La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Il dissesto di Cna è il fallimento del sistema associativo

La Pressa
Logo LaPressa.it

Con la nascita della Cna servizi srl si butta a mare un preziosissimo patrimonio associativo, sindacale e politico. Così l'associazionismo diventa 'nano'


Il dissesto di Cna è il fallimento del sistema associativo

C'era una volta un sistema di Associazioni di categoria che, cercando di rappresentare al meglio le istanze del tessuto economico-produttivo, ha contribuito, nell'interesse generale, alla costruzione di condizioni di prosperità economica e sociale diffusa in terra modenese.

Questa fotografia, questo mondo non esiste più da tempo. Il colpo finale, quello mortale, gli è stato dato dalla crisi economico-finanziaria - ben descritta da questo quotidiano e prima ancora da Prima Pagina - che ha condotto ad uno stato pre-fallimentare la CNA di Modena, oggi del presidente Claudio Medici (nella foto). E che avrà uno sbocco apparentemente scontato, peraltro fortemente caldeggiato dal commercialista di riferimento del Partito Democratico (Domenico Trombone, ndr) e dalla banche esposte verso Cna servizi: quello della creazione di una S.R.L. Un epilogo drammatico. Non solo per le ricadute occupazionali che porterà con sé, considerando il fatto che nel trasferimento del ramo d'azienda da Cna servizi alla S.R.L. una parte del personale sarà lasciato a casa. Ma soprattutto perché trasformare Cna, la casa per eccellenza delle piccole e medie imprese modenesi, in una società privata del tutto simile ad uno studio di commercialisti, equivale a buttare a mare un preziosissimo  patrimonio associativo, sindacale e politico.

CNA, preme ricordarlo, è stata fino a pochi anni fa una sorta di istituzione, un punto fermo del mondo della rappresentanza. A cui si pone fine, per quanto riguarda Cna servizi, con la neo-costituita S.R.L., messa (potenzialmente tra qualche anno) nelle mani non già di migliaia di imprenditori affiliati, ma ai segretari e a qualche imprenditore gradito dalle banche. Un fatto grave, che però è solo la punta dell'iceberg di un processo di destrutturazione, che da tempo investe tutto il mondo della rappresentanza imprenditoriale. Mondo che ha progressivamente perso credibilità nei confronti delle imprese, prima ancora che verso le Istituzioni, affetto come è da almeno un decennio da una profonda crisi di identità. Che classi dirigenti incapaci, superficiali ed incompetenti non hanno voluto e saputo affrontare prontamente.

E' una crisi simile a quella che vivono i partiti da un ventennio e che ha provocato l'allontanamento delle Associazioni dal proprio Dna: rappresentare le ragioni delle imprese e creare un contesto favorevole perché, nell'interesse generale, le stesse imprese possano insediarsi, crescere e generare benessere non solo meramente economico. Un mestiere difficile, questo, reso ancora più complicato da evoluzioni globali, che le Associazioni, forse con l'unica eccezione di Confindustria, non sono state in grado di decifrare. Con la conseguenza che la distanza tra le Associazioni stesse, i suoi ristretti e sempre più autoreferenziali gruppi dirigenti e l'universo delle imprese è diventata siderale. Le repentine giravolte dell'economia e la fase recessiva degli ultimi otto anni hanno fatto il resto: accelerare le difficoltà sul piano più squisitamente economico-finanziario, facendo, come nel caso di CNA, degenerare il quadro. Col risultato che le stesse Associazioni, definite già negli anni precedenti la grande crisi cominciata nel 2008 “giganti con i piedi di argilla”, stanno velocemente diventando nane, ma soprattutto sempre più ininfluenti nello scacchiere politico, economico e sociale. Ridotte come sono ad esercitare una mera funzione di erogazione di servizi basici ai propri associati o a sostenere battaglie in nome e per conto di interessi e attori “privati”.

La paradossale presa di posizione di Cna a favore della contestata costruzione di 550 abitazioni nel comparto Vaciglio-Morane, come è noto, non è una battaglia per far lavorare i propri artigiani associati – che peraltro trarrebbero molte più soddisfazioni monetarie da progetti di rigenerazione urbana -, ma per difendere l'altra speculare partita: quella relativa all'insediamento di altre 350 abitazioni, di cui è capofila Mauro Galavotti, sempiterno presidente del consorzio di imprenditori edili di Cna e uomo forte nella malconcia associazione di via Malavolti.

La crisi di identità delle Associazioni, a cui si lega e da cui in parte consegue una fragilità economico-finanziaria, ha poi un'altra faccia. Che tocca il rapporto con la politica. A cui le Associazioni sono sempre più subalterne, utilizzate come sono con sempre maggiore frequenza dalla politica alla stregua di gregari o stampelle per processi e scelte politiche su cui le Associazioni stesse non riescono ad esercitare alcuna influenza.

Un quadro, questo, oltremodo preoccupante se pensiamo che la subalternità ed il gregarismo colpiscono Associazioni come Lapam o Ascom Confcommercio. Organizzazioni che hanno fondato la propria ragione d'essere e, fino ad alcuni anni fa, la propria autorevolezza, proprio sulla equidistanza dalla politica, su un rapporto dialettico con essa. Oltre che sul netto rifiuto di logiche collateralistiche o addirittura di “asservimento”, tipiche di altre Associazioni di categoria da sempre più allineate al potere locale modenese, di cui la stessa Cna, assieme a Legacoop e Confesercenti costituiscono gli esempi più lampanti.

Eli Gold



Eli Gold
Eli Gold

Dietro allo pseudonimo 'Eli Gold' un noto personaggio modenese che racconterà una Modena senza filtri. La responsabilità di quanto pubblicato da 'Eli' ricade solo sul dirett..   Continua >>



Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:129096
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:90615
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:43937
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:40697
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:40419
Grandinata devastante su Modena: danni alle auto e alberi abbattuti
La Nera
22 Giugno 2019 - 15:59- Visite:34758
Il Punto - Articoli Recenti
Ripresi sbarchi e attività ONG: con ..
Picco negli sbarchi negli ultimi giorni. Gli hub tornano a riempirsi e a Modena, con bandi ..
15 Ottobre 2019 - 15:30- Visite:658
Muzzarelli che sfila al Friday for ..
Il sindaco di Modena ha dato l'ok alle 550 case a Vaciglio, ha spinto la Bretella, è stato ..
30 Settembre 2019 - 21:31- Visite:2999
Modena, quattro eredi per il duca ..
Andrea Bosi, Ludovica Ferrari, Giulio Guerzoni e Andrea Bortolamasi guardano già alla ..
28 Settembre 2019 - 19:09- Visite:5812
Cinque Stelle e ambientalisti, così ..
E i Verdi, con le loro battaglie anti-Bretella, sono in maggioranza, esprimono addirittura ..
26 Settembre 2019 - 23:33- Visite:830

Onoranze funebri Gibellini

Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:57470
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:43937
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:27720
Voragine Coop Alleanza 3.0: ..
L'operazione finanziaria che ha trasformato gli immobili in titoli quotati ha consentito di ..
09 Maggio 2018 - 14:47- Visite:23680