Modena, città immobile, rassegnata e sporca: una deprimente cartolina
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Modena, città immobile, rassegnata e sporca: una deprimente cartolina

La Pressa
Logo LaPressa.it

Modena che non cambia nonostante tutto perchè a chi detiene la ricchezza non conviene cambiare e perchè anche alla opposizione conviene così


  • Modena, città immobile, rassegnata e sporca: una deprimente cartolina
  • Modena, città immobile, rassegnata e sporca: una deprimente cartolina
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Le immagini che ininterrottamente giungono in redazione sul degrado legato alla nuova modalità di raccolta differenziata targata Hera restituiscono la deprimente immagine di una città sporca, immobile e rassegnata.

Modena non è mai stata così tanto sporca. Rifiuti abbandonati ovunque, cassonetti trincerati da montagne di sacchetti di plastica, cumuli dove differenziata e indifferenziata si mescolano in una discarica inestricabile. Modena è sporca nei marciapiedi, nelle strade e negli androni dei palazzi che al loro interno nascondono - come nella miglior tradizione fine impero - i fasti degli scaloni, dei lampadari e delle statue in marmo: ricchezza messa in cassaforte dai privati che la detengono e divenuta ricordo di un mondo ormai tramontato. Modena è sporca, ma l'amministrazione (sempre dello stesso colore da otto decenni) e il gestore Hera tirano dritto, sordi davanti alle lamentele dei cittadini, costretti a differenziare in modo maniacale i rifiuti per poi ritrovarsi le vie ridotte in modo indecente e con un inceneritore, sempre gestito dalla stessa Hera, che brucia a prescindere 240mila tonnellate di immondizia l'anno.

Modenese o non. Non importa.

Modena immobile, conservatrice, fatta di tanti mondi impegnati a difendere con le unghie e con i denti diritti acquisiti anche attraverso un sistema di potere rodato, dove partito, governo locale e una precisa fetta di economia sono legate a doppio filo. Modena che non cambia nonostante tutto. Che non si sconvolge, non ferma una festa del cibo, neppure davanti alla morte di un ragazzino minorenne. Che osserva guerre e pandemie, diritti calpestati e soprusi verso i più deboli da spettatrice, posizionandosi sempre dalla parte 'giusta', quella più forte. Modena che non cambia perchè a chi detiene la ricchezza non conviene cambiare e perchè le briciole dei privilegi concessi a pioggia ai settori più disparati (dallo sport alla cultura) sono sufficienti a far germogliare in ogni campagna elettorale la volontà della continuità a ogni costo, della conferma di un potere che - dal canto suo - non si fa scrupolo a marginalizzare ogni forma di dissenso etichettandolo con qualche epiteto a caso, 'fascista', 'no vax', 'inaffidabile', 'incompetente'.

.

.

Non importa. L'importante è resistere ancora per cinque anni. Poi ci si penserà.

Modena rassegnata. Perchè l'opposizione stessa sembra accettare questo stato di cose, come fosse inevitabile, scritto nel cielo. Frutto di una volontà divina che ha condannato questa fetta di terra emiliana a non poter godere del profumo di una sana alternanza politica, che nulla ha a che vedere con l'appartenenza di ciascuno alla 'destra' o alla 'sinistra' ma che rappresenta un valore in quanto tale. Alternanza normale altrove, dal Trentino alla Puglia, impensabile qui, sotto la Ghirlandina. Modena rassegnata, tra cotechini in svendita e gnocco fritto, tra ragù scomposto e Lambrusco volato fino a 30 euro a bottiglia. Rassegnata perchè anche ai leader dell'opposizione che di volta in volta si sono succeduti, in fondo conviene così. Conviene tutelare il proprio recinto di minoranza, la propria poltrona, perchè cambiare davvero è troppo difficile. Troppo rischioso. Ci penseremo la prossima volta. Nel 2029, nel 2034, nel 2039. L'odissea delle attese si può sempre posticipare, la tartaruga per quanto lenta resta imprendibile.
Giuseppe Leonelli

Sopra la situazione in via Mar Tirreno e via Russi 

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Barcaiuolo non ha perso: con le preferenze ha allontanato Dondi e Rossini
A Modena Pulitanò con oltre 800 preferenze doppia Daniela Dondi – candidata appositamente..
11 Giugno 2024 - 17:20
Sassuolo, Carpi, Modena: tracollo centrodestra, ma si fa finta di nulla
In Fdi nessun mea culpa sull'aver lasciato solo Negrini. La sua colpa? Averci creduto: grave..
11 Giugno 2024 - 12:18
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58