Le fasce e la mangiatoia
  Villa La Personala
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
  Villa La Personala
articoliIl Punto

Le fasce e la mangiatoia

Data: / Categoria: Il Punto
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Gli auguri di Natale del vescovo di Modena Erio Castellucci


Le fasce e la mangiatoia
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

«Lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia» (Luca 2,7). Due espressioni di tenerezza – la madre che fascia il neonato e lo deposita nella mangiatoia – sono i primi gesti che Gesù riceve da Maria appena viene al mondo. Il Figlio di Dio non ha voluto saltare la fase primordiale della vita umana: il concepimento, la gestazione, il parto, le cure iniziali. Non ha voluto diventare subito attivo, ma ha voluto attraversare quella passività che segna l’inizio di ogni esistenza. Noi parliamo infatti delle nostre origini in forma passiva: siamo stati concepiti, siamo stati portati in grembo, siamo stati accolti, ci hanno alimentato, ci hanno curato, siamo stati amati o forse sopportati… è una passività fragile e preziosa.

Passività fragile, perché siamo stati consegnati nelle braccia di altri proprio nei momenti più delicati della nostra esistenza, quelli nei quali assorbivamo ogni carezza e ogni incomprensione, quelli nei quali si stampavano nel nostro essere i tratti essenziali della nostra futura personalità. E proprio quei momenti decisivi non erano in nostro potere, non li avevamo in mano; eravamo totalmente esposti all’azione di altri. La fragilità del piccolo Gesù è il simbolo e il punto di raccolta di tante, troppe fragilità dei piccoli di tutti i tempi. Molti esseri umani non vedono la luce, a volte per motivi naturali e altre volte per l’intervento degli adulti: spuntano ma non fioriscono; altri bimbi nascono ma vengono abbandonati o maltrattati; altri vivono in condizioni di estrema povertà e denutrizione o condividono il disagio della guerra e della migrazione insieme alle loro famiglie e a volte perfino da soli.

Vi sono bimbi che soffrono per le divisioni dei loro genitori o che subiscono emarginazione e rifiuto, trascuratezza e violenza.

Passività fragile dunque, anche preziosa però, poiché ha inciso nel nostro corpo e nel nostro animo una legge dura ma fondamentale: tu non sei completamente tuo, tu dipendi, tu sei essenzialmente legato. Noi non abbiamo operato nemmeno la scelta principale della nostra vita, quella di essere al mondo; non abbiamo selezionato il tempo e il luogo in cui vedere la luce, le persone da cui nascere, la lingua e la cultura in cui crescere. Che lo vogliamo o no, siamo dipendenti da altri. È un dato prezioso perché ci rende per tutta la vita bisognosi di relazione. Senza questa esperienza originaria di passività, ci illuderemmo di essere autosufficienti e dipendere solo da noi stessi. Invece sappiamo – perché è stato inciso fin dall’origine nel nostro essere – di dipendere da altri. È un legame difficile da accettare: per questo l’uomo ha sempre avuto una tentazione di onnipotenza, tentando di appropriarsi completamente della propria vita, dai primi agli ultimi istanti.

Questa condizione preziosa di fragilità ha un nome: siamo figli. Non tutti sono fratelli o sorelle – esistono i figli unici – e nemmeno tutti diventano padri o madri; di conseguenza non tutti saranno nonni e non è detto nemmeno che uno abbia dei cugini o divenga zio o cognato. L’unica condizione che invece accomuna tutti coloro che sono al mondo, nessuno escluso, è la qualifica di figlio. Dunque, tutti siamo marcati fin dall’inizio dalla fragile e preziosa passività: anche il Figlio di Dio che diventa figlio di Maria. Il Natale ci aiuti a vivere serenamente il nostro legame di figli e ad esprimerlo nella tenerezza e nella cura verso tutti gli altri figli, specialmente quelli che rischiano di soccombere nella loro fragilità.

+ Erio Castellucci


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Magia Bonaccini: ora smentisce anche l'aver mandato l'Emilia Romagna al voto anticipato
Elena Ugolini, ha fatto notare come Bonaccini stesso abbia costretto con la sua scelta di ..
20 Luglio 2024 - 13:55
Borsellino, 32 anni fa la strage: dire no alla mafia deve diventare conveniente
Lottare contro le infiltrazioni mafiose, dire no a ogni tentativo di scorciatoia non deve e ..
19 Luglio 2024 - 16:56
Regionali, Pd: Muzzarelli punta al bersaglio grosso, assessorato alla sanità
Intanto in casa Pd preme Ludovica Carla Ferrari, forte di un possibile ticket col sindaco ..
17 Luglio 2024 - 20:52
Regionali, De Pascale contro Ugolini: il Pd deve far dimenticare la fuga di Bonaccini
Bonaccini, come tutti ricordano, aveva promesso non più di un anno fa che sarebbe rimasto ..
13 Luglio 2024 - 13:30
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58