Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliIl Punto

L'azzardo, il tutto per tutto è riuscito, Muzzarelli ha vinto e ha vinto Modena

La Pressa
Logo LaPressa.it

La follia di portare a due passi dal centro storico 220mila persone è riuscita. Nessun incidente. Città ripulita già dalle prime ore dell'alba. E una festa memorabile al parco. Il sindaco ha rischiato e ha vinto. Merito di una organizzazione praticamente perfetta, delle forze dell'ordine e dei modenesi. Ma l'ultimo responsabile era Muzzarelli: fosse andato male avremmo tutti puntato il dito contro di lui. E' andata bene, benissimo: gli va dato atto


  • L'azzardo, il tutto per tutto è riuscito, Muzzarelli ha vinto e ha vinto Modena
  • L'azzardo, il tutto per tutto è riuscito, Muzzarelli ha vinto e ha vinto Modena
  • L'azzardo, il tutto per tutto è riuscito, Muzzarelli ha vinto e ha vinto Modena
  • L'azzardo, il tutto per tutto è riuscito, Muzzarelli ha vinto e ha vinto Modena
  • L'azzardo, il tutto per tutto è riuscito, Muzzarelli ha vinto e ha vinto Modena
  • L'azzardo, il tutto per tutto è riuscito, Muzzarelli ha vinto e ha vinto Modena
  • L'azzardo, il tutto per tutto è riuscito, Muzzarelli ha vinto e ha vinto Modena
  • L'azzardo, il tutto per tutto è riuscito, Muzzarelli ha vinto e ha vinto Modena
  • L'azzardo, il tutto per tutto è riuscito, Muzzarelli ha vinto e ha vinto Modena

Non ci sono carri del vincitore su cui salire. Noi rimaniamo a terra ad osservare e ad applaudire, onestamente, l'amministrazione e l'organizzazione di un evento che alla vigilia abbiamo giudicato folle, ma che è riuscito perfettamente. Avevamo parlato di follia nell'organizzare un concerto da 220mila persone a due passi dal centro storico e ne restiamo convinti. Avevamo benedetto paradossalmente quella follia, sperando potesse scuotere Modena e cancellare paure e sicurezze fasulle di ciascuno.

Mai messo in discussione Vasco, ma l'idea di portarlo sotto al Ghirlandina appariva megalomane. Così come strumentali i complimenti dello stesso rocker al sindaco. Un balletto ben poco rock.

Follia invece non è stata. E' stato un evento perfetto. Memorabile e organizzato nei dettagli. Un evento rock e sano (al netto della manfrina della raccolta differenziata di Hera completamente fallita). Sano nel senso pieno del termine.

Il sindaco Muzzarelli, avevamo detto, sul primo luglio aveva scommesso tutto. Una carriera intera. Come un giocatore d'azzardo aveva deciso di puntare tutto se stesso su una notte. 

Se avesse perso avremmo tutti parlato di sconfitta del sindaco, se qualcosa fosse andato male la città intera ne avrebbe chieste le dimissioni. Tutto è andato bene invece. Tutto, al di là delle più rosee previsioni, e allora è giusto riconoscere al sindaco la vittoria. E' una vittoria della città certo: dell'organizzazione, delle forze dell'ordine e dei modenesi. Ma è prima di tutto una vittoria di chi ha voluto questo: Gian Carlo Muzzarelli.

Al di là degli slogan penosi della 'vittoria sulla paura', che le paure sono altre, al di là della politica e della inevitabile strumentalità, al di là dei disagi e della notte di bivacchi in centro (normali da mettere in conto e gestiti senza problemi). E' una vittoria piena. E possiamo andarne orgogliosi tutti. Anche chi non sale su carri di vincitori o perdenti.

Una Modena dove restano i problemi di sempre, dove gli spari sopra continuano a colpire i soliti... ma se parliamo del concerto di Vasco dobbiamo applaudire. 

Una Modena che stamattina si è risvegliata ripulita e solare. Come se nulla o quasi fosse successo. Anzi, come se fosse successa una meraviglia, come una notte di lunghissimi abbracci. Dai quali alzarsi rinati. E rifare il letto, cambiare le lenzuola, spalancare le finestre è bello.

Non c'è nulla da aggiungere.

Giuseppe Leonelli




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Giuseppe Leonelli
Giuseppe Leonelli

Direttore responsabile della Pressa.it.
Nato a Pavullo nel 1980, ha collaborato alla Gazzetta di Modena e lavorato al Resto del Carlino nelle redazioni di Modena e Rimini. E' stato ..   Continua >>


 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Dalla Von der Leyen un attacco alla ..
Oggi la democrazia italiana appare per quello che è: un cartonato a due dimensioni che ..
23 Settembre 2022 - 18:55
La propaganda elettorale dal balcone ..
Dalla pagina Facebook da sindaco, invita a partecipare all'evento di chiusura della campagna..
22 Settembre 2022 - 14:01
Il Credo storpiato di Salvini: ..
Di quella energia, pur disillusa, oggi cosa resta? Esattamente quale sarebbe il 'Credo' ..
22 Settembre 2022 - 11:33
Modena, qui partito e istituzioni ..
A 10 giorni dal voto nazionale quello tenutosi ieri sera è stato un incontro utile a ..
14 Settembre 2022 - 11:01
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58