L'orrore del green pass è finito: tutti i medici tornano in corsia. Giornata di festa
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

L'orrore del green pass è finito: tutti i medici tornano in corsia. Giornata di festa

La Pressa
Logo LaPressa.it

Da domani ci sarà tempo per analizzare e cercare le responsabilità attraverso la Commissione d'inchiesta già annunciata da Fdi, ma oggi, 28 ottobre 2022, abbiamo tutti la possibilità di guardare oltre


L'orrore del green pass è finito: tutti i medici tornano in corsia. Giornata di festa
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Quella di oggi è stata una bella giornata. Un pensiero commosso ai tanti medici ancora sospesi per aver fatto una scelta che ritenevano, in coscienza, giusta. Ai medici che hanno continuato a ritenersi tali, nonostante le offese di una follia chiamata 'green pass'. Un pensiero e un abbraccio virtuale ai medici che hanno visitato a casa centinaia di pazienti durante i primi mesi allucinanti della pandemia e che, invece di essere premiati, si sono sentiti dire dal Governo che erano sbagliati, che le spalle sulle quali andava addossato il fardello della colpa erano le loro. In particolare, un pensiero di vicinanza e affetto va a una dottoressa che dopo aver accettato due inoculazioni, ha rifiutato la terza a fronte di effetti avversi e che per questo è stata cacciata dal lavoro.

E' finita, verranno tutti reintegrati prima della scadenza della 'punizione': lo ha detto oggi il ministro della salute.


E' finita.
Il Governo italiano ha deciso di cancellare le scelte folli fatte dal Governo Draghi: alle parole nette di condanna del presidente del Consiglio nel discorso alle Camere sulla Fiducia sono seguiti i fatti.

Un pensiero anche a tutti i medici che hanno accettato, a volte condividendole a volte obtorto collo, le norme sanitarie imposte dal Governo e hanno continuato a lavorare in corsia facendosi carico della assenza dei colleghi cacciati.
I medici, gli italiani, i bambini di 12 anni e le loro famiglie non meritavano questi mesi di orrore. Gli italiani non meritavano di essere messi gli uni contro gli altri. Vaccinati contro non vaccinati, possessori del Green pass contro i cosidetti 'sorci'. Non vi sono state vittime e carnefici. No, vi sono state solo vittime.

Vittime che hanno subito le offese e vittime che le hanno pronunciate quelle offese, aderendo, magari in buona fede, a una norma che ha aperto un abisso e che ha spaccato in due la società. E ancora vittime che - certamente sbagliando - all'interno di piazze perlopiù pacifiche si sono lasciate andare a imbrattamenti e proteste violente, spesso strumentalizzate da qualche capopopolo desideroso di visibilità e consensi elettorali. 

Ma oggi è una bella giornata. E' una giornata di pacificazione che, certo, non cancella il male fatto, non cancella mesi di comunicazione a senso unico e non può rappresentare un colpo di spugna su chi ha voluto rendere l'Italia modello negativo di discriminazione. Da domani ci sarà tempo per analizzare e cercare le responsabilità attraverso la Commissione d'inchiesta già annunciata da Fdi (qui), ma oggi, 28 ottobre 2022, abbiamo tutti la possibilità di guardare oltre. E' una giornata di commozione e di liberazione. E va festeggiata.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Voto a Carpi, il possibile flop di Azione inquieta Righi
Non solo, la campagna elettorale di Righi è saldamente nelle mani dei soliti noti, seppur ..
18 Maggio 2024 - 12:58
Modena, la campagna elettorale del fair play (forse troppo)
Mezzetti ha da guadagnare maggiormente da questa campagna elettorale 'soft'. Per questo, ..
15 Maggio 2024 - 07:03
Voto a Carpi: ecco come finirà. Non serve la sfera magica
Righi arriverà a sfiorare addirittura il 60% di voti potenziali. Annalisa Arletti si ..
14 Maggio 2024 - 14:07
Voto Modena, Negrini: da ragazzo di bottega a traino della coalizione
Un atteggiamento che ha iniziato a preoccupare anche il centrosinistra che a Modena in ..
06 Maggio 2024 - 07:26
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58