GIFFI NOLEGGI
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
articoliIl Punto

I sacerdoti del 'Slava Ukraïni' ora attaccano anche il mite portavoce di Muzzarelli

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ogni minimo dissenso per i giacobini della 'Nato ora e sempre' è da leggersi non come libera espressione, ma come un verbo prezzolato direttamente dallo zar Vladimir, principe delle tenebre e signore del Male, nemesi della bontà rappresentata da Volodymyr, il più amato dagli italiani e dalla premier Meloni in testa


I sacerdoti del 'Slava Ukraïni' ora attaccano anche il mite portavoce di Muzzarelli
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Non basta aver ottenuto la cancellazione di un evento pubblico in una sala regolarmente affittata, evento peraltro già realizzato in modalità simili senza alcuna polemica in passato. Non basta aver costretto il sindaco di Modena a una imbarazzante piroetta e a una forzatura del Regolamento comunale. I sacerdoti del 'Slava Ukraini', dell''armiamo l'Ucraina fino ai denti e fino all'ultimo giorno di vita sulla faccia della terra', della 'Pace che si ottiene solo con missimi e carri armati', ora se la prendono anche con il mite portavoce del sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli. La compagine che va da Fdi al Pd, passando per Azione e Forza Italia è coesa e senza dubbi di sorta: o si è con Zelensky anima e corpo, o si adora la sua icona in maglietta o si merita di bruciare nella Geenna della perdizione eterna.

Non esistono sfumatore, non esiste dialogo.



La vittima di cotanta foga stavolta è Stefano Bellentani. Giornalista 44enne, da sempre al fianco di Muzzarelli dai tempi dell'assessorato in Regione Emilia Romagna. Profilo basso, schivo, sempre lontano dall'apparire, moderato e mai scomposto, Bellentani ha avuto la terribile colpa di aver pubblicato su Twitter alcune riflessioni disallineate rispetto al racconto della santificazione di Zelensky. Nessuna difesa del leader russo, sia chiaro (e ci mancherebbe), ma semplicemente qualche lieve ombra sulla politica dell'Ucraina.

Tanto è bastato ieri per ricoprire il dottor Bellentani di critiche sui social, di accuse di filoputinismo e di retropensieri sulla sacrosanta scelta iniziale di Muzzarelli (poi smentita) di non negare la sala all'evento dell'associazione filorussa. Una raffica di attacchi, sfociati in richieste di dimissioni (e perchè non la lapidazione?), tale da averlo costretto a chiudere il suo profilo social.


Ma cosa aveva detto di così grave Bellentani? 'L’Ucraina è pronta per entrare in Ue, tranne qualche piccolo dettaglio: i partiti di opposizione sono stati sciolti, c’è già la legge marziale, i confini non sono sotto controllo, la corruzione è diffusa a ogni livello di governo, sarebbe per distacco il paese più povero' - ha scritto ad agosto 2023 il portavoce del sindaco. E ancora un mese fa: 'Zelensky è passato da ‘vinceremo la guerra’ a ‘nonostante gli insuccessi l’Ucraina non si arrenderà. Non ci stiamo ritirando, sono soddisfatto, tuttavia stiamo perdendo persone, e di questo non sono soddisfatto’. Purtroppo per il popolo ucraino, è stato ingannato e sappiamo da chi'. E tre giorni fa: 'Zelensky sta mandando al fronte disabili e malati gravi (ciechi da un occhio, parkinson, mani paralizzate)...'.

Parole che appaiono più come notizie che come commenti, ma tanto è bastato. Contro il furore del politicamente corretto non vi è scampo. Contro l'idea che l'unico modo per ottenere la Pace sia distruggere la Russia intera nulla si può. Ogni minimo dissenso per tali giacobini della Nato ora e sempre è da leggersi non come libera espressione, ma come un verbo prezzolato direttamente dallo zar Vladimir, principe delle tenebre e signore del Male, nemesi della bontà rappresentata da Volodymyr, il più amato dagli italiani e dalla premier Meloni in testa.
E di tutto questo, anche il mite Stefano Bellentani ne ha fatto le spese.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena, rebus candidato centrodestra:..
Massimo Mezzetti, annunciato come candidato primo cittadino dal Pd a metà gennaio, è già ..
16 Febbraio 2024 - 13:27
Voto Modena, il vero avversario di ..
Il primo punto di debolezza del centrosinistra è rappresentato proprio dalla sua forza. Su ..
14 Febbraio 2024 - 15:28
Carpi, primo duello Righi-Taurasi: ai..
Taurasi ha pagato l’isolamento di fatto dall’amministrazione e dal PD che sta ..
13 Febbraio 2024 - 21:07
Centrodestra: Modena, Carpi, ..
I leader provinciali Michele Barcaiuolo, Antonio Platis e Guglielmo Golinelli impegnati in ..
12 Febbraio 2024 - 10:55
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58