GIFFI NOLEGGI
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
articoliIl Punto

Dopo la Schlein, Figliuolo: per Bonaccini un uno-due destabilizzante

La Pressa
Logo LaPressa.it

A questo punto, a poco più di un anno dalla scadenza del suo secondo mandato alla guida della Emilia Romagna, le strade che egli ha di fronte sono due...


Dopo la Schlein, Figliuolo: per Bonaccini un uno-due destabilizzante
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

In pochi mesi è passato dalle stelle del consenso politico alla polvere di una doppia, inaspettata, sconfitta. Solo quattro mesi fa il governatore dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini non vedeva arrivare Elly Schlein e perdeva una guida del Pd nazionale che sentiva già propria. Oggi, dopo essere stato per settimane in prima fila col giubotto della Protezione civile sul fronte della devastante alluvione che ha sconvolto la Regione Emilia Romagna, si vede scavalcato a destra dal generale Figliuolo, nominato commissario alla ricostruzione al suo posto. 

E se nel primo caso Bonaccini aveva dovuto fare buon viso a cattivo gioco per il bene della Ditta o di quello che resta di essa, davanti alla nomina di Figliuolo ha invece completamente perso la maschera del politicamente corretto per lasciarsi andare ad attacchi diretti (e a dire il vero un po' scomposti) nei confronti del Governo.

Ha parlato di scelta sbagliata, ha accusato l'Esecutivo di confondere il piano istituzionale con quello politico, e ha scelto la strategia della vittima affermando che egli stesso era il primo bersaglio a Roma. Dimenticando, peraltro, gli elogi nei quali si era esibito nei confronti dello stesso Figliuolo durante i mesi della pandemia.
Così, come sempre accade, quando lo sconfitto si arrabbia, per i vincitori la soddisfazione è doppia. L'uscita anti-governativa di Bonaccini ha lasciato campo aperto all'attacco frontale di Maurizio Gasparri, uno che nella maggioranza di Governo conta non poco, ha dato nuova linfa alle argomentazioni di chi ha puntato il dito sulle sue responsabilità politiche sull'alluvione in termini di mancata manutenzione e ha aperto un divario con il Governo centrale difficilmente comprensibile agli occhi delle vittime dell'alluvione, alle quali che Bonaccini sia o no commissario in fondo interessa poco e che vorrebbero solo avere indietro almeno un pezzo di ciò che è stato loro strappato via.

Sul piano politico sarà interessante ora osservare come Bonaccini, dopo la reazione a caldo, reagirà a questo uno-due. Con il partito nella mani di Elly Schlein e con le risorse dello Stato (circa 9 miliardi di euro) per la ricostruzione nella sua Terra in mano a Figliuolo, il governatore ha perso due importantissime frecce nella sua faretra. A questo punto, a poco più di un anno dalla scadenza del suo secondo mandato alla guida della Emilia Romagna, le strade che egli ha di fronte sono due: o ridurre le proprie ambizioni e puntare a una tranquillo scivolo politico verso la pensione (magari con un passaggio in Parlamento tra gli eletti in seconda fila), cercando di evitare la 'trappola' di una candidatura a sindaco di Modena (una deminutio ai suoi occhi non accettabile), o giocare il tutto per tutto e continuare a puntare al bersaglio grosso con i dardi rimasti. Nella seconda ipotesi significherebbe scommettere sul fallimento della Schlein e riprovare la scalata al Pd nazionale. Sempre che questo Pd continui ad esistere nel prossimo futuro nella forma che oggi conosciamo.
Giuseppe Leonelli


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Voto a Modena, la retorica della ..
Sarebbe tempo di superare definitivamente questa falsa morale, di togliere la maschera di ..
13 Aprile 2024 - 15:07
Carpi, accordo con Morelli: Righi ..
Molto interessante osservare le manovre dei sempiterni Marc’Aurelio Santi e Rossano ..
10 Aprile 2024 - 13:43
Carpi, così l'erede di Bellelli si ..
Oggi davanti alla alleanza tra il Pd e la corrente di Morelli rappresentata da Azione, resta..
09 Aprile 2024 - 23:36
Modena: così, dopo anni di ..
L'accordo sottoscritto a Modena tra Pd e M5S va ben oltre la svolta progressista del partito..
05 Aprile 2024 - 14:01
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58