Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Incontro Ucraina La Pressa
articoliIl Punto

Almanacco Modena 2023: Muzzarelli una garanzia, opposizioni in ordine sparso

La Pressa
Logo LaPressa.it

Buon Anno ai nostri lettori e non solo. Buon anno in particolare a chi ha perso una sfida, perchè abbia la consapevolezza che vi è sempre un secondo tempo


Almanacco Modena 2023: Muzzarelli una garanzia, opposizioni in ordine sparso
Si chiude un 2022 che verrà ricordato a livello nazionale da un lato per il desiderio di archiviare la pandemia e dall'altro per lo spettro dell'inflazione e della crisi economica legata al caro-energia e, indirettamente, alla Guerra in Ucraina. Un 2022 nel segno politico della Destra, con la storica vittoria di Fratelli d'Italia alle elezioni di settembre.

Modena, conservatrice e sempre uguale a se stessa, immersa nel contesto nazionale, archivia il 2022 senza aver ancora trovato una pacificazione tra i fautori dell'assurdità del green pass e le indifendibili violenze verbali e vandaliche dell'estremismo no vax. E mentre l'inflazione vola al 13%, tutta la politica locale continua a ruotare intorno alla figura del sindaco Gian Carlo Muzzarelli il quale non si può dire che in questi anni non abbia mantenuto la promessa di essere 'uomo forte' dell'amministrazione.

Forse ancor più 'forte' dell'amico-rivale Bonaccini, ormai a un passo dal diventare il dominus del Pd (figuraccia punto nascita di Mirandola permettendo). Pochi i momenti di visibilità per gli assessori modenesi che mai si sono discostati dalla linea del sindaco e mai si sono permessi di levare una voce fuori dal coro: compatezza che rappresenta certamente una vittoria per il primo cittadino, ma che forse consegna una scarsa vitalità alla città stessa. Pochi anche i momenti di visibilità per le opposizioni, divise al proprio interno e in marcia in ordine sparso. Coi partiti frastagliati nei rivoli di personalismi e ambizioni di singoli, come del resto dimostra il rifiorire di monogruppi in Consiglio comunale. Fratelli d'Italia, oggi indiscusso motore della coalizione, lungi dal farsi promotore di unità tra le forze di centrodestra sembra più interessata ad andare all'incasso in termini percentuali per obbedire alle aspirazioni dei futuri consiglieri regionali, ovviamente di opposizione, e dei nominati nel sottobosco delle istituzioni che contano.


Una Babilonia politica che difficilmente potrà restituire alle prossime elezioni la presentazione di un progetto credibile e alternativo al monopolio del centrosinistra.

Un 2022 nel quale Modena ha dovuto dire addio a tanti suoi illustri cittadini e che ha pianto personaggi che ne hanno segnato la storia. Impossibile non ricordare con affetto e commozione il genio di Mauro Forghieri, il padre delle radio libere Carlo Savigni e la modenesità straripante di Ermes Rinaldi, oste per antonomasia. Un 2022 che ha strappato a Modena la classe dell'assessore Adriana Querzè, l'umanità dello storico parroco di San Pietro, don Gregorio Colosio, e il grande calciatore e mister Sergio Brighenti. Anche la nostra redazione, la nostra famiglia, è stata colpita da un grave lutto: l'addio di Patrizia, sorella dell'amico e collega Gianni Galeotti.

Persone andate avanti ma che non fanno parte del passato, viceversa ci accompagneranno nel futuro, col loro ricordo e la loro eredità. Modena si apre al 2023 e si specchia nel suo almanacco più bello, nella speranza eternamente ottimista di andare incontro a un anno più felice. Un ottimismo per il quale, ancora una volta, occorre davvero prendere lezione dal sindaco, sia in termini di entusiasmo personale, nonostante tutto, sia nella volontà di dipingere un futuro, a onor del vero anche eccessivamente roseo, in termini di orizzonti progettuali per la città. Dovrebbe essere l'anno della riqualificazione eternamente promessa del Sant'Agostino, della prosecuzione dei lavori alle ex Fonderie, dell'insediamento Esselunga all'ex Mercato (non a caso Coop è fuggita da via Canaletto, lasciando spazio a un altro marchio)... 'Non un solo soldo del Pnrr verrà sprecato', ha promesso Muzzarelli. Sarà l'anno della prova del nove della nuova raccolta rifiuti porta a porta. Ma sarà anche l'anno dell'avvio del passaggio di testimone al futuro candidato sindaco del centrosinistra il quale, nonostante la promessa di Primarie e nonostante i sogni di gloria del pur meritevole assessore Bosi, sarà quasi certamente l'assessore alla cultura Bortolamasi.

Già la cultura. E' forse questo, insieme ai nodo sicurezza e crisi economica per famiglie e imprese, il vero tallone d'Achille di una città che comunque guadagna posizioni nelle classifiche nazionali della qualità della vita, confermandosi sempre nella parte alta. La svolta impressa dall'amministrazione leghista ferrarese (forte dell'ausilio di un gigante in campo culturale come Vittorio Sgarbi) rappresenta uno smacco per chi vive all'ombra della Ghirlandina. I grandi eventi culturali, al di là del Festival Filosofia, a Modena latitano. Così come i grandi eventi musicali sono fermi al famoso 'Modena park' del rocker di Zocca. Un limite progettuale che si paga anche in termini economici e turistici e che forse non rappresenta il miglior biglietto da visita per il futuro candidato primo cittadino.

Buon Anno ai nostri lettori e non solo. Buon anno in particolare a chi quest'anno ha perso una sfida, perchè sia accompagnato dalla consapevolezza che vi è sempre un secondo tempo. Buon anno a chi lotta con la malattia, con la solitudine, con le proprie paure, con i propri abissi e le proprie croci. Buon anno a chi è alla ricerca di Dio, di un Senso e di se stesso. Perchè, per una volta, l'almanacco più bello acquistato per il nuovo anno resti tale anche tra 12 mesi.
Giuseppe Leonelli
Foto Frizio


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Punti nascita, la sconfitta di ..
Uno smacco che può pesare in modo significativo sulla sua corsa alla guida nazionale Pd. Il..
30 Dicembre 2022 - 18:33
Le nostalgie missine del presidente ..
L'impressione è che La Russa, Isabella Rauti e tanti altri, non siano elementi ..
28 Dicembre 2022 - 06:49
Modena, il discorso di fine anno del ..
Sola anche la sua giunta che non è riuscita a coinvolgere l’opposizione nemmeno su cose ..
27 Dicembre 2022 - 20:39
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58