La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Ex Fonderie e Piano Periferie: al sindaco almeno il merito di averci provato

La Pressa
Logo LaPressa.it

I finanziamenti dei progetti, meritati con la vittoria dei bandi, arrivano tardi e, orfani di una visione e di una prospettiva, rimarranno ancora sulla carta


Ex Fonderie e Piano Periferie: al sindaco almeno il merito di averci provato
Così come ha fatto con il Piano Periferie, utile per provare almeno a sbloccare lo stallo decennale nella riqualificazione di uno dei comparti più importanti (quello dell'ex mercato bestiame a nord della stazione ferroviaria), dei nove facenti parte del fallito Piano di riqualificazione della fascia ferroviaria lanciato nel 1999 dall'allora sindaco Giuliano Barbolini, il sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli ha fatto per le ex fonderie.

Grazie alle capacità ed al grande lavoro degli uffici tecnici comunali, alcuni dei vecchi progetti
(ex fonderie ed ex mercato bestiame appunto), legati a quel grande piano di rigenerazione urbana vecchio di 20 anni , sono stati rispolverati e con un po' di belletto e qualche slide accattivante ripresentati al governo e alla regione, sotto forma di progetti di rigenerazione urbana. Per concorrere ai bandi, e magari, come è successo, vincerli, ottenendo così finanziamenti. Diciotto milioni dallo stato arrivati nel 2016 per  il piano periferie, comprendente la porta nord della stazione e l'asse fino all'ex mercato bestiame, e recentemente un milione e mezzo dalla regione per l'avvio del primo dei quattro stralci delle ex fonderie. 

Un risultato importante di cui va dato merito (come oggi ha ribadito il sindaco Muzzarelli), agli uffici tecnici, ma anche, è giusto aggiungere, allo stesso sindaco. Accettando la sfida di cercare soldi dove ci sono (Europa, Roma Bologna), per riavviare opere pubbliche e progetti abbandonati per 20 anni dai sue due predecessori (Barbolini e Pighi), Muzzarelli ha dimostrato di avere ancora una volta il carattere del cavallo di razza della politica, della vecchia guardia, tentando almeno, pur senza un disegno di insieme diverso da quello che fu, di riempire alcuni dei tanti buchi nella mappa delle riqualificazioni previste e mancate nella fascia nord della ferrovia.

E lo ha fatto pur consapevole che senza una nuova visione di città futura, capace di ridare slancio ad una sfida persa e nella quale re-inserire quelle opere recuperate dal passato (visione che né lui né una giunta sicuramente non all'altezza della sfida hanno dimostrato di avere), i singoli progetti riavviati si sarebbero ridotti, come in realtà si sono già ridotti, a piccoli interventi utili per i sei mesi della campagna elettorale. Sganciati da tutto il resto. Da una città che rimane scucita, anche dopo lo spostamento della linea storica della ferrovia (che apriva ad opportunità anch'esse mancate), non solo urbanisticamente ma anche socialmente. Con progetti destinati a rimanere slegati da un progetto di insieme e a non avere continuità. Perché è questo che stiamo vedendo. Dal sottopasso ex Benfra, che dopo 20 anni di attesa è nato vecchio e superato, rispetto a ciò che doveva nascerci intorno (ex fonderie comprese), agli interventi della porta nord, dopo due decenni ancora sganciati dall'area dell'ex mercato bestiame rimasta senza identità, progettualità e futuro. Senza un disegno di insieme capace di sollecitare anche i privati costruttori ad investire anziché abbandonare l'area e soprattutto ad abbandonare la logica limitata ai pur legittimi interessi economici da un lato e politici dall'altro, sufficienti per garantire potere e rendite di posizione, ma certo a fare crescere la città, come Modena avrebbe meritato.

E su questo il sindaco non ha scuse. Intanto perché nei venti anni che hanno segnato il lancio ed il seguente fallimento dei grandi piani di riqualificazione lui era prima Vicepresidente della provincia di modena con deleghe pesanti anche sul piano delle infrastrutture (Muzzarelli avvallò la scelta del tracciato nord dell'alta velocità che di fatto escluse Modena dal servizio, e dalle opportunità, anche di riqualificazione urbana, che sarebbero arrivate sull'intera fascia ferroviaria), e dopo, come assessore regionale alle attività produttive, quand si parlava già e ancora delle ex fonderie come possibile sede del tecnopolo. E se non era nel 2005 o nel 2010, rieletto in regione, poteva esserlo nel 2014 (quando venne eletto sindaco), la sfida poteva e doveva essere quella ridare una prospettiva, un senso, una direzione, allo sviluppo e quindi al futuro della città. Ciò non è avvenuto.

Il sogno infranto di potere avere oggi una città ricucita sull'asse nord sud e riqualificata lungo l'asse della fascia ferroviaria nord, non è stato sostituito da altri sogni. Ed è così che anche i pochi progetti che si sono sviluppati (dal sottopasso ex Benfra alla riassetto della mobilità della porta nord per fare qualche esempio), appaiono come sono: scollegati tra di loro e da un contesto che in 20 anni si è trasformato e che ha trasformato nel bene e nel male la città, ed i suoi bisogni. Una trasformazione che la politica di questi ultimi 20 anni non ha saputo leggere, interpretare e guidare in una direzione, giusto o sbagliata che fosse.
Tradendo il senso e l'obiettivo profondo della politica stessa. E questo a Modena è successo in quasi tutti i campi dell'amministrazione pubblica: da quello ambientale a quello infrastrutturale, da quello culturale a quello sociale e, non ultimo, quello urbanistico. Dove sono i costruttori privati a scegliere e a fare la politica e non, come dovrebbe essere, il contrario. Dove, certo, non tutto è stato sbagliato ma dove sicuramente si è smarrita la direzione, il senso, la prospettiva. E' in questo contesto che vanno letti i progetti dettati dalle cooperative di costruzione e non dalla volontà politica, come lo è stato anche di recente, quello dell'ex Amcm. Ed è in questa assenza di prospettiva concreta che non a caso viene rispolverato il vecchio progetto delle ex fonderie. E potremmo continuare. Sarà nella volontà e nella capacità di potere riempire questo vuoto lasciato dalla mancanza di slancio e visione di una politica che ha perso anche il proprio primato, che si misurerà la capacità del nuovo governo che la città avrà dopo le elezioni di maggio

Gi.Ga.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Il nuovo Iper Esselunga aiuterà anche gli altri negozi, Coop compresa
Politica
19 Febbraio 2019 - 08:30- Visite:50329
Percorso casa-scuola tra vegetazione, tossicodipendenti e siringhe
Societa'
25 Settembre 2018 - 13:45- Visite:1649
Accampamento abusivo nell'area dell'ex mercato: degrado senza fine
Pressa Tube
20 Ottobre 2018 - 15:49- Visite:1389
Progetto periferie: rispuntano rotatoria e strada sparite dal '99
Senza Memoria
19 Gennaio 2018 - 09:40- Visite:1095
Piano Periferie, la realtà oltre la propaganda
Politica
21 Gennaio 2018 - 03:28- Visite:1072
Ex Mercato: sulla palazzina 'comunale' spunta striscione anti-degrado
Societa'
24 Ottobre 2018 - 13:56- Visite:1048
Il Punto - Articoli Recenti
Ripresi sbarchi e attività ONG: con ..
Picco negli sbarchi negli ultimi giorni. Gli hub tornano a riempirsi e a Modena, con bandi ..
15 Ottobre 2019 - 15:30- Visite:1114
Muzzarelli che sfila al Friday for ..
Il sindaco di Modena ha dato l'ok alle 550 case a Vaciglio, ha spinto la Bretella, è stato ..
30 Settembre 2019 - 21:31- Visite:3010
Modena, quattro eredi per il duca ..
Andrea Bosi, Ludovica Ferrari, Giulio Guerzoni e Andrea Bortolamasi guardano già alla ..
28 Settembre 2019 - 19:09- Visite:5823
Cinque Stelle e ambientalisti, così ..
E i Verdi, con le loro battaglie anti-Bretella, sono in maggioranza, esprimono addirittura ..
26 Settembre 2019 - 23:33- Visite:851

Onoranze funebri Gibellini

Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:57493
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:43962
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:27871
Voragine Coop Alleanza 3.0: ..
L'operazione finanziaria che ha trasformato gli immobili in titoli quotati ha consentito di ..
09 Maggio 2018 - 14:47- Visite:23702