La vivacità di Negrini contro la gentil presunzione di Mezzetti
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

La vivacità di Negrini contro la gentil presunzione di Mezzetti

La Pressa
Logo LaPressa.it

Una credibilità, quella di Luca Negrini, la cui forza paradossalmente appare aumentare quanto più prende le distanze dai partiti e leader che lo hanno scelto


La vivacità di Negrini contro la gentil presunzione di Mezzetti
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Dopo la presentazione di ieri il Pd di Massimo Mezzetti può dire di avere trovato il proprio avversario in vista del voto di giugno. Luca Negrini ha lanciato la sua campagna elettorale senza timori reverenziali. Con una vivacità a tratti ingenua, ma credibilmente sincera, ha presentato se stesso senza a fianco padrini politici di caratura nazionale. Al di là dei rappresentanti regionali dei partiti del centrodestra che sostengono la sua candidatura, non ha infatti chiesto la presenza di personalità di rilievo (a Carpi ad esempio la Arletti è stata affiancata per la presentazione dal capogruppo alla Camera Tommaso Foti), quasi a dire, in modo spavaldo, 'basto io'. Una risposta implicita alle critiche emerse in alcuni ambienti di centrodestra, legate prevalentemente alla giovane età. Una risposta, quasi dispettosa, a chi lo ha voluto dandola implicitamente persa.

Ma, dopo l'evento all'Rmh hotel, l'età è apparsa, viceversa, come il principale punto di forza di Negrini. Perchè a 33 anni si può ancora non solo sperare, ma credere nell'impossibile. A 33 anni si ha già la consapevolezza di quanto si rischi a scontrarsi contro i colossi del potere locale, ma si può affermare, senza accenno di retorica di 'non avere paura e che nessuno deve avere paura di aprire la finestra, chiusa da 80 anni, per far entrare aria buona'. Si può assorbire il lato visionario che fece immenso il Futurismo, senza schiacciarlo nella sua strumentalizzazione (e deriva) partitica. Si può portare un Rolex al polso, freschi di parrucchiere e coi gemelli alla camicia senza apparire pacchiani, ma quasi a deridere il falso pauperismo di chi fa riferimento a mondi economici che di Rolex hanno le cassaforti stracolme.

Una credibilità, quella di Luca Negrini, la cui forza paradossalmente appare aumentare quanto più prende le distanze dai partiti e dai leader che lo hanno scelto, al di là delle dichiarazioni ufficiali, quasi 'a perdere'. L'impressione è che più la campagna elettorale sarà legata al suo nome e al suo volto, più sarà possibile inseguire un traguardo certamente difficile, ma reso ancor più complicato dal colpevole ritardo (e non ci stanchiamo di ripeterlo) col quale si è giunti alla ufficializzazione della candidatura. Un ritardo peraltro aggravato prima dall'aver millantato la presenza di un civico mai veramente in campo, poi dall'aver dilungato, da parte dei responsabili regionali, un derby interno tra due persone serie, entrambe di livello, e fatte apparire come vittime sacrificali: lo stesso Negrini e Piergiulio Giacobazzi, il quale comprensibilmente ha sbottato davanti a questo poco edificante teatrino.

Meno la campagna elettorale sarà imbastita sotto le direttive di partito, meno verrà intessuta dalla stantia propaganda dei presunti 'big', meno sarà possibile per i suoi avversari avere appigli per criticarlo.
In fondo si tratta della stessa lezione che ha dato il deputato Daniela Dondi, la prima donna a sconfiggere il centrosinistra nel collegio di Modena: non rinnegare le proprie radici politiche, ma affrancarsi da esse, anche dai capibastone-totem, per parlare a mondi diversi, trasversali e lontani dal bacino di Fratelli d'Italia-Lega-Fi. Non a caso, infatti, la stessa Dondi sarà con ogni probabilità capolista della lista meloniana a sostegno di Negrini.

Alla vivacità, al sorriso politicamente scorretto di Negrini si opporrà a quel punto la campagna elettorale 'gentile' di Massimo Mezzetti. Una 'gentilezza' adottata come slogan, che nasconde la presunzione di credere di essere dalla 'parte giusta' della storia locale. Dalla parte che ha sempre vinto, che può permettersi di dare etichette e patenti di cittadinanza politica. Dalla parte che da decenni si spartisce il potere a tutti i livelli, riciclando nei posti che contano sempre le stesse persone, come il valzer delle nomine, che il nostro giornale ha più volte raccontato, dimostra.
La sfrontatezza di un 33enne contro la compostezza di un 61enne, certamente apprezzato e culturalmente di un livello più alto rispetto al suo predecessore, ma comunque garante di un modello di potere consolidato e rodato, conservatore e paternalista. Davide contro Golia, o più prosaicamente futuro contro passato.
Giuseppe Leonelli


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Voto a Modena: rischio del cambiamento e certezza della conservazione
Conservare un sistema che si conosce o cambiarlo accettando il rischio. Questo è il bivio. ..
01 Giugno 2024 - 14:39
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58