Lavoro, non c'è nulla da festeggiare: a cantare Bella ciao è rimasto solo chi ha potere
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
rubrichePressa Tube

Lavoro, non c'è nulla da festeggiare: a cantare Bella ciao è rimasto solo chi ha potere

La Pressa
Logo LaPressa.it

I lavoratori veri hanno ben poco da festeggiare. Loro lo sanno bene che l'Italia è l’unico paese Europeo in cui i salari non sono cresciuti negli ultimi 20 anni


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Risuonano a Modena come in Italia, come ogni Primo Maggio, le note di Bella Ciao, i saltelli dei parlamentari di centrosinistra davanti al palco, i sorrisi con le fasce tricolori, il battito delle mani e l'enfasi nei discorsi dei sindacalisti. E' la festa del lavoro, della dignità, degli operai e della lotta di classe mai tramontata...

Risuona la retorica del pugno sinistro alzato e vibrano nell'aria gli appelli all'ennesima 'ultima chiamata', il dito puntato al Governo di turno, meglio se di centrodestra, e la volontà - a livello locale - di differenziarsi. Di dire che qui, in questo caso in Emilia Romagna, è meglio. 'In Emilia-Romagna il tasso di occupazione è arrivato al 75% e quello di disoccupazione è sceso ora al 5%, quasi fisiologico' - esulta Stefano Bonaccini nell'ennesimo bulimico post su Facebook.


Eppure a prenderle alla lettera le parole dei sindacalisti scaldano il cuore, pesano come macigni. 'La nostra – dice il segretario della Cgil Maurizio Landini – è una Repubblica purtroppo fondata sullo sfruttamento del lavoro, sulla precarietà, sul fatto che si può essere poveri anche lavorando'. Tutto vero. E quindi? Quindi il peso della denuncia evapora sulle note di canti che vedono in prima fila le istituzioni e sullo sfondo sempre meno operai. Che dare la colpa alla pioggia non è davvero sufficiente...

Perchè loro, i lavoratori veri, hanno ben poco da festeggiare. Loro lo sanno bene che l'Italia è l’unico paese Europeo in cui i salari medi non sono cresciuti negli ultimi 20 anni, lo sanno che l'evasione fiscale è di circa 100 miliardi all'anno, lo sanno che con un'inflazione formale all'11%, reale al 25%, non c'è alcuna dignità ad avere uno stipendio di 1300 euro al mese per 40 ore settimanali in fabbrica.


Lo sanno che in Italia si muore di lavoro perchè la sicurezza viene spesso dopo il profitto, che per avere la pizza calda a casa si accetta di dare 50 centesimi di mancia a un nuovo schiavo con caschetto e giubbottino giallo e che l'illegalità, la mafia, gongola davanti a questa indecente corsa al ribasso.

Loro lo sanno, quando pagano bollette fuori da ogni logica, la benzina a due euro, così come un litro di latte. E non basta il teatrino che vede da una parte le promesse di un Governo che si riunisce proprio il Primo Maggio e dall'altra i sindacati che lo criticano perchè devono farlo. Non basta perchè di 'simboli' chi arriva alla fine del mese, facendo i salti mortali, ne ha piene le tasche. Tasche vuote con le quali tirare avanti famiglia e figli, quando si ha ancora il coraggio o la follia di farli. Perchè se il lavoro non garantisce una vita decente, allora non c'è proprio nulla da festeggiare.

E mentre il Capo dello Stato afferma che 'non bisogna arrendersi all’idea del lavoro povero e che la remunerazione deve permettere una esistenza dignitosa', i lavoratori veri non hanno nemmeno il tempo di chiedersi cosa significhi arrendersi. I parlamentari che gridano nelle piazze garantendo di essere al loro fianco guadagnano più di 10mila euro al mese, anche il sindaco e il presidente della Provincia si sono visti raddoppiare i compensi con l'ultima riforma. Per restare in Emilia Romagna il presidente di Hera lo scorso anno ha guadagnato 773mila euro, l'ad di Bper ne ha guadagnati 2,1 milioni. Dicono che questo è solo popolusimo, che non si fanno i conti in questo modo, che la logica del mercato va rispettata... Ma a dirlo però sono sempre coloro che tutti questi soldi li prendono davvero.
E intanto a cantare Bella ciao è rimasto solo chi ha potere... 
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Ozonoterapia 1
Articoli Correlati
Ma parliamo di gatti…
Le Vignette di Paride
01 Maggio 2024 - 09:41

Pressa Tube - Articoli Recenti
Candidati sotto La Pressa: rivedi il 'faccia a faccia' Negrini-Mezzetti
Partecipato incontro alla polisportiva di Albareto di Modena con i candidati sindaco ..
30 Maggio 2024 - 03:20
Urbanistica, famiglia e sicurezza: Bignardi e Rossini a confronto
Al centro del confronto, moderato dal direttore de La Pressa Giuseppe Leonelli, anche i temi..
23 Maggio 2024 - 21:54
Voto Mirandola: il video del confronto davanti a 400 persone
Al termine del confronto spazio alle domande dal pubblico e, a quel punto, la serata si è ..
17 Maggio 2024 - 16:05
'Così Cigarini infanga ancora l'onorabilità di Pagliani'
Andrea Galli: 'Si è permesso di ripescare quelle accuse, false, adombrando ancora ..
14 Maggio 2024 - 16:54
Pressa Tube - Articoli più letti
Esplodono i contagi: è il fallimento totale del Green Pass
Si continua viceversa la caccia al no-vax (il quale per ora continua a non infrangere alcuna..
29 Dicembre 2021 - 12:03
No al green pass, lavoratori uniti: 'Diciamo no al lasciapassare'
'L'articolo 1 della Costituzione oggi viene superato da un decreto che subordina il diritto ..
01 Ottobre 2021 - 21:13
'Green Pass, traditi da Stato e sindacato, appello ai lavoratori: unitevi per i diritti di tutti'
I lavoratori di CNH senza Green Pass, a cui è negata la mensa, hanno ricevuto la ..
23 Settembre 2021 - 13:17
'Non tornerò al lavoro finchè sarà necessario il Green Pass'
La testimonianza di Maria Sole Lanè, referente del gruppo 'La gente come noi' Emilia ..
24 Marzo 2022 - 12:08