Metamorfosi 5 Stelle: o mangiare la minestra Pd o saltare la finestra
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Metamorfosi 5 Stelle: o mangiare la minestra Pd o saltare la finestra

La Pressa
Logo LaPressa.it

Incapace di sognare, all'apparir del vero il Movimento 5 Stelle ha sostituito la strategia alla profezia, la terra al sogno. Eppure erano naif e ribelli. Stropicciati e affascinanti. Ma di quella voce da innamorarsi in modo incosciente e puro, non è rimasto nulla


Metamorfosi 5 Stelle: o mangiare la minestra Pd o saltare la finestra
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

C'era una volta il Movimento 5 Stelle. Quello di Grillo e Casaleggio. Il Movimento del Pdl e del Pdl meno elle. C'era una volta il Movimento in Emilia Romagna che attaccava il sistema di potere Pd. Che faceva le pulci sulle spese e sulle consulenze, che metteva il dito nella piaga delle nomine, che chiedeva una svolta ambientale profonda, forse utopica, ma profetica e in grado di indicare una meta, un obiettivo vero. Dal no all'inceneritore al no alla cementificazione: con cartelli, slogan e provocazioni di piazza. Quel Movimento si muoveva sulle gambe di persone in carne ed ossa, coi loro limiti certo, col loro bagaglio di ideali e di illusioni, un po' giacobini e un po' maleducati, ma in buona fede. Naif e ribelli. Stropicciati e affascinanti. Da innamorarsi in modo incosciente e puro.

Sì perchè di quella esperienza si innamorarono milioni di italiani, decine di migliaia di modenesi che, infatti, regalarono il ballottaggio - prima volta nella storia - proprio a un grillino.

I tempi sono cambiati, in fretta. Sotto un cielo grigio, fatto di giornate una uguale all'altra, ogni giorno un po' più vecchi e un po' più stanchi, si è assistito al Governo giallo-verde, poi a quello giallo-rosso, alla promozione dell'avvocato del popolo e all'abbandono di Grillo. Sul territorio i leader locali o sono migrati verso anonimi gruppi indipendenti o sono confluiti nel Pd, a partire dallo storico leader Massimo Bugani. Ovviamente per senso di responsabilità e per sacrificio. Figurarsi. Incapace di sognare, all'apparir del vero il Movimento 5 Stelle ha sostituito la strategia alla profezia, la terra al sogno, la lotta nel fango al battito d'ali.

E così si è arrivati all'ultima tappa di questa triste parabola, l'ultima metamorfosi di un Kafka rimasto senza parole. I vecchi militanti, quelli che 10 anni fa contribuirono a dare volti e mani al sogno di una rivoluzione dolce vengono ora messi di fronte al più drammatico dei bivi. O ci si allea col Pd alle amministrative o si è fuori dal Movimento. Fuori dalla casa che per decenni si è sentita propria, per la quale si sono fatti banchetti, si sono incassate querele e si è messa in discussione la propria stessa famiglia, se stessi.
O si mangia nel piatto Pd o si salta la finestra, così ha sentenziato il leader regionale Gabriele Lanzi, quello che un tempo 'annusava meloni', il parlamentare ribelle chiamato ad aprire Camera e Senato come scatolette di merluzzo, lo stornellatore di piazza.
E così i vecchi militanti con l'ultimo atto d'orgoglio, se ne sono andati a testa alta: da Soliera a Carpi, passando per Mirandola. Dalla Medici alla Magnoni, dalla Cappelli a Rossi, hanno salutato sbattendo la porta. Altri si sono piegati alla realtà e hanno rinunciato, o nel caso di Modena lo stanno facendo cedendo definitivamente alle lusinghe di Mezzetti, anche all'ultimo Vaffa.
Due miserie, silenziose come monadi, in un corpo solo.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo
Articoli Correlati
La piazza di Massimo
Politica
11 Giugno 2024 - 02:39
Modena, ecco i nomi del nuovo Consiglio comunale
Politica
10 Giugno 2024 - 23:06

Il Punto - Articoli Recenti
Sassuolo, Carpi, Modena: tracollo centrodestra, ma si fa finta di nulla
In Fdi nessun mea culpa sull'aver lasciato solo Negrini. La sua colpa? Averci creduto: grave..
11 Giugno 2024 - 12:18
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58