Modena: così, dopo anni di opposizione, il M5S sposa il potere Pd
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Modena: così, dopo anni di opposizione, il M5S sposa il potere Pd

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'accordo sottoscritto a Modena tra Pd e M5S va ben oltre la svolta progressista del partito di Conte. Perchè nella Modena monocolore da sempre è tutto diverso


Modena: così, dopo anni di opposizione, il M5S sposa il potere Pd
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Troppo facile ironizzare su scatolette di tonno, su patti delle poltrone, sul Pd meno elle, su quel 'mai col partito di Bibbiano' e via di questo passo. Troppo facile citare l'orgoglio giacobino del Movimento delle origini, i banchetti estate e inverno e il desiderio di scardinare il sistema. Non tanto a Roma, ma qui, nella Modena governata da 80 anni dagli stessi partiti.
Troppo facile e in fondo si tratta di un esercizio ormai logoro e ripetitivo.
Le cose sono andate così. Tristemente, per chi ci ha creduto, così.
Dopo anni di opposizione nelle piazze, in Consiglio comunale, stornellature e attacchi frontali ai volti del sistema di potere locale, il Movimento 5 Stelle decide di sposare il potere. Oggi Mezzetti stesso lo ha ufficializzato.

Perchè di questo parliamo. L'accordo sottoscritto a Modena tra Pd e Movimento 5 Stelle (compresa Azione di Calenda), va infatti ben oltre la svolta progressista del partito di Conte.

Nella Modena monocolore, conservatrice e immutabile, allearsi col Pd non significa spostare legittimamente il proprio baricentro politico a sinistra, ma significa semplicemente accettare di far parte di chi comanda, di chi si autoproclama da decenni come 'la parte buona', di chi si permette di dare etichette di democrazia a chi non accetta ostinatamente di far parte di questo sistema. Destra e sinistra, conservatori e progressisti non c'entrano nulla. Non c'entrano concessioni programmatiche, promesse di spegnimento tra ere geologiche dell'inceneritore e cancellazioni di Bretelle. Senza l'accordo coi 5 Stelle Mezzetti avrebbe rischiato il ballottaggio, nonostante il colpevole ritardo del centrodestra, la vivacità di Negrini avrebbe avuto serie chance di approdare al secondo turno. Così non sarà, perchè gli ex ribelli hanno deciso di piegarsi al potere.

Non parliamo di scenario nazionali, delle strategie di Conte e Schlein: Modena è diversa.

Non è Bari (dove peraltro il M5S correrà solo), non è Roma e non è Milano. Modena, insieme a Reggio, Ravenna e altre due o tre città toscane, è una enclave anomala a livello nazionale. A Modena dopo 80 anni di ripetizione di un modello di potere, con la riproposizione delle stesse persone, anche per via dinastica, con il centrodestra eternamente pronto (oggi nel vertice provinciale di Fdi) ad abdicare al proprio ruolo di guida dell'alternanza lasciando il candidato di turno solo nel suo entusiasmo (nel caso di Negrini) o solo nella sua rassegnazione come avvenuto in passato, non è una città come le altre. 

Ed è per questo che la decisione del M5S di accordarsi col Pd a Modena, di sottoscrivere il programma del tanto colto quanto sistemico Mezzetti, ha del clamoroso. Senza ironia. Senza facili battute. Senza voler gettare la croce su nessun consigliere, alcuni dei quali vittime di questa decisione. E' solo clamorosamente e silenziosamente triste. Una tristezza che forse scavalla anche il piano strettamente politico, perchè per molti tocca corde profonde, personali e ideali. Ora qualche ex grillino approderà in giunta, qualcuno verrà nominato in qualche ente pubblico e qualcuno per rispetto di se stesso dirà basta con la politica. E' così. Una realtà buia e triste, svuotata dell'ultimo senso, orfana dell'ultima ribellione. Una realtà davanti alla quale anche l'ultimo grido risuonerebbe muto. Triste come una festa di compleanno piena di palloncini e dolcetti preparati a mano, alla quale nessun bambino si presenta. Triste come la sveglia che segna le 2.30 di notte, quando proprio non si riesce a dormire. Triste come un ultimo abbraccio.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Mail dipendenti usata per spot: Mezzetti ha avuto il coraggio di sfidare la macchina comunale
Il candidato Pd attacca: 'Necessità di definire un miglior equilibrio tra trasparenza ..
20 Maggio 2024 - 18:31
Voto a Carpi, il possibile flop di Azione inquieta Righi
Non solo, la campagna elettorale di Righi è saldamente nelle mani dei soliti noti, seppur ..
18 Maggio 2024 - 12:58
Modena, la campagna elettorale del fair play (forse troppo)
Mezzetti ha da guadagnare maggiormente da questa campagna elettorale 'soft'. Per questo, ..
15 Maggio 2024 - 07:03
Voto a Carpi: ecco come finirà. Non serve la sfera magica
Righi arriverà a sfiorare addirittura il 60% di voti potenziali. Annalisa Arletti si ..
14 Maggio 2024 - 14:07
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58