Disastro Romagna, stucchevole retorica della gente che 'tiene botta'
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Disastro Romagna, stucchevole retorica della gente che 'tiene botta'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Non abbiamo bisogno di eroi, ma di amministratori consapevoli. L'Emilia Romagna in termini idrogeologici è senza airbag e senza cinture di sicurezza


Disastro Romagna, stucchevole retorica della gente che 'tiene botta'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Le lacrime e Romagna mia, siamo fatti così. Un secondo dopo che l’acqua se ne sarà andata partirà la ricostruzione. Proprio il drammatico terremoto di undici anni fa ci ha insegnato che gestione dell’emergenza e della ricostruzione vanno tenute insieme... Mentre spaliamo il fango stiamo già lavorando al dopo'. Questo è uno dei tanti post con cui il governatore emiliano romagnolo Stefano Bonaccini incensa il coraggio dei cittadini piegati dall'alluvione che, nonostante tutto, provano a ripartire.

Una retorica che trova il suo culmine in un post su Instagram di Gianni Morandi, velocemente riportato da tutti i media in modo virale. 'L'Emilia Romagna è quel pezzo di terra voluto da Dio per permettere agli uomini di costruire la Ferrari. Gli emiliani-romagnoli sono così. Devono fare una macchina? Loro ti fanno una Ferrari, una Maserati e una Lamborghini. Devono fare una moto? Loro costruiscono una Ducati.

Devono fare un formaggio? Loro si inventano il Parmigiano Reggiano...'

Tutto tanto commovente e tutto bello. Belle le foto dei volontari pieni di fango sorridenti, nonostante tutto. Belli loro, ma molto meno bella la strumentalizzazione del loro impegno, l'uso propagandistico del loro lodevole e generoso lavoro.

Perchè di bello nella catastrofe che ha colpito la Romagna non vi è proprio nulla. Nulla c'entra il terremoto del 2012. Sul sisma si poteva fare ben poco in termini di prevenzione. Certo, si sarebbero potuti costruire capannoni antisismici in tempo e con leggi e incentivi ad hoc si sarebbero potute rinforzare chiese e abitazioni private in anticipo. Ma prevedere scosse di quel tempo nella fetta di territorio emiliano non era facile.

L'alluvione è un'altra cosa. La delicatissima situazione idrogeologica emiliano-romagnola è nota. Solo per restare nel modenese è impossibile dimenticare il disastro che investì Bastiglia e Bomporto nel 2014 e quello del 2020 a Nonantola.


Non basta puntare il dito sulla eccezionalità dell'evento atmosferico di questi giorni. Il cambiamento climatico degli ultimi decenni, indipendentemente da chi sia provocato, non può essere la giustificazione rispetto all'immobilismo e alla mancata manutenzione del letto dei fiumi e all'assenza di un adeguamento infrastrutturale della rete fluviiale.
In auto si può sempre essere vittima di un incidente, ma prima di mettersi alla guida occorre fare di tutto per prevenire, per proteggere se stessi e i passeggeri. Ecco, questo non è stato fatto. L'Emilia Romagna in termini idrogeologici è senza airbag e senza cinture di sicurezza: dalla pulizia dei fiumi passando dalla creazione di bacini idrici e casse di espansione. Tutto è in colpevole ritardo. Viaggiamo al buio, a fari spenti nella notte e appena una nuvola copre la luna è dramma. Forse con le piogge record di questi giorni le cose sarebbero andate male comunque, certo: ma chi amministra da sempre il territorio non può chiamarsi fuori dalla ricerche delle responsabilità.

Bonaccini guida l'Emilia Romagna da 8 anni, ultimo amministratore di una catena ininterrotta di rappresentanti dello stesso partito, e oggi dice che non è tempo delle polemiche e che chi le fa può andare ad aiutare a spalare il fango. No, non funziona così. La rabbia non va anestetizzata con il sentimentalismo e con la retorica degli eroi e degli angeli del fango. Se 'tenere botta' significa accettare ogni tipo di tragedia senza cercarne le responsabilità, allora è meglio alzare le mani, fermarsi e analizzare i fatti. Non abbiamo bisogno nè di santi nè di eroi. Ma solo di amministratori capaci di fare di tutto per mettere in sicurezza il territorio e i cittadini che lo vivono. Se non è stato fatto questo, male. Molto male. Non è polemica, ma virtuosa constatazione. Perchè a ripetere in modo ossessivo che 'va tutto bene' quando le cose vanno in modo orrendo è il modo migliore perchè domani il mondo sia ancor peggiore di quello di ieri.

Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Barcaiuolo non ha perso: con le preferenze ha allontanato Dondi e Rossini
A Modena Pulitanò con oltre 800 preferenze doppia Daniela Dondi – candidata appositamente..
11 Giugno 2024 - 17:20
Sassuolo, Carpi, Modena: tracollo centrodestra, ma si fa finta di nulla
In Fdi nessun mea culpa sull'aver lasciato solo Negrini. La sua colpa? Averci creduto: grave..
11 Giugno 2024 - 12:18
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58