “sfide, di nuovi accorgimenti, di sostegno all’operato  di Hera (quello contestato dalla città!)”, con evanescenti annunci di “iniziative informative, di banchetti di Hera sulle strade per avvicinare i cittadini”, di un non meglio precisato “intervento delle Guardie ecologiche volontarie per aiutare i residenti nella raccolta differenziata”.

Insomma il solito bla-bla dei nostri amministratori quando non sanno più cosa dire e cosa fare per arrestare la montante protesta di tutta la città come in questo caso. Perchè, oltre ai partiti di minoranza Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega, che hanno chiesto a Comune ed Hera di fermarsi prima di estendere il nuovo metodo di raccolta, di valutare gli errori commessi, di ascoltare una volta tanto la voce dei cittadini, sono insorte anche formazioni politiche di sinistra come Rifondazione comunista, il Movimento politico Modena Volta Pagina, i Cinque Stelle (che hanno accusato sindaco e assessori di essere “assenti e disinteressati alla protesta e alle richieste della gente”), anche Alberto Bosi di Alternativa Popolare che ha parlato di “una discarica a cielo aperto a Modena e del totale fallimento dell’esperimento, presentato invece come perfetto”, giungendo persino a chiedere le dimissioni dell’assessore Filippi perché “non dà ascolto alle lamentele dei cittadini” e alla giunta di una riduzione della Tari per imprese e famiglie e pure del capogruppo del Pd in consiglio comunale Carpentieri che ha parlato di “decoro della città a rischio” con la proposta di potenziare la figura dello “spazzino di quartiere”.

Insomma, altro che “successo” della operazione, come dice la Filippi, ma riconoscere gli errori commessi e ripensare la nuova disciplina della raccolta perché, come è stato detto da tutti, “la misura è colma e serve rivedere in toto il meccanismo con un impegno migliore e maggiore da parte di Hera, ma anche un atteggiamento diverso da parte della giunta comunale e del sindaco che non possono fare finta di niente, di girarsi dall’altra parte, di accettare tutte le decisioni di Hera, ma  ascoltare la protesta e la rabbia dei modenesi che non si meritano  di essere trattati in questo modo”.

Cesare Pradella

Cesare Pradella
Cesare Pradella

Giornalista pubblicista, è stato per dieci anni corrispondente da Modena del Giornale diretto da Indro Montanelli, per vent'anni corrispondente da Carpi del Resto del Carlino, per cinque..   Continua >>


 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
L’amore può tutto, l’ideologia di parte no
Gli attacchi al governo, i toni divisivi usati dal sindaco in fascia tricolore come macchia ..
26 Maggio 2024 - 23:57
Mail dipendenti usata per spot: Mezzetti ha avuto il coraggio di sfidare la macchina comunale
Il candidato Pd attacca: 'Necessità di definire un miglior equilibrio tra trasparenza ..
20 Maggio 2024 - 18:31
Voto a Carpi, il possibile flop di Azione inquieta Righi
Non solo, la campagna elettorale di Righi è saldamente nelle mani dei soliti noti, seppur ..
18 Maggio 2024 - 12:58
Modena, la campagna elettorale del fair play (forse troppo)
Mezzetti ha da guadagnare maggiormente da questa campagna elettorale 'soft'. Per questo, ..
15 Maggio 2024 - 07:03
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58