Dilemma Bonaccini: fuga dorata in Europa o fedeltà agli elettori emiliani?
  Villa La Personala
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
  Villa La Personala
articoliIl Punto

Dilemma Bonaccini: fuga dorata in Europa o fedeltà agli elettori emiliani?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Candidarsi alle Europee significherebbe dire addio ai sogni di gloria politici, ripiegare nella poca visibilità concessa ai parlamentari di Bruxelles e godersi però il faraonico stipendio che il ruolo comporta. Per dirla semplice, una pensione di lusso


Dilemma Bonaccini: fuga dorata in Europa o fedeltà agli elettori emiliani?
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Ai tempi della sua prima candidatura in Regione, a Modena gli venne appioppato il soprannome di Godot. Stefano Bonaccini è noto per la ponderatezza nelle scelte. Aspetta, valuta, medita cosa è più conveniente al suo percorso politico e poi, a differenza dell'anti-eroe di Beckett, arriva e decide.
Una strategia raffinata che fino allo scorso anno gli ha fruttato una scelta azzeccata dopo l'altra. Segretario regionale del partito, candidato alla presidenza della Regione, ricandidato alla stessa presidenza celando il simbolo Pd dietro a un logo con occhiali e barba verdi: ogni mossa attentamente soppesata si è rivelata vincente e in grado di garantire al politico di Campogalliano uno scatto in più nella propria carriera.

Lo scivolone però è arrivato inaspettato: la sfida alla guida nazionale del partito con Elly Schlein lo ha visto soccombere e così ora Bonaccini si ritrova scalato di qualche casella nel gioco dell'oca della politica e, di conseguenza, a dover affrontare l'ennesimo bivio.


La carta 'imprevisti' prevede due opzioni. Candidarsi alle Europee come capolista nell’area Nord Est e lasciare anzitempo la guida della Regione Emilia Romagna, o restare fedele agli elettori e completare il suo mandato di presidente fino alla prossima primavera?
Un dilemma che costringe Bonaccini a cedere al suo vecchio alter ego, quel Godot tanto atteso e incapace di materializzarsi.

Candidarsi alle Europee significherebbe dire addio ai sogni di gloria politici, ripiegare nella poca visibilità concessa ai parlamentari di Bruxelles e godersi però il faraonico stipendio che il ruolo comporta. Per dirla semplice, una pensione di lusso. Ma per compiere questa scelta occorrerebbe portare anzitempo l'Emilia Romagna al voto, anticipare di sei mesi le Regionali e costringere gli emiliano romagnoli a recarsi alle urne a novembre, invece che a maggio 2025.

Una scelta che profumerebbe di fuga col rischio concreto per il Pd e alleati di centrosinistra di perdere la Regione, visto il forte consenso che il Governo Meloni ancora suscita.

Rinunciare alla candidatura alle Europee significherebbe invece un salto nel buio dal punto di vista delle garanzie di carriera. Bonaccini resterebbe alla guida della Emilia Romagna fino a maggio, ma una volta scaduto il mandato non potrebbe ricandidarsi e di elezioni politiche ed europee non vi sarebbe alcuna ombra. Nessuna poltrona in vista, insomma. Certo la scelta di restare governatore fino a scadenza sarebbe coerente con il volere degli emiliani che lo hanno eletto, consentirebbe al centrosinistra di avere più tempo per affrontare l'assalto alla diligenza del centrodestra guidato dal regista Galeazzo Bignami sperando in un probabile logorio dei consensi del governo Meloni. Tutto bello dal punto di vista collettivo, ma a Bonaccini non converrebbe.

E quindi che fare? In queste ore 'Stefano' sta cercando il modo di presentare come 'utile a tutti' una scelta 'utile solo a stesso': candidarsi alle Europee e provare ad evitare le critiche dei cittadini e dei suoi stessi colleghi di partito preoccupati di perdere la roccaforte emiliana (e di conseguenza anche il proprio stipendio, sia chiaro). Insomma, l'impresa che l'uomo di Campogalliano ha di fronte è ardua, ma nulla a Godot è impossibile.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Regionali, Pd: Muzzarelli punta al bersaglio grosso, assessorato alla sanità
Intanto in casa Pd preme Ludovica Carla Ferrari, forte di un possibile ticket col sindaco ..
17 Luglio 2024 - 20:52
Regionali, De Pascale contro Ugolini: il Pd deve far dimenticare la fuga di Bonaccini
Bonaccini, come tutti ricordano, aveva promesso non più di un anno fa che sarebbe rimasto ..
13 Luglio 2024 - 13:30
Venturelli e Zanca assessori e guide di partito: Mezzetti smentito
Evidentemente le parole del nuovo primo cittadino alle orecchie dei suoi assessori contano ..
10 Luglio 2024 - 19:37
Modena: Azione sotto le aspettative, ma Zanca vince in strategia
Il commissario del partito di Calenda di meriti storici ne ha di certo, ma in queste ..
09 Luglio 2024 - 23:08
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58