Modena, l'obiettivo di Mezzetti: allontanarsi il più possibile da Muzzarelli per evitare il ballottaggio
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Modena, l'obiettivo di Mezzetti: allontanarsi il più possibile da Muzzarelli per evitare il ballottaggio

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dopo aver chiarito la propria 'leadership', Mezzetti ha continuato con il demolire tassello dopo tassello le scelte della giunta uscente


Modena, l'obiettivo di Mezzetti: allontanarsi il più possibile da Muzzarelli per evitare il ballottaggio
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

L'equazione in fondo è semplice: tanto più sarà rimarcata la distanza con la giunta Muzzarelli, tanto più sarà possibile evitare il ballottaggio e ottenere una vittoria al primo turno. Il candidato del centrosinistra a Modena, Massimo Mezzetti, ha ormai chiara la cifra che dovrà guidare l'ultimo mese della sua campagna elettorale: la differenza col suo predecessore sarà la misura del suo successo.
Ma la formula non è solo una strategia, peraltro un po' logora: a onor del vero al candidato del centrosinistra l'esercizio sembra riuscire in modo naturale, tutt'altro che forzato. L'ex assessore regionale si è infatti presentato fin da subito a Modena senza timori reverenziali. Consapevole del suo ruolo da commissario, ha esercitato fino in fondo l'autonomia dai partiti e dal Pd in particolare.

Del resto i Dem a Modena lo hanno supplicato di candidarsi dopo il disastro della mancate primarie e il ballo degli otto o più candidati sindaci.

Così, forte di questa chiamata di emergenza (un po', facendo una iperbole, come fece Draghi, chiamato a palazzo Chigi per l'inettitudine della politica), Mezzetti si è sentito sin da subito libero di avere una agibilità piena e senza vincoli. Lo ha rimarcato anche alla presentazione della lista di Azione: egli avrebbe volentieri evitato di candidarsi a Modena, ma avendo accettato, a quel punto il Pd ha rinunciato ad ogni diritto di mettergli condizioni e paletti.
Il punto è che il Pd, con il segretario Venturelli, considerata la debolezza dimostrata, di paletti non ne avrebbe posti comunque. Colui che ha provato e prova tutt'ora a piantare paletti, palancole e fondamenta di cemento armato, è il sindaco uscente Muzzarelli, ma l'esercizio appare vano.

Mezzetti e Muzzarelli si conoscono da tempo e subito il primo non ha mancato di sottolineare come fosse l'ex sindaco di Fanano ad essere sotto la sua ala, quando egli arrivò decenni fa da Roma nella provinciale e ricca Modena.

Così come Mezzetti non ha risparmiato Stefano Bonaccini che forse, facendo male i conti, sperava di controllare il suo ex assessore, ma che ormai è tutto concentrato sulla poltrona dorata di Bruxelles.
Così, dopo aver chiarito la propria 'leadership', Mezzetti ha continuato con il demolire tassello dopo tassello le scelte della giunta uscente: dalla differenziata alla viabilità (esemplare il tema del sottopasso di via Morane), dalla stroncatura dell'approccio muscolare alla doccia fredda sul tema nomine. Mezzetti non ne ha lasciata passare una a Muzzarelli che, dal canto suo l'ha presa malissimo, ma non ha potuto far altro che incassare, cercando di sfruttare fino all'ultimo giorno il potere legato al suo incarico.

Il 9 giugno è però alle porte e a quel punto il passaggio di testimone sarà inevitabile. Compito di Mezzetti, qualora dovesse vincere evitando addirittura il ballottaggio, sarà quello di mantenere la promessa di questa discontinuità nella forma e - almeno un po' - nei contenuti.
Perchè - considerato il ritardo con cui Fdi ha lanciato il proprio candidato sindaco, che comunque ce la sta mettendo tutta con tempi e contesto disponibile - se l'alternanza a Modena anche in queste elezioni è improbabile, almeno si può sperare in un cambio di passo dall'interno, ad un definitivo addio alla logica dell'uomo forte e della protervia da ostentare come gioiello. E, onestamente, con il sorriso, i modi garbati ma non certo remissivi di Mezzetti, non appare un azzardo credere a questa piccola rivoluzione.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Voto a Modena: rischio del cambiamento e certezza della conservazione
Conservare un sistema che si conosce o cambiarlo accettando il rischio. Questo è il bivio. ..
01 Giugno 2024 - 14:39
Carpi, dal presidente Aimag uscita scomposta contro la Medici
Dove sarebbe il 'danno patrimoniale, economico, reputazionale' nel sostenere, anche errando,..
30 Maggio 2024 - 17:09
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58