L’amore può tutto, l’ideologia di parte no
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

L’amore può tutto, l’ideologia di parte no

La Pressa
Logo LaPressa.it

Gli attacchi al governo, i toni divisivi usati dal sindaco in fascia tricolore come macchia grigia nella festa colorata del Pride. Che mai come quest'anno ha evitato provocazioni e attacchi politici


L’amore può tutto, l’ideologia di parte no
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Il tentativo del sindaco di Modena, iniziato ieri e continuato oggi con un post sulla propria pagina FB, di portare sul piano non solo politico ma dell'attacco e dello scontro politico, il palcoscenico e i contenuti del Modena Pride, va ben oltre alla discussione sulla opportunità o meno dell’utilizzo della fascia tricolore in quel tipo di manifestazione.

Su questo fronte sindaco e giunta, per altro, dimostrarono già nei fatti, anche in occasione della manifestazione contro la bocciatura della Legge Zan e di fronte alle polemiche che ne seguirono, di non sentire ragione. Utilizzando la fascia tricolore (in quel caso fu l’assessore Baracchi ad indossarla), anche in una manifestazione di quel tipo, nella quale, cosa non di poco conto, venivano messi in discussione anche tanti aspetti di quella Costituzione che nel tricolore ha la sua espressione. Paradosso istituzionale che lasciamo alla storia.

Ciò comunque per dire che visti tali precedenti, ieri ci saremmo meravigliati del contrario. Ovvero se il Sindaco a capo del corteo si fosse presentato a titolo personale, come Giancarlo Muzzarelli, e non in nome della istituzione che rappresenta.

Quello che non finisce mai di stupire è il non fermarsi all'utilizzo pur discutibile, della fascia tricolore, eventualmente giusticandola come altri sindaci PD lo hanno fatto, con la testimonianza dell'adesione delle istituzioni alle ragioni delle manifestazioni, ma l'avere accompagnato il tutto con l’innalzamento, sia durante sia nelle ore successive al corteo, del livello dell’attacco politico, della provocazione verbale, del messaggio politicamente divisivo. Dalla testa del corteo come se Comune ed Amministrazione ne fossero non partecipanti ma promotori. Attacchi e attacchi politici, che per altro quest’anno erano di fatto totalmente esclusi, in forme e voci, nel corteo.

Noi che quel serpentone di migliaia di persone lo abbiamo seguito, documentandolo anche dall’interno, dall’inizio alla fine, non abbiamo respirato, visto, ascoltato, letto, nulla di quanto ha paventato il sindaco. L’attacco politico, la divisione, la contrapposizione si è ridotta ed è stata alimentata solo dalle sue parole. Quelle di Giancarlo Muzzarelli in fascia tricolore.

Dirottando forzatamente sui binari della critica al governo e alla destra (ormai identificabile nella logica divisiva del sindaco a tutto ciò che non è di sinistra), i contenuti plurali e non divisivi del Pride, paventando una deriva omofoba e orbaniana a cui la destra avrebbe inesorabilmente indirizzato il paese, dividendo buoni e cattivi, con un messaggio esclusivo, il sindaco in fascia tricolore ha affermato l’esatto contrario del messaggio di apertura, di distensione, di inclusione e di libertà che quel corteo colorato ha inteso esprimere. Nella piena libertà di farlo. E al di là delle opinoni. Senza contro ma con tanti pro. Quest'anno più che in altri.

E’ come se una macchia istituzionalmente stonata e politicamente grigia avesse offuscato la libera e trasparente espressione di una manifestazione che si è sostanziata in festa colorata gioiosa e sobria come non mai, anche nelle forme. Senza cartelli e frasi di odio o di dileggio politico, e che voleva, pur nelle sue connotazioni di parte, essere di tutti e per tutti. Quantomeno formalmente. Esprimendo con tono deciso, ma comunque rispettoso, le proprie posizioni. Come detto, l’attacco politico, i toni e i termini divisivi, la contrapposizione, si sono ridotte e isolate nelle parole del sindaco in fascia tricolore.

Difficile capire se questo utilizzo politico del Pride, da parte del sindaco PD, sia avvenuto, pur al netto del clima elettorale, in modo strumentalmente consapevole o banalmente inconsapevole. Fatto sta che Muzzarelli ha espresso nei modi, nei toni e nei termini, paradossalmente proprio ciò che ha ripetutamente contestato a quella che lui chiama destra. Discriminazione, esclusione, contrapposizione. Esponendosi, inoltre, ad una pericolosa deriva concettuale: targare l’identità sessuale e di genere e la difesa dei diritti con l’appartenenza politica, la difesa dei diritti della persona, dell’individuo e della famiglia, come battaglia di parte, di una parte. Come se l’essere gay o trans, bisex, ma soprattutto la difesa dei loro diritti e delle persone che sono prima di tutto persone ancora prima della parcellizzazione di genere sintetizzata nel LGBTQ+, fosse cosa di destra o di sinistra. Come se in quel corteo ci fossero persone di una certa parte, gli unici, insieme a lui, ad avere l’esclusiva ed il patentino di difensore dei diritti.
Confondendo il piano politico con quello istituzionale, il piano individuale con quello collettivo, il piano morale con quello ideologico. Con l’improbabile tentativo finale di sanare il tutto con l’espressione, anch’essa ridotta e svilita a slogan politico ‘L’amore può tutto’. O quasi, diremmo noi. Visto che il potere di affrontare discussioni e temi così delicati e trasversali senza agitare volutamente lo scontro politico sembra ancora obiettivo lontano. Anche in nome dell’amore.

Gi.Ga.

Gianni Galeotti
Gianni Galeotti

Nato a Modena nel 1969, svolge la professione di giornalista dal 1995. E’ stato direttore di Telemodena, giornalista radiofonico (Modena Radio City, corrispondente Radio 24) e consiglie..   Continua >>


 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Voto a Modena: rischio del cambiamento e certezza della conservazione
Conservare un sistema che si conosce o cambiarlo accettando il rischio. Questo è il bivio. ..
01 Giugno 2024 - 14:39
Carpi, dal presidente Aimag uscita scomposta contro la Medici
Dove sarebbe il 'danno patrimoniale, economico, reputazionale' nel sostenere, anche errando,..
30 Maggio 2024 - 17:09
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58